Fate - The Winx Saga: finale e spiegazione della prima stagione

Dai piani di Rosalind alla Fiamma del Drago: ecco il finale e la spiegazione di cosa è avvenuto nella sesta e ultima puntata della prima stagione di Fate - The Winx Saga, serie originale targata Netflix.

Netflix Fate - The Winx Saga: spiegazione del finale della prima stagione

Fate - The Winx Saga è la rivisitazione young adult che Netflix dà di uno dei maggiori fenomeni audiovisivi prodotti dall’Italia negli ultimi anni. Era il 2004 quando Iginio Straffi creò Winx Club, cartone animato di successo nazionale e internazionale che nelle mani dello showrunner Brian Young attraversa tutt’altra rivisitazione per adattarsi agli stilemi e alla visione delle fate nel nuovo decennio.

Le protagoniste di Fate - The Winx Saga, pur ripercorrendo alcuni dei caratteri dei personaggi del cartone animato originario, si presentano come identità rinnovate. Manca la fata Tecna, sostituita subito da Aisha (che, nella versione animata, compariva solo nelle stagioni successive), mentre Flora viene soppiantata dall’inedita Terra.

Questo ha significato, ovviamente, un cambio di racconto all’interno delle dinamiche di quello che un tempo era il Winx Club, proponendo su Netflix toni ben più adulti e dark, che ricalcano soltanto alcuni degli elementi con cui si sono presentate le Winx negli anni della loro ribalta mondiale. Fate - The Winx Saga ha una narrazione che va mischiando doveri e obblighi, crimini di guerra, e segreti rimasti per molto tempo sopiti e che il finale della prima stagione continua a portare con sé anche nella sua ultima puntata. Questo fa intuire l’intenzione di una seconda stagione, vista la conclusione del sesto episodio.

L’ultima puntata di Fate - The Winx Saga è un continuo climax che, però, non si esaurisce con la sua fine.

In apertura Bloom, protagonista principale della serie, è riuscita a liberare l’enigmatica Rosalind dalla prigionia impostale da Farah, direttrice della scuola Alfea, che teneva nascosta l’unica persona che potrebbe svelare alla ragazza la verità sul suo passato. Bloom è infatti una changeling, un essere magico scambiato alla nascita e cresciuto nel mondo degli umani.

È solo all’età di sedici anni che Bloom scopre di essere una fata del fuoco e di possedere un potere magico. Questo la porta dunque a domandarsi chi possano essere i suoi veri genitori: un interrogativo che vuole rivolgere proprio a Rosalind, colei che l’ha consegnata ai suoi parenti umani. 

Quando, però, Rosalind viene liberata, i segreti sembrano infittirsi ulteriormente. Quello di cui Bloom era a conoscenza era che la cittadina di Aster Dell, dove i temuti Bruciati mietevano le loro vittime, era stata distrutta da Farah, Silva e Harvey, tre insegnanti dell’accademia fatata. Successivamente viene invece a sapere che il trio aveva compiuto quest’atto terribile su comando di Rosalind, che aveva mentito, dicendo loro che il paese era stato evacuato. Questa menzogna in seguito portò i tre a diffidare delle parole e delle intenzioni di Rosalind e li spinse alla conclusione che era necessario imprigionarla.

Quello che però ribalta ulteriormente la storia è la nuova rivelazione di Rosalind a Bloom. La donna era consapevole che la popolazione di Aster Dell si trovava ancora lì, ma gli abitanti erano delle streghe di sangue, che non hanno poteri propri e dunque adempiono a riti e incantesimi illegittimi e pericolosi.

Bloom, che da neonata era stata trovata ad Aster Dell, era stata quindi rapita e allontanata dai suoi genitori biologici che, per questo, potrebbero essere ancora vivi. Se Bloom si fiderà di Rosalind, quest'ultima potrà aiutarla ad accrescere il proprio potere e sostenerla nella ricerca dei genitori.

Ciò che, però, attua Rosalind è un piano per attingere alla potenza innata di Bloom. È per questo che, al cerchio di pietra in mezzo al bosco, cerca di farle incanalare il massimo della magia e, allo stesso tempo, la sprona a sprigionare quel potere che la ragazza possiede al proprio interno.

Ed è proprio questo il piano di Rosalind: fare in modo che i Bruciati accerchino Bloom, costringendola ad utilizzare quella forza e quel potere che dormono dentro di lei. Mentre, infatti, insegnanti e alunni di Alfea si preparano alla difesa e all’attacco nel cortile della scuola, Bloom si fa volontariamente esca per attirare all’aperto i Bruciati e cercare così di sconfiggerli grazie al potere che, dopo l’incontro con Rosalind, sa di possedere. Circondata dai nemici, Bloom attinge a quella che Rosalind e Farah chiamano la Fiamma del Drago.

