20 serie TV da tenere d'occhio nel 2021

Supereroi? Animazione? Mystery drama o reboot di personaggi iconici? C'è tutto quello che desiderate nella serialità del 2021. Ecco dunque 20 titoli di serie TV da tenere sott'occhio, tra Netflix, Amazon, Apple TV e diverse produzioni italiane.

Marvel Studios Le 20 serie TV da tenere sott'occhio nel 2021

In un anno peculiare come il 2020, dove le uscite cinematografiche hanno dovuto seguire un rigido protocollo di costante riaggiornamento di date di rilascio, subendo continui rimandi che hanno destinato addirittura alcuni titoli al 2021, le serie TV sono state la salvezza per molti spettatori. Nell’anno in cui l’ultima pellicola di 007 è stata cancellata dal calendario e dove il futuro della casa Marvel è stato rimandato a data da destinarsi, operazioni seriali come la sconvolgente I May Destroy You o l’adolescenziale We Are Who We Are di Luca Guadagnino, come l’intimo di Normal People o il sovrannaturale Lovecraft Country hanno confortato il pubblico grazie alla loro notevole qualità, facendo sentire gli spettatori un po’ meno soli.

È perciò ancora una volta nella serialità televisiva e digitale in cui confidiamo per questo 2021, che sembra promettere una serie di titoli di altissimo richiamo già nei primi mesi della sua partenza. Ecco quindi una lista di 20 serie da tenere sott’occhio per il 2021, tra firme autoriali, sitcom supereroistiche e inedite collaborazioni.

1) Wandavision

È inutile nasconderlo: per questa prima parte dell’anno saremo tutti concentrati su Wandavision e la sua uscita il 15 gennaio. La serie che vede come protagonisti i personaggi di Scarlet Witch e Visione, interpretati da Elizabeth Olsen e Paul Bettamy, apriranno le danze per tutta una serie di prodotti che approderanno direttamente sulla piattaforma di Disney +. Una nuova forma di narrazione per la Marvel, che con Wandavision fa il suo debutto nella serialità.

Ad incuriosire maggiormente della serie è il suo carattere mutevole che ha dimostrato già dal trailer. Wandavision dovrebbe, infatti, mantenere principalmente i toni della sitcom, ma saranno probabilmente diversi i generi che andrà a toccare, portando avanti una delle storie d’amore più belle del MCU. Una serie che, a detta di chi ha lavorato al progetto, potrà essere vista anche da chi non ha mai seguito alcun film della Marvel, mentre per gli appassionati ci saranno non poche sorprese. Il tutto condensato in sei puntate.

2) Lupin

Sono innumerevoli le narrazioni che si aggirano intorno alle avventure furbastre di Arsenio Lupin. E, ora, è Netflix ad aggiungerne una ulteriore. Si tratta della serie originale Lupin, che arriverà sulla piattaforma streaming dall’8 gennaio. Ispirata all’opera dello scrittore Maurice Leblanc, questa moderna versione del truffatore sarà ambientata a Parigi e a vestirne i panni del protagonista troviamo Omar Sy, che la maggior parte del pubblico ricorderà per il suo ruolo accanto a François Cluzet nell’acclamato film Quasi amici. 

La trama di Lupin si incentra su un giovane Assane Diop che, in seguito alla morte di suo padre avvenuta dopo che l’uomo era stato accusato di un crimine che non aveva commesso, vedrà la sua vita stravolgersi per sempre. Venticinque anni dopo, Assane prenderà spunto dal libro Arsène Lupin, ladro gentiluomo, cercando l’ispirazione per vendicare il genitore. La prima parte di Lupin è composta da cinque episodi.

3) House of the Dragon

Nostalgia per Il Trono di Spade? Non temete fan affezionati, lo spin-off della serie di successo della HBO sta arrivando. Si tratta di House of the Dragon, che ha visto la sua totale approvazione e produzione di un’intera stagione, dopo la repentina cancellazione di quello che sarebbe dovuto essere un prequel della serie, ambientato molto tempo prima di Cronache del ghiaccio e del fuoco e con protagonista Naomi Watts. Anche House of Dragon si pone anni in avanti rispetto a Il Trono di Spade, ma invece che di migliaia come nella serie con la Watts, a separare gli eventi conosciuti dai fan ci sono solamente trecento anni.

