Non solo vampiri: 15 serie per colmare il vuoto lasciato da The Vampire Diaries

Siete da sempre amanti dei vampiri e non sapete come fare senza The Vampire Diaries? Ecco 15 titoli di serie TV che vi succhieranno via il sangue!

Showtime 15 serie TV simili a The Vampires Diaries

Il fascino del vampiro è eterno e intramontabile. Da film cult come Intervista con il vampiro a veri e propri fenomeni generazionali come Twilight, tornando indietro fino alla letteratura con l’incanto affabulatorio del principe delle tenebre Dracula di Bram Stoker, la mitologia che ha avvolto queste figure fantastiche è arrivata anche sul piccolo schermo e ha invaso le serie TV. Ad unire spirito teen e seduzione per il male è stata The Vampire Diaries, serie TV trasmessa su The CW per otto stagioni che hanno ammaliato un grandissimo numero di persone.

Al centro delle vicende di The Vampire Diaries c'è la guerra per la conquista dell’anima di Elena, interpretata da Nina Dovreb, da parte dei due fratelli vampiri Stefan e Damon, rispettivamente Paul Wesley e Ian Somerhalder. Il primo, che da subito sente un’attrazione ricambiata per la ragazza, cerca di trascorrere in tranquillità la propria vita immerso nella quotidianità degli umani, mentre il fratello rappresenta l’incarnazione stessa della violenza dei vampiri. 

Su questo triangolo prende forma la serie TV ideata da Kevin Williamson e Julie Plec, a sua volta basata sulla serie di libri Il romanzo del vampiro scritti da Lisa J. Smith. Se sentite la mancanza dei personaggi della cittadina di Mystic Falls, continuamente soggiogata dal suo passato e in continua lotta con situazioni paranormali, ecco 15 serie TV da recuperare.

1) True Blood

The Vampire Diaries ha uno stile decisamente teen che mischia elementi del romance con altri legati ad ambienti e umori adolescenziali. Sappiamo che, però, ogni vampiro è unico a modo suo e così anche le storie che il piccolo schermo ha offerto a queste creature immaginarie. Come True Blood, piena di sangue e diventata famosa per la sessualità esplicita, andata in onda per la prima volta nel 2008 fino alla conclusione delle sue otto stagioni nel 2014.

True Blood ha come protagonista la cameriera dotata di poteri telepatici Sookie, interpretata dall’attrice Anna Paquin, la quale entrerà in contatto con il mondo dei vampiri grazie all’inizio della sua storia d’amore con uno di loro, il Bill Compton dell’interprete Stephen Moyer. I personaggi che si susseguono nella serie TV sono molti, ognuno con la propria storia, ma quello che più di tutti è rimasto impresso della serie è il vampiro Eric Northman, interpretato da Alexander Skarsgård.

2) The Originals 

È vero, gli spin-off non sono mai superiori all’originale, ma quando sentiamo la mancanza di una serie TV può aiutare fare affidamento su operazioni affini pronte a colmare qualche vuoto. È il caso di The Originals della realizzatrice Julie Plec,che aveva già lavorato attivamente nell’ideazione di The Vampires Diaries e di cui la serie trasmessa dal 2013 è un diretto derivato. The Originals, infatti, vede il proprio backdoor pilot inserito nel ventesimo episodio della quarta stagione della storia di Elena, Stefan e Damon, e che segue le vicende dell’ibrido Klaus Mikaelson appartenente agli Originali, ossia i primi vampiri mai esistiti.

La serie si concentra sull’albero genealogico di Klaus e sul trasferimento del protagonista nella cittadina di Mystic Falls, luogo che contribuì a creare assieme ai suoi fratelli, ma che dovette poi lasciare in quanto inseguiti dal loro stesso padre. The Originals, riuscendo ad ottenere il sostegno di una buona fetta di pubblico, arrivò fino alla quinta stagione, concludendo il proprio percorso nel 2018.

3) Shadowhunters

La saga di Shadowhunters ha avuto molteplici vite, dai libri alle trasposizioni cinematografiche e televisive. Nel 2013 esce infatti il film Shadowhunters - Città di ossa, i cui protagonisti sono Lily Collins e Jamie Campbell Bower. Dopo l’annuncio di un sequel del film, nel 2014 la produzione cancella il seguito Città di cenere, mentre viene invece confermata la serie TV tratta della saga scritta da Cassandra Clare. Nel 2016 arriva quindi la prima stagione di Shadowhunters: The Mortal Instruments, basata sugli eventi dei primi due romanzi dell’autrice.

