Formula per un delitto: trama e finale del thriller con Sandra Bullock

Formula per un delitto è un thriller del 2002 che vede Sandra Bullock nei panni di una complicata detective intenta a cercare di scoprire gli assassini che si nascondono dietro un omicidio (quasi) perfetto. Ecco trama e finale della pellicola.

Warner Bros. Una scena di Formula per un delitto

Una trama ben costruita, un cast di tutto rispetto e una capacità di attirare l'attenzione dello spettatore dall'inizio alla fine sono di certo le carte vincenti di Formula per un delitto (Murder by Numbers), scritto e diretto nel 2002 da Barbet Schroeder.

La pellicola, che è stata presentata fuori concorso al Festival di Cannes del 2002, è stata ispirata ad un fatto di cronaca realmente avvenuto noto come caso Leopold e Loeb. Correva il 21 maggio 1924 quando Nathan Freudenthal Leopold Jr. e Richard A. Loeb, due ricchi e annoiati studenti dell'università di Chicago uccisero Bobby Franks, un ragazzino di soli 14 anni, con uno scalpello. In seguito i due studenti vennero condannati all'ergastolo e motivarono il loro omicidio con il desiderio di realizzare "il delitto perfetto".

Nei fatti, il delitto - seppur pianificato per mesi - fu tutt'altro che perfetto e il 29 maggio successivo i ragazzi crollarono sotto interrogatorio della polizia, confessando di aver ucciso il minorenne.

Solo la difesa di un famoso avvocato dell'epoca riuscì a salvare i due dalla pena di morte.

Formula per un delitto cambia l'ambientazione temporale, ma non il movente: la ricerca del delitto perfetto, un crimine talmente ben pianificato che il colpevole (o i colpevoli) sono in ogni caso in grado di farla franca ed evitare una condanna. Il cast, come anticipato, è stellare. Sandra Bullock veste i panni della bellissima e caparbia detective Cassie Mayweather, mentre un giovane e promettente Ryan Gosling interpreta Richard, studente bello, ricco e popolare, quanto cinico e annoiato.

Completano il cast Ben Chaplin e Michael Pitt, almeno per quanto riguarda i ruoli principali.

Formula per un delitto, la trama

In un bosco della piccola città di San Benito, in California, viene ritrovato il cadavere di una donna deceduta per strangolamento, apparentemente vittima di una morte violenta quanto casuale. Delle indagini si occupano la detective Cassie Mayweather e il suo collega Sam Kennedy. Come si apprenderà in seguito nel corso della pellicola, Cassie è stata vittima di un marito violento, che l'ha quasi condotta alla morte con 17 coltellate. L'uomo è in procinto di ottenere la libertà vigilata e la donna è terrorizzata da quell'uomo che tanto male le ha fatto in passato.

Tornando al nostro omicidio, tutte le prove sembrano ricondurre a Ray Feathers, bidello della scuola superiore frequentata da Richard Haywood (Ryan Gosling) e Justin Pendleton (Michael Pitt). Feathers, inoltre, è anche coinvolto nello spaccio di marijuana che fornisce proprio a Richard.

I due giovani studenti, amici di vecchia data, sono in realtà gli ideatori e gli esecutori dell'omicidio della donna, scelta a caso, unicamente per realizzare il delitto perfetto. Per mesi Richard e Justin hanno pianificato ogni singolo dettaglio per uccidere senza poter essere incriminati, e sembrano di fatto esserci riusciti.

Le indagini infatti portano lontano dai due studenti, ma Cassie è l'unica ad essere certa della colpevolezza di Richard e Justin. In particolare, la detective è convinta che Richard abbia ucciso la donna e Justin l'abbia aiutato a coprire tutte le tracce a loro riconducibili. Non solo, Cassie è letteralmente ossessionata dal voler dimostrare la colpevolezza di Richard (con cui finisce anche a letto pur mantenendo intatta la sua lucidità nelle indagini) a tutti costi, anche perché il giovane le ricorda molto il suo ex marito violento.

Sam rimprovera Cassie per il fatto di non prendere in considerazione altri sospetti e così anche il capo di Cassie, il capitano Rod Cody, che decide di sollevarla - almeno per il momento - dal caso. Sam, nel frattempo, si mette sulle tracce del bidello Ray, che però viene trovato morto. Richard ha architettato la morte dell'uomo per farlo sembrare un suicidio e consentire quindi alla polizia di far chiudere il caso, come se l'uomo si fosse tolto la vita in preda ai rimorsi per l'omicidio commesso. 

Dopo la morte di Ray, Sam intuisce che Cassie potrebbe aver ragione in merito alla colpevolezza dei due studenti. Nel frattempo i rapporti tra Justin e Richard si incrinano a causa di una ragazza contesa dai due. Evidentemente sotto pressione, Richard e Justin cercano comunque di mantenere il controllo per evitare errori che potrebbero portare definitivamente la polizia sulle loro tracce. 

Cassie (ritornata ad investigare sul caso) e Sam interrogano i due amici in separata sede per tentare di indurre l'uno a incastrare l'altro. Il piano fallisce e Richard e Justin vengono rilasciati per mancanza di prove a loro carico. 

Formula per un delitto: il finale

Warner Bros. PicturesSandra Bullock
Sandra Bullock è una dei protagonisti di Formula per un delitto

Il finale della pellicola ha il sapore della giustizia, sebbene amaro. Esaminando la casa della donna uccisa all'inizio del film, Cassie riesce a comprendere come i due abbiano orchestrato prima il rapimento e poi l'omicidio della vittima. Richard e Justin pianificano i loro rispettivi suicidi in una vecchia casa abbandonata per mettere fine a tutta questa storia, visto che oramai hanno compreso di come la detective abbia capito il loro piano. 

Justin, però, si rende conto di come Richard, in realtà, non voglia affatto suicidarsi, visto che la sua pistola è priva di pallottole. In seguito ad una colluttazione rabbiosa, Justin finisce col ferire Richard, quando all'improvviso sopraggiunge Cassie. La detective tenta di fermare i due, ma rischia di essere uccisa proprio da Richard, che vorrebbe farla cadere giù da una scogliera. Alla fine riesce ad avere la meglio sul giovane uccidendolo. Justin aiuta Cassie a tornare nella casa, con la detective che si convince di come il ragazzo sia stato manipolato da Richard. In realtà, le cose stanno diversamente. E qui arriva il colpo di scena finale.

Cassie, soffermandosi su un dettaglio, capisce che è stato Justin - e non Richard - a strangolare la donna, essendo di fatto l'esecutore materiale dell'omicidio: Justin voleva dimostrare al suo amico di avere il coraggio necessario per uccidere qualcuno. Giustizia è fatta. Richard è morto, Justin viene arrestato e Cassie, infine, riesce a superare la paura nutrita nei confronti dell'ex marito, testimoniando fermamente contro la sua libertà vigilata. 

Leggi anche

      Cerca