House of the Dragon trova la base per la sua storia nel romanzo Fire & Blood, il quale va raccontando i primi centocinquanta anni della casata dei Targaryen, a cui appartiene il personaggio di Daenerys. Verranno messi alla luce gli accadimenti che hanno portato al tramonto di un nome potente come quello dei Targaryen, arrivando fino alla ribellione di Robert Baratheon, così da potersi poi ricongiungere direttamente con Il Trono di Spade.

4) Il Signore degli Anelli

È stato Frodo Baggins, alias Elijah Wood, a dichiarare che sarebbe stato meglio per la serie ispirata dal lavoro letterario di J. R. R. Tolkien non chiamarsi come i film della famosa saga Il Signore degli Anelli. Questo perché la serie originale di Amazon Prime Video, che cerca con questa produzione e la sua portata mastodontica di innalzarsi a più potente piattaforma streaming almeno del 2021, è ambientata cronologicamente molto prima rispetto agli avvenimenti che tutti noi conosciamo grazie alla meravigliosa e insostituibile trilogia diretta da Peter Jackson.

Ma eccoci qui comunque con una serie che trae il proprio materiale da alcuni scritti originali di Tolkien e la cui unica cosa sulla trama data per certa è la sua collocazione moltissimo tempo prima rispetto a La Compagnia dell’Anello. Sembrerebbe inoltre che Amazon abbia commissionato allo show già ben cinque stagioni, le quali avrebbero messo al lavoro da subito gli sceneggiatori della serie. Al momento però è confermata solamente una seconda stagione. La data per l’uscita della serie è ancora incerta. 

5) Loki 

Altra serie Marvel e non ultima della lista. Torna in formato seriale uno dei personaggi più adorati dell’intero franchising della Marvel, un villain confezionato ad hoc per conquistare il pubblico in questa nuova fase sperimentale per le narrazioni dell’azienda capitanata da Kevin Feige, presidente dei Marvel Studios. È Loki la serie che, come Wandavision, arriverà su Disney + nella primavera del 2021. A indossare nuovamente i panni del fratellastro di Thor c’è l’immancabile Tom Hiddleston, imprescindibile interprete legato all’affascinante figura del personaggio nordico.

Le anticipazioni possibili da fare intorno a Loki sono alquanto limitate. Se si va pensando alla timeline del MCU, al momento il personaggio sarebbe morto vista la sua sorte in Avengers: Infinity War. È pur vero, però, che con i viaggi nel tempo generati per rimediare al caos causato dallo schiocco delle dita di Thanos, abbiamo visto Loki in un momento passato nella timeline dei film, in cui il personaggio riesce a fuggire con il Tesseract. Questo, come è stato confermato dai Fratelli Russo, crea una nuova linea temporale all’interno del MCU, dove potrebbero andarsi ad inserire le vicende del protagonista della serie, divisa anche questa in sei puntate.

6) Invincible 

Nuova serie animata per Amazon Prime. Invincible è l’inedita produzione ideata da Robert Kirkman, già papà dei fumetti di The Walking Dead. A fare da protagonista è la storia in otto puntate sull’iconico lavoro del fumettista statunitense, che potrebbe catturare l’attenzione di tutti i fan di The Boys visto l’incrocio tra poteri e ultra-violenza.

Invicible vede come protagonista il giovane Mark Grayson, figlio di Omni-man, considerato universalmente il più potente supereroe dell’intero pianeta. Non è certo facile, dunque, crescere nell’ombra di una figura così grande, soprattutto quando, al compimento dei diciotto anni, lo stesso Mark inizierà a sviluppare i suoi poteri. Questo lo porterà a scavare più affondo nella vita del genitore, scoprendo che forse, di eroico, ha avuto ben poco.

7) Anna

Niccolò Ammaniti torna alla serialità dopo il successo de Il miracolo e lo fa facendosi affinacare ancora una volta dalla mano della sceneggiatrice Francesca Manieri. L’opera si basa sul lavoro letterario omonimo di Ammaniti uscito nel 2015 e sarà trasmessa su Sky Atlantic e distribuita su Now TV nei primi mesi del 2021.