A prendere il posto dei protagonisti Jake e Clary sono questa volta Dominic Sherwood e Katherine McNamara. La serie di Shadowhunter si concentra sul mezzo umano e mezzo angelo Jace - il quale cerca di proteggere gli umani ribattezzati nella saga Mondani - e del suo incontro con la giovane Clary, che sta cercando di scoprire qualcosa di più su se stessa e la propria natura.

4) What We Do in the Shadows

Taika Waititi è conosciuto ai più per aver girato l’improbabile versione comica del terzo film da solista del dio del tuono Thor: Ragnarok, ma nel 2014 il regista e sceneggiatore neozelandese ha dato vita a uno dei mockumentary più bizzarri visti negli ultimi anni. L’esilarante documentario What We Do in the Shadows vede come protagonisti un gruppo di vampiri che devono adeguarsi alla normalità della vita umana, senza rinunciare troppo ai loro piccoli vizzi da succhiasangue. 

Un’idea fuori di testa che non poteva venir trascurata dalla TV. Così, nel 2019, What We Do in the Shadows si trasforma in una serie sempre grazie al genio di Taika Waititi e all’ideatore Jemaine Clement. La serie si incentra sulla storia di quattro vampiri protagonisti, alle prese con la loro esistenza per le strade di Staten Island. 

5) Buffy - L'ammazzavampiri 

Chi ha un debole per i vampiri non può che considerarla la miglior serie TV mai realizzata. Si tratta di Buffy - L’ammazzavampiri, vero e proprio classico della televisione a cavallo degli anni Duemila, che vede iniziare il proprio percorso nel 1997 per concludersi dopo le sue sette intense stagioni nel 2003. Il creatore, anche qui, è un nome d’eccezione: Joss Whedon, che molti conoscono per aver diretto nel 2012 il cinecomic Avengers e nel 2015 un altro film del MCU ossia Avengers: Age of Ultron. Lo showrunner porta al successo l’eroina eponima della serie, che ha cambiato per sempre la rappresentazione femminile sul piccolo schermo.

A risaltare in Buffy - L’ammazzavampiri è ovviamente la sua protagonista, interpretata da Sarah Michelle Geller, diventata una delle icone televisive più ammirate della TV. La giovane studentessa di Sunnydale è colei che è stata prescelta per ricoprire il ruolo della Cacciatrice, personalità che, grazie alla propria forza, riesce ad arrestare e combattere tutti quei demoni che tentano di ottenere la supremazia sulla razza umana.

6) Penny Dreadful 

Tra i tanti gli interpreti dello spettacolo, Eva Green è sicuramente una bellezza sovrannaturale. Vampira per Tim Burton nel suo Dark Shadows, l'attrice interpreta il personaggio di Vanessa Ives in Penny Dreadful, operazione seriale che si ispira alla serie di fumetti de La Lega degli Straordinari Gentlemen di Alan Moore. Il lavoro dell’ideatore John Logan è ambientato nella Londra del 1891, in piena epoca vittoriana.

Penny Dreadful vede uniti insieme gli incubi di qualsiasi lettore, da Jack Lo Squartatore a Frankenstein fino a Van Helsing. Ed è proprio la loro identità che la storia indaga, intrecciando le loro vicende a quelle del cacciatore di mostri Sir Malcolm Murray. Ad affiancare quest’ultimo è l’amica e collega interpretata da Eva Green, che recluta nuovi coraggiosi pronti a dedicarsi alla causa. Un personaggio avvolto nel mistero, che viene risaltato dal contorno lugubre e intrigante della serie. 

7) Van Helsing

A proposito di Van Helsing, al famoso avversario di Dracula è stata dedicata una serie TV omonima andata in onda con la sua prima stagione nel 2016. La produzione statunitense/canadese condisce di atmosfere dark il proprio racconto fantasy, prendendo ispirazione dalla graphic novel dal titolo Helsing della casa editrice Zenescope Entertainment. Quello della serie dell’ideatore Neil LaBute è un tocco, questa volta, al femminile e che vede come protagonista l’attrice Kelly Overtone.

