Il Grande Gatsby diventa una serie: cosa sappiamo del progetto

Il Grande Gatsby sarà una serie TV. Al progetto sta lavorando Michael Hirst, esperto della letteratura di Fitzgerald e creatore di Vikings.

Warner Bros. Una scena de Il Grande Gatsby

Gli anni ruggenti e i momenti struggenti di un amore impossibile hanno raccontato l’epicità di una tragedia patinata come Il Grande Gatsby nel romanzo di Francis Scott Fitzgerald del 1925 e negli adattamenti per il cinema, l’ultimo dei quali risale al 2013, è diretto da Baz Luhrmann e schiera Leonardo DiCaprio nel ruolo di Jay Gatsby e Carey Mulligan in quello di Daisy.

Una pellicola malinconica e coreografica, che ha lasciato il segno – nonostante la critica non completamente favorevole - e rilanciato la moda delle frange e dei tagli a caschetto.

Il Grande Gatsby si prepara a tornare ma questa volta, nell’era delle piattaforme di streaming, sul piccolo schermo.

The Hollywood Reporter rivela che lo scrittore Michael Hirst, A + E Studios e ITV Studios America sono al lavoro per una produzione seriale basata sempre sul romanzo di Fitzgerald.

Non sappiamo quanti episodi saranno, anche se probabilmente si tratterà di una miniserie, e dove approderanno: i colossi della produzione puntano a vendere il prodotto a una piattaforma di streaming o ai canali via cavo.

Il britannico Hirst è specializzato nel racconto di drammi storici o vicende ambientate nel passato: ha sceneggiato Elizabeth ed Elizabeth: The Golden Age e si è occupato da vicino di serie come Tudors e Vikings.

Warner Bros.Una scena de Il Grande Gatsby del 2013
L'ultimo adattamento del romanzo risale al 2013

In questo nuovo progetto, a cui – racconta sempre THR – sta lavorando da almeno tre anni, Hirst figurerà anche come produttore esecutivo, al fianco di Michael London.

Lo sceneggiatore conosce molto bene il testo di Fitzgerald e non vede l’ora di cogliere l’occasione d’oro per raccontarne i rivoli, le sfaccettature nascoste.

Mi sembra di aver vissuto con Gatsby per la maggior parte della mia vita, leggendolo prima come uno scolaro, poi insegnandolo a Oxford negli anni '70 e poi rileggendolo periodicamente da allora.

Pare che un anno fa il progetto stesse prendendo una direzione concreta con Apple TV, ma poi probabilmente l’idea è sfumata e questa storia è ancora alla ricerca di una collocazione.

Il lavoro che si sta facendo è davvero notevole e minuzioso. Hirst ha intenzione di grattare la superficie, scendere in profondità e raccontare i dettagli della comunità afro che negli anni ’20 popolava New York, con le proprie routine, le proprie occupazioni, le contraddizioni e soprattutto la forte, pregnante identità musicale.

Il progetto è stato etichettato come “rivisitazione”: i lati oscuri e deboli dei personaggi (soprattutto quelli femminili) saranno per Hirst un varco per approfondire le prime crepe del sogno americano, i fantasmi, le frustrazioni, le disillusioni, le disperazioni.

La sceneggiatura si è avvalsa della consulenza di Farah Jasmine Griffin, docente di letteratura inglese e studi afroamericani alla Colombia University.

Paramount PicturesUna scena del party ne Il Grande Gatsby 1974
Un altro adattamento risale al 1974, con Robert Redford e Mia Farrow

Hirst sta lavorando anche con Blake Hazard, la nipote di Fitzgerald, che mette a disposizione anche la tenuta dei Fitzgerald per le riprese e lavorerà al progetto come consulente di produzione. Ecco le sue parole sul progetto

Ho sempre sognato una versione più diversificata e inclusiva di Gatsby, che rifletta meglio l'America in cui viviamo, e che potrebbe consentire a tutti noi di vedere noi stessi nel testo selvaggiamente romantico di Scott. Michael porta al progetto una profonda riverenza per il lavoro di Scott, ma anche il coraggio di dare vita a una storia così iconica in modo accessibile e fresco. Sono felice di far parte del progetto.

Anche il presidente Jossen, di A + E, ha espresso il proprio entusiasmo.

Ci sono poche storie nel pantheon della letteratura americana che trascendono il tempo come Il Grande Gatsby. Insieme ai nostri partner di ITV Studios America e Groundswell Productions, A + E Studios ha il privilegio di dare vita a questo potente e complesso lavoro sotto l'occhio vigile dell'incomparabile Michael Hirst e la benedizione del membro della famiglia Fitzgerald, Blake Hazard.

Jossen ha aggiunto che stanno cercando il regista giusto. Anche del cast non sappiamo ancora nulla. Voi chi vedreste nei ruoli di Jay e Daisy?

Leggi anche

      Cerca