Puntando anche questa volta sulla suggestione e la sospensione, Anna prende il titolo dalla sua protagonista interpretata da Giulia Dragotto, la quale vive in un mondo dove un virus ha sterminato tutti gli adulti, lasciando da soli i bambini. Nella sua nuova vita solitaria, l’unica persona vicina ad Anna è il fratellino Astor, che verrà però rapito da una banda di bambini, costringendo così la ragazzina a cercarlo. In questo viaggio in una Sicilia sommersa dalle macerie, Anna insieme ad altri personaggi cercherà di attraversare lo stretto di Messina, con il tentativo di scoprire se davvero non è rimasto più alcun adulto o se, invece, è stata trovata una cura al virus.

8) Speravo de morì prima

Dopo il suo debutto alla regia nel 2020 con il grottesco e illuminante I predatori, Pietro Castellitto torna davanti la macchina da presa per interpretare un’icona della romanità tutta. Il figlio d’arte, infatti, sarà il capitano Francesco Totti nella serie televisiva Speravo de morì prima, frase che ha echeggiato per giorni dopo il ritiro del calciatore dalla squadra della Roma.

Speravo de morì prima è un originale Sky ed è tratta da Un Capitano realizzato dello stesso Totti insieme al giornalista Paolo Condò. Serie che arriva solo con un anno di distanza dal sorprendente documentario sullo sportivo Mi chiamo Francesco Totti, che ha ricevuto un’accoglienza assai calorosa sia da parte del pubblico, che della critica. L’operazione seriale è divisa in sei episodi, i quali vanno indagando gli ultimi due anni del calciatore numero 10, nonché il suo definitivo addio alla maglia giallorossa. 

9) Outer Range 

La Plan B di Brad Pitt si unisce ad Amazon per dare vita alla serie mistery Outer Range, i cui nomi del cast continuano ad aumentare di giorno in giorno. Ai già nominati Josh Brolin, Tom Pelphrey, Tamara Podemski e Lili Taylor è andata aggiungendosi anche l’attrice Imogen Poots, la quale è fresca di serialità arrivando direttamente dal lavoro svolto insieme all’ideatore Derek Cianfrance di Un volto, due destini - I Know This Much Is True. 

Outer Range è scritta e ideata dall’esordiente Brian Watkins e ambientata nei territori ostili del Wyoming. Il protagonista è Josh Brolin nel ruolo di Royal Abbott, allevatore che lotta e lavora per mantenere la propria terra e il proprio stile di vita, i quali verranno smossi alla scoperta dell’uomo di un mistero proprio a pochi passi dalla sua casa. 

10) The Expatriates

Lulu Wang ha saputo farsi notare grazie al suo delizioso The Farewell, storia di una ragazza divisa tra le tradizioni cinesi della propria famiglia e la sua vita in America, che è andata esplorando le varie contraddizioni di entrambe le culture. Dopo il suo passaggio al cinema, dove a farle da protagonista c’era l’irresistibile Awkwafina - vincitrice per il ruolo del Golden Globe - e dove l’autrice ha visto trionfare il suo film agli Independent Spirit Awards, la Wang approda nella serialità con The Expatriates e lo fa affidandosi ad Amazon.

A produrre insieme al colosso streaming c’è anche Nicole Kidman, che ha fatto sì di portare alla luce sul piccolo schermo la storia basata sul best seller di Janice Y.K. Lee, il quale tratta della drammatica vita comunitaria di un gruppo di donne espatriate che vivono a Hong Kong. La serie è divisa in sei episodi, ma visto che si sa ancora davvero poco al riguardo, è possibile che venga posticipata. In ogni caso, per un’autrice come Lulu Wang, è sempre meglio tenersi preparati.

11) Falcon and the Winter Soldier 

Finalmente le riprese di Falcon and the Winter Soldier sono finite e la serie può arrivare così sulla piattaforma Disney +. L’operazione Marvel vede uniti insieme due dei personaggi minori, ma non per questo meno amati, del MCU, che avranno così la possibilità di brillare in uno show tutto loro. I protagonisti sono quindi il Falcon di Anthony Mackie e il soldato d’inverno Bucky Barnes di Sebastian Stan.

