Gattaca: tutte le location e le ambientazioni del film

Dal Marin County Civic Center di Frank Lloyd Wright al Solar Electric di Kramer Junction, ecco tutti i set futuristici che si ammirano nel thriller sci-fi di Andrew Niccol con Ethan Hawke, Uma Thurman e Jude Law.

Columbia Pictures Un primo piano di Ethan Hawke nel film Gattaca - La porta dell'universo

Una società geneticamente controllata e dominata dal post-capitalismo omologante è l'incubo di Gattaca - La porta dell'universo, thriller sci-fi che Andrew Niccol ha scritto e diretto nel 1997.

L'opera di fantascienza filosofica del regista neozelandese è ambientata in un futuro in cui la scienza ha preso il controllo, l'eugenetica domina l'umanità e le persone sono generate "su misura" e divise in "validi" e "non validi".

Con il passare degli anni, Gattaca è diventato un film di culto non solo per le potenti riflessioni sull'etica della ricerca, i risvolti tecnologici della biologia e il set galeotto sul quale scoppiò realmente la passione tra i protagonisti Ethan Hawke e Uma Thurman.

A rendere vivido lo scenario distopico sulle conseguenze del DNA manipolato in laboratorio, contribuiscono le location e i set scelti da Niccol con gli scenografi Jan Roelfs, Sarah Knowles e Nancy Nye: scopriamoli insieme.

Il Marin County Civic Center

Gli esterni (tra cui la scena del tetto) e alcuni interni del quartier generale della compagnia spaziale Gattaca Corporation sono stati girati al Marin County Civic Center di San Rafael in California, a nord di San Francisco.

La struttura è uno dei pochi edifici pubblici del celebre architetto statunitense Frank Lloyd Wright, costruito nel 1957 e portato a termine nel 1962 dal protégé di Wright, Aaron Green.

Il progetto di Wright prevedeva di centralizzare 13 dipartimenti della zona, situati lungo la Route 101, secondo il progetto della "città usoniana" di Broadacre City, la metropoli distesa a bassa densità abitativa elaborata dall'architetto negli anni Trenta.

Lo sviluppo orizzontale degli edifici del Marin County Civic Center si collega al profilo delle tre colline circostanti San Rafael, quello che Lloyd Wright definì "uno dei paesaggi più belli che abbia mai visto".

Niccol ha scelto gli interni perché gli atri e i ballatoi, la vetrata a botte e le aperture ad arco generano l'illusione di una rampa che sale a spirale verso l'alto, proprio come la scala elicoidale della molecola del DNA.

Una delle sequenze più suggestive del film, quella del tetto che si fonde con il cielo attraverso i riflessi, si deve proprio ai particolari interni del Centro.

Il Marin County Civic Center era già stato usato in passato da George Lucas per L'uomo che fuggì dal futuro, il primo lungometraggio del papà di Star Wars. Lucas andò in visita alla struttura qualche anno dopo e usò alcuni elementi di quel design per realizzare le abitazioni del pianeta di Naboo.

Nel 1987 i Grateful Dead hanno addirittura registrato l'album In the Dark al Marin County Veterans Auditorium. Jerry Garcia descrisse l'atmosfera "formale" di quel luogo come "incredibilmente unica" e perfetta per la naturale sperimentale del loro lavoro.

Il CLA Building

Gli esterni della casa del protagonista Vincent Freeman sono stati girati al CLA Building, ovvero il Classroom, Laboratory & Administration Building situato nel campus del Cal Poly Pomona, la California State Polytechnic University.

Progettato in stile futurista dall'architetto Antoine Predock, il CLA Building è stato completato nel 1993.

Nel 2015 i vertici dell'università di Pomona avevano deciso di demolire la struttura e ricostruirla, ma ad oggi risulta ancora con questa forma triangolare "da Morte Nera".

Sul suo sito ufficiale, Predock definisce quest'edificio "una porta simbolica" che unisce il paesaggio arido di Rancho San Jose e il ranch dalla vegetazione lussureggiante di WK Kellogg allo svincolo autostradale della Pomona Valley.

Arrivando dal LAX, l'edificio appare "come una forma geologica astratta nel paesaggio che si estende tra bacini, colline e montagne".

Ogni vertice della sua organizzazione triangolare punta verso queste caratteristiche salienti.

L'Otis College of Art and Design

Le scene di Gattaca girate nel parcheggio hanno come location l'Otis College of Art and Design, la prima scuola d'arte pubblica ed indipendente di Los Angeles fondata nel 1918.

Il college è stato progettato dall'architetto dell'IBM Eliot Noyes: non a caso è famoso per le finestre "punch card-like", ovvero simili alle schede perforate dei primi computer.

Daniel Clowes, una dei più famosi autori statunitensi di romanzi a fumetti, ha ambientato parte del suo Art School Confidential all'Otis.

