Rhea Seehorn parla di Kim Wexler in Better Call Saul: ‘Vedo il lato oscuro’

Coda bionda e vocazione court: Kim Wexler è la supereroina di Better Call Saul. Ma anche lei sta imboccando la strada verso il suo lato oscuro.

Netflix Primo piano di Kim Wexler in Better Call Saul

Chi conosce e guarda Better Call Saul sicuramente non è rimasto immune di fronte al fascino magnetico di Kim Wexler, la migliore amica, poi fidanzata e infine moglie del protagonista Jimmy McGill/Saul Goodman.

Avvocato come lui, pronta a farsi valere in ponytail e tailleur, Kim ci ha fatto assistere a una netta (oscura) evoluzione del suo personaggio, dalla prima all’ultima stagione.

La serie è arrivata al suo quinto capitolo e si può dire che rappresenti alla perfezione il contraltare crepuscolare di Breaking Bad: la scrittura di Vince Gilligan e Peter Gould è inaspettata, ricca di chiaroscuri e agisce non sulla base dei classici snodi o colpi di scena ma in modo completamente nuovo.

Intervistata da Deadline, l’attrice Rhea Seehorn, che interpreta Kim, ha parlato del futuro del personaggio. Da tempo, guardando questo spin-off, ci sentiamo pervasi dalla spiacevole sensazione che stia per capitarle qualcosa di terribile da un momento all’altro.

Morirà? Siamo indotti a crederlo, dato che ci ricordiamo in Breaking Bad di un Saul (lo stesso Saul dei flashforward di Better Call Saul) solo e single.

NetflixUna scena di Saul Goodman in Better Call Saul
Abbiamo visto sempre Saul nel futuro senza Kim

A domanda diretta su un possibile lato oscuro di Kim, l’attrice ha risposto...

Sì, vedo un lato oscuro.

Ci sarà un’altra Kim, che sta prendendo piano piano il sopravvento su quella storica, corretta e tendenzialmente leale. La sua parte meno nobile emergerà dalla palude delle insicurezze, proprio come Saul Goodman è emerso in Jimmy.

E quindi la relazione, allude Rhea Seehorn, prenderà quasi la forma di un quadrangolo: Jimmy, Kim e i loro “doppi oscuri”.

Jimmy ha portato Saul Goodman nella loro storia, e lei sta introducendo quest’altra persona [questo nuovo lato di sé, n.d.r.]. C’è una sorta di martirio dell’ipocrisia.

Bob Odenkirk, che interpreta Jimmy/Saul, ha dichiarato che il suo personaggio, di fronte alle nuove macchinazioni di Kim, “è un po’ perplesso, come lo spettatore”.

NetflixUna scena con James McGill in Better Call Saul davanti alle camicie e giacche
James, Saul e la doppia identità

Deadline ha contattato anche il co-creatore di Better Call Saul, Peter Gould, per avere notizie sulla prossima stagione: non sarà imminente, a causa delle difficoltà del lavoro da remoto.

Siamo piuttosto in ritardo […] ma adoro quello che abbiamo creato.

Si stanno verificando più riscritture, ha annunciato sempre Gould. Ma c’è un obiettivo.

Il nostro fervente desiderio è iniziare le riprese all’inizio del prossimo anno.

Che cosa ne pensate? Anche voi siete preoccupati per il destino di Kim?

Leggi anche

      Cerca