Il remake di Train To Busan si farà e sarà diretto da Timo Tjahjanto

Timo Tjahjanto, regista specializzato in cinema horror, è stato scelto per dirigere il remake del celebre film sud coreano Train to Busan. La produzione sarà affidata a Atomic Monster di James Wan

Next Entertainment World, RedPeter Film / Koch Media Una scena del film Train To Busan

Dopo la vittoria di Parasite ai premi Oscar del 2020, tutto il movimento cinematografico sud coreano ne ha beneficiato e ha senza dubbio ricevuto una notevole spinta in termini di fama in Occidente. Proprio grazie a questo massimo riconoscimento a Parasite, molti appassionati di horror hanno potuto scoprire una piccola gemma della cinematografia di genere prodotta proprio nel paese asiatico. 

Stiamo parlando di Train to Busan, uscito nel 2016 e da molti descritto come un dei migliori horror a tema zombi mai prodotti. Forte di questo riconoscimento fra gli appassionati del genere, Hollywood ha pensato bene di girare un remake. E proprio nelle ultime ore sono stati resi noti i nomi di coloro che cureranno questa operazione. 

Secondo quanto ha diffuso Deadline, il regista del remake sarà Timo Tjahjanto, un vero e proprio specialista del genere horror. Infatti il curriculum del regista indonesiano annovera le pellicole May the Devil Take You, May the Devil Take You Too, Killers e Headshot

La sceneggiatura e la produzione del remake saranno affidate rispettivamente a Gary Dauberman (Annabelle 3, IT e It - Capitolo due) e ad Atomic Monster, casa di produzione fondata da James Wan

La trama del film originale narra la vicenda di Seok-woo, padre divorziato della piccola Soo-an, che decide di portare la figlia a festeggiare il compleanno a casa della madre che vive nella città di Busan. Proprio durante il loro viaggio in treno, un virus che trasforma le persone in simil zombi si diffonde fra le carrozze, portato a bordo da un senza tetto. Il viaggio dunque si trasforma in una lotta per la sopravvivenza.  

Train to Busan è stato un enorme successo nei cinema di tutto il mondo, arrivando a totalizzare poco meno di 90 milioni di dollari complessivi, trasformando questo horror in uno dei film sud coreani più conosciuti e apprezzati a livello mondiale. Tanto che, sulla scia di questo successo, lo scorso hanno è uscito il sequel Train To Busan: Peninsula, pellicola che però non è riuscita a bissare il clamoroso successo al botteghino del primo capitolo. Anche se, chiaramente, la pandemia mondiale ha sicuramente avuto un ruolo di primo piano nello scarso successo del sequel. 

Leggi anche

      Cerca