Come per il resto delle serie Marvel, le anticipazioni sulla trama sono davvero poche. Ciò a cui possiamo aggrapparci, però, è il passaggio dello scudo in vibranio affidato da Captain America a Falcon, sottolineando in qualche modo una sorta di passaggio di testimone. La serie è definita una buddy comedy in cui i personaggi si ritroveranno coinvolti spalla a spalla in alcune avventure. Falcon and the Winter Soldier arriva su Disney con le sue sei puntate il 16 marzo 2021.

12) Daisy Jones and the Six

Amazon ha deciso di conquistare il 2021. Ad aggiungersi alla lista delle sue serie TV originali è Daisy Jones and the Six, che vede alla regia la Niki Caro regista del live action Disney Mulan. La serie si basa sull’omonimo romanzo di Taylor Jenkins Reid ed ambienta negli anni Settanta.

Protagonista di Daisy Jones and the Six è l’attrice Riley Keough nel ruolo della misteriosa cantautrice Daisy, che cerca di farsi strada nel mondo della musica rock. Il successo per la cantante arriverà quando un produttore la farà unire insieme al gruppo dei The Six capitanato dal frontman Billy Dunne, l’attore Sam Claflin.

13) Hawkeye 

Attualmente in lavorazione, la Disney e i Marvel Studios sembrano confidare nella ripresa delle loro attività tanto da riservare uno spazio nell’autunno del 2021 per la serie Hawkeye incentrata sul supereroe Occhio di Falco di Jeremy Renner. A fare da co-protagonista, un personaggio entusiasmante: Kate Bishop, giovane allieva del supereroe, nel cui ruolo troviamo la promettente e ormai conosciutissima Hailee Steinfeld.

E sarà proprio sull’addestramento di questa abilissima tiratrice su cui si fonda la trama di Hawkeye, che vede il personaggio di Clint aka Occhio di Falco insegnare alla giovane Bishop i segreti del mestiere. Questo nonostante lei non abbia alcun potere, ma cercherà comunque di trasformarla in un supereroe.

14) Christian 

Altri elementi sovrannaturali per la serialità italiana. Sky ha annunciato il suo crime drama Christian, che vede protagonista l’attore Edoardo Pesce come improbabile dispensatore di miracoli. A dirigere c’è il Stefano Lodovichi di un’altra serie italiana di successo come Il cacciatore, che è andato lavorando su questo inedito progetto basato sull’omonimo cortometraggio girato nel 2015 da Gabriele Mainetti e Ilaria Giachi.

Christian è il violento protagonista della serie, colui che si occupa dei lavori sporchi di un malavitoso boss di nome Lino, per cui l’uomo va a riscuotere i debiti arrivando ogni volta alle mani. Ma saranno proprio quelle che, da un giorno all’altro, cominceranno a sanguinare. Se da una parte questo impedirà a Christian di svolgere adeguatamente il proprio lavoro, dall’altra si renderà conto che sarà in grado di curare le persone.

15) What if…?

Tra le trovate più cervellotiche dei Marvel Studios, quella del “Cosa sarebbe potuto succedere se…?” appartiene alla nuova serie animata What if…? che arriverà nel 2021 su Disney +. Nella prossima estate potremmo assistere a tante varianti dello stesso universo che potranno offrire una serie di spiragli su cosa sarebbe potuto accadere di diverso ad alcuni personaggi del MCU, i quali verranno doppiati dai loro attori originali.

A narrare gli eventi della serie TV è il protagonista The Watcher, extraterrestre in grado di poter osservare tutti gli eventi che avvengono nell’universo. A doppiare questo personaggio alquanto carismatico è Jeffrey Wright, il prossimo ispettore Gordon nel film The Batman diretto da Matt Reeves. 

16) Lisey's Story

I contenuti basati sulle opere di Stephen King non finiscono mai. È questa volta Apple TV ad accalappiarsi i diritti di Lisey's Story, miniserie in otto puntate sceneggiata dallo scrittore di horror stesso e che vedrà alla regia uno dei più grandi cineasti contemporanei: Pablo Larraín. Prima di mettersi al lavoro sul biopic sulla principessa Diana interpretata da Kristen Stewart, il regista cileno si è dedicato al mondo della serialità dove a produrlo sono stati, accanto ad Apple, anche JJ Abrams, Ben Stephenson e Julianne Moore. Quest’ultima è anche la protagonista di Lisey's Story accanto a Clive Owen, ritrovando i due attori insieme dai tempi di I figli degli uomini di Alfonso Cuarón. 