Oggi il college ospita al suo interno anche la Ben Maltz Gallery, uno spazio museale dedicato all'arte contemporanea.

L'Otis si trova nell'area di Westchester, vicino all'aeroporto di Los Angeles.

Sepulveda Dam

Altri esterni di Gattaca sono ambientati nella suggestiva diga di Sepulveda nella San Fernando Valley, sempre nella zona di Los Angeles.

La diga è opera dell'USACE, l'United States Army Corps of Engineers, la sezione dell'esercito statunitense specializzata in ingegneria e progettazione.

La Sepulveda Dam è stata costruita nel 1941 per proteggere Los Angeles dalle alluvioni. Tre anni prima, infatti, la grande alluvione del 1938 fece 87 vittime e trasformò in autentici mari interni gli spazi della San Fernando Valley e dell'Orange Country.

Oggi è utilizzata soprattutto dagli amanti dello skate per il freestyle.

La Sepulveda Dam era già stata usata come set da John Carpenter in alcune scene di 1997: Fuga da New York e da Peter Care nel videoclip di Drive dei R.E.M., girato nell'agosto del 1992.

Curiosità: Michael Stipe ha raccontato che sul set del video c'erano Oliver Stone e River Phoenix completamente ubriachi e che tra le comparse nella folla che solleva il cantante durante il suo memorabile stage-diving c'era un giovane e allora sconosciuto Adam Scott.

La diga è stata usata più di recente dai coreani BTS per il video di On - Kinetic Manifesto Film: Come prima, il brano che ha lanciato il loro album Map of the Soul: 7.

In questo caso è stato YongSeok Choi, il regista meglio noto come Lumpens, a dirigere la boyband fenomeno del momento.

Alle spalle della diga, sono sorti col tempo anche alcuni spazi ricreativi come Woodley Park, il giardino giapponese di Lake Balboa (progettato da Koichi Kawana) e un rifugio faunistico.

La riserva del Sepulveda Basin Wildlife conta più di 200 tipi di uccelli e alberi autoctoni della California.

Il Forum di Inglewood

L'esterno del Forum di Inglewood è un'altra singolare ambientazione di Gattaca. Il "fabulous" (così lo chiamano i residenti della zona) è uno degli impianti sportivi più famosi d'America, che ha ospitato per oltre trent'anni le partite dei Los Angeles Lakers prima che la squadra si spostasse allo Staples Center.

L'impianto, nato nel 1967, è stato progettato dall'architetto Charles Luckman, che si era ispirato alle forme classiche del Foro romano, con gli ingegneri Carl Johnson e Svend Nielsen.

Fu l'imprenditore Jack Kent Cooke a volere il Forum come casa dei Lakers e dei Los Angeles Kings, squadra di hockey dell'NHL.

L'investimento fu davvero ingente per l'epoca: 16 milioni di dollari. Nel 2010 il Forum è stato acquistato dalla Madison Square Garden Company, che l'ha trasformato in un'arena indoor per concerti.

Al Forum si sono esibite autentiche leggende come Elvis Presley e i Rolling Stones, i Cream e Crosby, Stills, Nash & Young, Jimi Hendrix e David Bowie, Bob Dylan e i Led Zeppelin.

The Forum è situato a West Manchester Boulevard, tra Pincay Drive e Kareem Court.

Il Solar Electric di Kramer Junction

Girato in Super 35 millimetri, Gattaca è fotografato da Slawomir Idziak (il DOP polacco di – tra gli altri – La doppia vita di Veronica e Tre colori - Film blu di Krzysztof Kieślowski) con toni oro, verde e blu elettrico.

Nel fosco futuro del film, popolato da incubi e modificazioni genetiche, il design retrofuturista è abbagliante nella scena degli specchi della centrale solare.

L'impianto elettrico che è stato usato per le riprese è quello di Kramer Junction, nel deserto del Mojave.

Kramer Junction è uno dei nove impianti dei SEGS, il Solar Energy Generating Systems della California: si tratta della seconda maggiore struttura di centrali solari esistente al mondo.

Il pezzo di strada che si vede nel film è situato sulla Route 58 tra Kramer Junction e Barstow, all'incrocio con la 395.

Niccol e la sua troupe sono stati messi a dura prova: quella zona desertica ha una media di 340 giorni di sole all'anno e la luminosità che si raggiunge è dalle 71 alle 80 volte maggiore di quella normale.

Il risultato, considerando il magro budget a disposizione, è stato eccezionale. Come ha spiegato il regista in un'intervista concessa a Douglas Eby, "non potevamo costruire il mondo di Gattaca, così l'abbiamo dipinto: grazie ai pesanti filtri che abbiamo usato è venuto fuori quel look 'itterico' dorato".

Leggi anche

      Cerca