Questa versione televisiva di Van Helsing è ambientata in un futuro prossimo in cui la popolazione dei vampiri è cresciuta a perdita d’occhio. Dopo tre anni passati in coma e svegliatasi in un clima post-apocalittico, la discendente di Abraham Van Helsing, la protagonista Vanessa Van Helsing, è l’unica che può ribaltare le sorti dell’umanità. Questo perché il suo sangue contiene l’antidoto per trasformare i vampiri in esseri umani, il che la rende una fonte preziosa e assolutamente da proteggere. 

8) Teen Wolf 

Non vampiri, bensì lupi mannari per la serie Teen Wolf. Chi ha però adorato The Vampire Diaries non potrà che fare lo stesso con i personaggi di Scott McCall e Stiles Stilinski (Tyler Posey e Dylan O’Brien), diventati al tempo della messa in onda della serie delle vere e proprie icone per il giovane pubblico. 

Teen Wolf, uscita nel 2011 e composta da sei stagioni, è incentrata sull’esistenza ordinaria del protagonista Scott, che verrà morso da un lupo mannaro. La serie indaga l’ambivalenza che si crea nella vita di Scott, che da semplice studente intento a risolvere i suoi problemi di cuore diventa un novello lupo mannaro, incapace di gestire i suoi poteri e quindi impegnato a familiarizzare con la sua nuova identità. Se il tono della serie si mantiene sempre molto teen, col proseguire delle stagioni la storia diventa più spaventosa, arrivando quasi a toccare vere e proprie vette horror e mantenendo costantemente un’atmosfera dark.

9) Lucifer

Da un demone infernale all’altro. Chi ha amato The Vampire Diaries non può precludersi la visione di uno degli show più popolari del momento, trasposizione dell’omonimo fumetto scritto da Mike Carey. Lucifer è la serie TV uscita nel 2016 che vede come protagonista niente meno che il principe dell’Inferno, stanco di trascorrere il proprio tempo negli inferi e deciso così ad aprire un night club nella città degli angeli. 

Protagonista di questo show su un improbabile Mefistofele è l’attore Tom Ellis, il quale ha raggiunto la notorietà proprio con questo ruolo, che lo vede affiancato da Lauren German nei panni dell’agente Chloe Decker. Mentre tutti cercano di convincere Lucifer di tornare all’Inferno e non cadere nella trappola dei sentimenti umani, lui sceglie di affiancare nelle sue indagine la detective, con cui instaura un rapporto a dir poco conflittuale.

10) Fate - The Winx Saga

Come? Qui parliamo di vampiri, lupi mannari e creature malvagie e spuntano improvvisamente fuori le fate del Winx Club? In verità, quello che non molti sanno è che il prodotto seriale dedicato al cartone animato ideato da Iginio Straffi vede al lavoro l’ideatore e showrunner Brian Young, ai tempi collaboratore proprio della serie The Vampire Diaries. Che Bloom e le sue compagne abbiano un look totalmente nuovo nella serie Ntelfix è ben visibile, ma il cambiamento più profondo che i personaggi attraversano non è il passaggio dall’animazione alla “realtà”, bensì quello dei toni dedicati alle loro storie.

Fate - The Winx Saga va perdendo i glitter e il glamour che avevano caratterizzato il cartone animato, avvalendosi di contorni e ambienti più oscuri, così come le verità che la protagonista deve scoprire e che, invece, continuano a sfuggirle. Le nuove Winx sono più mature rispetto a quelle originali, parlano di sesso e droga liberamente e non si tirano indietro davanti al pericolo, anche quando questo significa dover fare i conti con le tragedie del passato.

11) Supernatural 

Con le sue quindici stagioni non solo Supernatural può considerarsi una serie longeva, ma anche soddisfacentemente completa vista l’esplorazione di tutti i tipi di personaggi sovrannaturali affrontati da Sam e Dean Winchester. Un universo da cui è difficile non rimanere affascinati, che ha esplorato il paranormale in tutte le sue forme, senza risparmiare avventure e sentimenti.

Con i due protagonisti interpretati da Jared Padalecki e Jensen Ackles, la serie vede Sam e Dean diventare presto orfani dopo che un’entità sconosciuta ha causato la morte della loro madre. Vista la natura misteriosa dell’evento, il padre dei personaggi non può che intraprendere una ricerca nel mondo del sovrannaturale, cercando la maniera di liberare il mondo dal male ed arrivare al responsabile della morte della moglie. Missione che sarà portata avanti dagli stessi Sam e Dean dopo l’improvvisa scomparsa dell'uomo.