La serie vedrà come protagonista Lisey, vedova da due anni. Una serie di eventi condurranno la donna in un vortice di irrealtà, finendo per ritrovarsi davanti ad alcuni momenti ed eventi che riguardano proprio il marito defunto. Momenti ed eventi che, forse, Lisey aveva cercato di dimenticare.

17) A casa tutti bene 

Gabriele Muccino si sposta dal cinema alle serie TV per portare sul piccolo schermo una storia che però trae ispirazione proprio da uno dei suoi ultimi film, A casa tutti bene. Stesso titolo per pellicola e serie televisiva, il progetto prodotto da Sky insieme a Lotus Production e Leone Film Group è stato annunciato solamente nell’estate del 2020 e vede l’inizio delle sue riprese nella primavera del 2021, ma sembrerebbe confermata la volontà di far uscire il prodotto nel corso del medesimo anno.

Le otto puntate di A casa tutti bene andrebbero a svelare un doloroso segreto della famiglia proprietaria de La Villetta, che da quasi quarant’anni è uno dei più rinomati locali di Roma. Le tematiche della serie ripercorreranno i legami familiari così come aveva fatto il film omonimo. Ancora non si hanno bene notizie su quali attori della pellicola torneranno nella serie televisiva, ma visti anche alcuni dettagli della trama si sospetta su alcuni nomi come Pierfrancesco Favino, Carolina Crescentini, Ivano Marescotti e Stefania Sandrelli

18) Women of the Movement

Women of the Movement è la miniserie diretta da Gina Prince-Bythewood, regista del film originale Netflix The Old Guard. Nel cast troviamo Niecy Nash, Adrienne Warren e Cedric Joe. La serie è prodotta dalla Abc e tratta fatti realmente accaduti.

La storia di Women of the Movement inquadra la vita delle madri di alcuni figli destinati a una vita fatta di violenza a causa dell’odio razziale. Tra di loro viene ripresa anche la vita della madre di Emmett Till, ragazzo che venne assassinato nel 1955. La morte del ragazzo ha dato il via al movimento dei diritti civili in America. 

19) Generazione 56K

Dopo il loro passaggio sul grande schermo con Addio fottuti musi verdi nel 2017, i The Jackal firmano un accordo con Netflix ed ecco nascere Generazione 56K, serie originale in otto puntate che si dividerà tra Roma, Napoli e Procida e cercherà di inquadrare quella generazione cresciuta a cavallo degli anni Novanta.

I protagonisti di Generazione 56K sono Daniel e Matilda, i quali si conoscono da giovanissimi e si innamorano, poi, da adulti. Insieme a Luca e Sandro, anche loro amici di sempre, la serie inquadrerà la loro vita e li renderà i rappresentanti di un’intera generazione, quella che si rifà al modem 56K, che sconvolse la loro adolescenza con l’arrivo di internet, intrecciando gli eventi tra il 1998 e i giorni nostri.

20) Walker 

Per chiudere la lista delle serie da tenere d’occhio nel 2021, c’è un prodotto che arriverà direttamente nel primo mese di gennaio. Si tratta di Walker, reboot della celeberrima serie con protagonista l’iconico Chuck Norris, che per nove stagioni ha ricoperto il ruolo di protagonista in Walker Texas Ranger. A dover prender il suo posto, imbarcandosi in una vera e propria sfida contro una leggenda della televisione, è Jared Padalecki, ormai libero vista la conclusione della lunga avventura intrapresa con Supernatural. 

Proprio come la serie originale, anche Walker si concentrerà sui temi del vivere comune, diviso tra società e famiglia. Il protagonista è Cordell Walker, che mentre indaga su alcuni casi nella squadra dell’élite dello Stato, cercherà di riavvicinarsi alle persone a lui care. 

Leggi anche

      Cerca