Netflix Bloom in Fate - The Winx Saga
Bloom nell'ultima puntata di Fate - The Winx Saga

La Fiamma del Drago fa parte dell’universo delle Winx fin dal cartone animato. Si tratta del potere che forgiò al principio la Dimensione Magica stessa. È un potere antico a cui Rosalind e Farah fanno riferimento e che sembra risiedere all’interno di Bloom. In fondo era solo facendola attaccare dai Bruciati, quindi costringerla a una situazione di pericolo, che la fata del fuoco poteva trovare quella forza che, fin dall’inizio della serie, ci dicono risiedere dentro di lei. Questo potere, inoltre, porta Bloom a una trasformazione: alla fata compaiono delle ali di fuoco.

Il discorso delle ali si ricollega al primo episodio di Fate - The Winx Saga: appena arrivata ad Alfea, in un dialogo con Farah, Bloom fa una considerazione a proposito della possibilità delle fate di avere le ali. Farah le risponde che le ali appartenevano a un’antica diramazione di fate, le quali nel corso degli anni si erano adattate ai cambiamenti del mondo tanto da perderle. Questo significa che Bloom, nel sconfiggere i Bruciati, ha attinto proprio da quella magia antica e, a quanto pare, potentissima, che la rende un elemento temibile e prezioso per il mondo magico.

Di questa consapevolezza sono al corrente sia Farah, che Rosalind. Quando, infatti, i Bruciati vengono sconfitti da Bloom, la questione tra le due non finisce lì. Mentre la ragazza si reca in California insieme alle sue amiche per rivelare la sua identità ai genitori umani, ad Alfea si consuma velocemente una serie di cambiamenti. Alcuni indizi su cosa succederà ce li dà Beatrix, che riesce a rimettersi in sesto grazie all’aiuto di Riven e Dean, che così entrano a far parte di quello che la ragazza definisce il piano del padre (anche se quest’ultimo non sarebbe il suo genitore biologico). 

Netflix Sadie Soverall interpreta il personaggio di Beatrix
Sadie Soverall è Beatrix in Fate - The Winx Saga

Farah viene dunque uccisa da Rosalind, che diventa nuovamente direttrice di Alfea dopo sedici anni.

In più Silva viene accusato di tentato omicidio e arrestato. Questo perché Andreas (ovvero il padre di Sky, che Silva era convinto di aver ucciso) in realtà è vivo: è lui che ha accudito e cresciuto Beatrix (anche lei unica superstite insieme a Bloom della strage di Aster Dell). L'uomo era rimasto nell’ombra per tutti questi anni, a quanto pare assecondando il presunto piano di Rosalind e, di fatto, abbandonando il figlio Sky, cresciuto per tanti anni da Silva. 

Rosalind e Andreas prendono quindi in mano le redini di Alfea e, ad unirsi a loro, c'è anche la regina Luna, la madre di Stella, che nel corso della serie aveva avuto diverse diatribe con la direttrice Farah riguardo all’educazione e la riabilitazione magica della figlia, messa in atto dopo uno spiacevole incidente.

Quello che sembra instaurarsi, dunque, ad Alfea - dove le cinque protagoniste fate tornano trovando applicati tutti gli stravolgimenti cominciati da Rosalind -, è un clima di severità e rigidezza, che porterà probabilmente alla formazione di nuovi soldati per una guerra di cui, al momento, ad essere a conoscenza è la sola Rosalind (e probabilmente i suoi alleati). La frase con cui Rosalind accoglie le protagoniste, sostando all’ingresso di Alfea con Andreas e Luna, è proprio: “Bentornate ragazze. C’è stato qualche cambiamento.”

Netflix Bloom insieme alle altre protagoniste di Fate - The Winx Saga
Le protagoniste di Fate - The Winx Saga

Adesso che la Fiamma del Drago si è rivelata all’interno di Bloom, pur essendone la fata all’oscuro, sicuramente Rosalind cercherà di utilizzarla per arrivare ai suoi scopi.

Nell’universo animato delle Winx, sono diversi i personaggi che hanno cercato di impossessarsi della Fiamma del Drago, tra cui le Trix (fate antagoniste del cartone), le Tre Streghe Antenate e Lord Darkar, colui che avrebbe distrutto Domino ossia il pianeta da cui proverrebbe Bloom (e di cui sarebbe la principessa). Questo significa che la Fiamma del Drago potrebbe venir sottratta dalla stessa Bloom e utilizzata così da un’altra persona. Che sia questo il desiderio di Rosalind? Sarà possibile scoprirlo soltanto con l’arrivo della seconda stagione.

Leggi anche

      Cerca