Django: il classico del cinema western diventa una serie con Matthias Schoenaerts per Sky e Canal+

Dopo l'omaggio di Quentin Tarantino, il film Django di Sergio Corbucci sarà liberamente rivisitato in una serie con Matthias Schoenaerts per Sky e Canal+. Il nuovo, ambizioso progetto sarà realizzato da Cattleya e Atlantique Productions.

20th Century Fox Matthias Schoenaerts in Via dalla pazza folla

Il celebre film Django di Sergio Corbucci, considerato un classico del cinema western, diventerà una serie in 10 episodi con lo stesso titolo per Sky e Canal+. La storia del leggendario pistolero, reso immortale da Franco Nero, sarà rivisitata liberamente proponendo un nuovo approccio, caratterizzato da un "taglio contemporaneo e psicologico". Il protagonista dell'ambizioso progetto sarà il pluripremiato attore belga Matthias Schoenaerts, che ha alle spalle un variegato curriculum di film indie, action movie e pellicole drammatiche e di recente è apparso in The Old Guard.

Django è una serie Sky Original e una Création Originale Canal+ ed è stata creata e scritta da Leonardo Fasoli (Gomorra – La Serie, ZeroZeroZero) e Maddalena Ravagli (Gomorra - La Serie). Tra gli autori ci sono anche Francesco Cenni, Michele Pellegrini e Max Hurwitz.

Dietro alla macchina da presa ci sarà Francesca Comencini (Gomorra - La Serie), che dirigerà i primi episodi e rivestirà il ruolo di direttrice artistica. La regista ha dichiarato che il progetto l'ha immediatamente catturata, non solo per i suoi "personaggi femminili estremamente forti", ma anche perché offre uno sguardo inedito sugli uomini che fanno parte dell'immaginario delle storie di frontiera:

Django offre un nuovo e interessante punto di vista sull'idea di mascolinità nel genere western. È una storia universale che celebra la diversità e le minoranze.

Gianni FioritoFrancesca Comencini sul set
Francesca Comencini dirigerà i primi episodi di Django e sarà direttrice artistica della serie

Alle parole di Francesca Comencini hanno fatto eco quelle del Vice direttore esecutivo di Programming Sky Italia, Nicola Maccanico, che ha sottolineato l'originalità narrativa di Django:

Questa serie rilegge il cult assoluto [di Sergio Corbucci, n.d.r.] in chiave contemporanea, fornendo agli spettatori un approccio al genere e un punto di vista inediti e attuali.

La serie inizierà le riprese a maggio 2021 e sarà prodotta in inglese da Riccardo Tozzi, Giovanni Stabilini, Marco Chimenz e Francesca Longardi per Cattleya e da Olivier Bibas per la compagnia francese Atlantique Productions. Insieme a loro, nel ruolo di produttori esecutivi ci saranno Nils Hartmann e Sonia Rovai per Sky Studios, così come Arielle Saracco e Fabrice de la Patellière per Canal+.

Filip Van RoeMatthias Schoenaerts sarà il protagonista di Django
Matthias Schoenaerts sarà il protagonista della nuova serie Django per Sky e Canal+

Ma qual è la storia di Diango? Secondo la breve sinossi condivisa da Sky e Canal+, la serie è ambientata tra il 1860 e il 1870 e segue il leggendario pistolero nella ricerca della figlia. La famiglia dell'uomo è stata massacrata 8 anni prima, ma Django è convinto che la ragazza sia sopravvissuta e continua a viaggiare per il West nella speranza di ritrovarla, mentre è perseguitato dal ricordo di quello che è accaduto.

Alla fine, la convinzione del pistolero si rivela corretta. La figlia è scampata alla morte, è diventata una donna che si fa chiamare Sarah ed è in procinto di sposare John, l'uomo con il quale ha fondato New Babylon, "una città di emarginati, popolata da uomini e donne di ogni estrazione, razza e credo, che accoglie tutti a braccia aperte".

Django arriva a New Babylon nel corso del suo peregrinare, ma l'incontro con la figlia si rivela tutt'altro che una felice riunione familiare. Sarah vuole che il padre se ne vada al più presto, perché ritiene che la sua presenza metta in pericolo la città. Invece, Django è intenzionato a restare, perché pensa che New Babylon sia già in grossi guai e non vuole perdere di nuovo la figlia appena ritrovata.

La trama appena tratteggiata ovviamente non rivela nulla di quello che accadrà, ma il fondatore e CEO di Cattleya, Riccardo Tozzi, ha ribadito che la serie sarà un'allegoria della realtà contemporanea:

Django è un western all'italiana, nel senso che usa il genere per raccontare il presente. Nei suoi aspetti sociali e politici, così come nelle problematiche individuali.

Django sarà distribuita in Italia, Regno Unito, Irlanda, Austria, Germania, Francia, Benelux e Africa, ma al momento non è ancora stata comunicata una data di uscita.

Restate sintonizzati per sapere quando la serie arriverà in TV e non perdere nessun aggiornamento.

Leggi anche

      Cerca