12) Streghe 

Streghe è un must della serialità e uno dei prodotti audiovisivi con il miglior motto di sempre: il potere del trio coincide col mio. La serie esplora un'intera gamma di demoni, creature mitologiche, angeli e diavoli, sconfitti ogni volta dall’unione delle sorelle Halliwell. Streghe è composta da otto stagioni ed è andata avanti dal 1998 fino al 2006, vedendo momenti tragici nella storia delle sorelle (la morte di Prue interpretata da Shannen Doherty) e altri pieni di emozione e coinvolgimento - dall’arrivo della quarta sorella Halliwell, la Paige di Rose McGowan, fino a quello dell’apprendista Billie interpretata da Kaley Cuoco

Streghe è il ritratto di un gruppo di donne potenti, di una sorellanza inossidabile, di una trama fitta di colpi di scena a cui era quasi difficile poter stare dietro. E, per quanto nel 2018 si è tentato un reboot della serie con le sorelle Halliwell, l’esperimento moderno di Charmed è risultato alquanto fallimentare.

13) Le terrificanti avventure di Sabrina 

Per quanto il percorso de Le terrificanti avventure di Sabrina sia stato altalenante, qualcuno può sempre guardare la serie sotto l'ottica del guilty pleasure. Nata da Roberto Aguirre-Sacasa e basata sul personaggio del fumetto omonimo da cui trae ispirazione la serie, il mondo sovrannaturale di Sabrina Spellman è composto da corridoi di scuola e riti macabri, con una protagonista che al di fuori cerca di mantenere una parvenza di normalità quando, in verità, è per metà umana e per metà strega.

Per diventare una strega a tutti gli effetti Sabrina dovrà aspettare il giorno del suo sedicesimo compleanno quando, recandosi nella foresta, giurerà fedeltà a Satana scrivendo il suo nome nel libro della bestia. Quando, però, la ragazza sceglierà di non lasciare il proprio nome, le cose inizieranno a precipitare. Una serie dall’animo volutamente tenebroso, ma che non sempre riesce al meglio nei propri intenti. Ma, anche qui, non c’è nessun problema: se si ha voglia di un altro po' di Sabrina Spellman basta recuperare la sitcom degli anni Novanta Sabrina, vita da strega.

14) Grimm 

Tutti noi siamo cresciuti con le storie dei fratelli Grimm anche se, c’è da ammetterlo, quella che ci è sempre arrivata è una versione alleggerita ed edulcorata dei traumi che i personaggi di quei racconti dovevano affrontare. Nel 2011 su NBC approda la serie televisiva Grimm, lavoro che tenta di mescolare efferati crimini all’universo immaginifico delle fiabe.

A fare da protagonista nella serie TV è l’attore David Giuntoli, il quale interpreta il ruolo del detective Nick Burckhardt, travolto da un’insolita rivelazione. L’uomo scopre di essere l’ultimo della famiglia dei Grimm, famosi criminologi i quali hanno contribuito a mantenere l’equilibrio tra le creature magiche e il resto degli esseri umani. 

15) Cursed 

Katherine Langford ci ha preso gusto e continua, quindi, a fare da protagonista a titoli importanti della schiera della serialità Netflix. Questa volta, dopo 13, la Langford ha preso parte alla serie fantasy Cursed. Un lavoro che rivisita l’immaginario dei cavalieri e delle corti, in cui la storia si fa portatrice di temi come l’eroismo, l’insensatezza della guerra e il rapporto con ciò che si crede impossibile. 

La protagonista di Cursed è Nimue (Langford), detentrice di un dono misterioso che la porta a ricoprire il ruolo di Signora del Lago. Ad affiancarla è il personaggio di Artù dell’attore Devon Terrell, con cui si mette alla ricerca di Merlino e di un’antica spada. Una serie che rivisita il mito e cerca di appropriarsene per trasformarlo in qualcosa di contemporaneo, andando ad investigare cosa significa mostrare il proprio coraggio. 

NoSpoiler seleziona in modo indipendente i gadget e servizi che ti proponiamo in queste pagine e potrebbe ricevere una piccola quota (senza costi aggiuntivi per te) nel caso di acquisto tramite i link proposti.

Leggi anche

      Cerca