Il metodo Catalanotti: il finale dolce-amaro della serie cambia per sempre la vita a Montalbano

Chi segue fedelmente la versione televisiva di Montalbano dal 1999 si prepari a rimanere sorpreso: in Il Metodo Catalanotti avviene qualcosa di davvero epocale, che scuote la serie dalle fondamenta.

RAI Salvo e Antonia alla stazione

Non è certo un episodio che lascia indifferenti quello che dovrebbe sancire la fine della fiction per antonomasia di Rai1, il più grande successo dell'emittente da oltre 20 anni. Il metodo Catalanotti infatti porta con sé un momento di cambiamento radicale per la vita di Montalbano e negli equilibri dello show, che non mancherà di sorprendere gli spettatori che seguono il commissario interpretato da Zingaretti da due decenni. 

Nel mentre un cambiamento altrettanto destabilizzante è avvenuto anche fuori dal set: con la morte dello scrittore Andrea Camilleri e dello storico regista e sceneggiatore della serie Alberto Sironi, si è rafforzata l’idea di chiudere definitivamente la produzione, proprio con questo episodio. Uno dei fautori dell’idea è proprio il protagonista Nicola Zingaretti, che si è dovuto dare da fare anche per portare a termine questa ultima puntata. La morte di Sironi ha infatti interrotto la lavorazione e Zingaretti si è assunto la responsabilità di girare le scene rimanenti, portando a termine il lavoro. Non è la prima volta che Zingaretti si presta come regista della serie, ma è comprensibile come la scomparsa di due nomi cardine della produzione abbia spinto l’attore a parlare di episodio finale. È tra l’altro noto che Zingaretti ha vissuto un periodo di stanca in passato, annunciando più volte l’addio al ruolo. Nel frattempo però si sono levate alcune voci a favore di una continuazione, almeno per girare l'episodio tratto da Riccardino, il romanzo finale di Montalbano

Il metodo Catalanotti è un episodio molto particolare con cui concludere la serie, perché porta un’evoluzione repentina e destabilizzante del protagonista. Si potrebbe descrivere con il momento in cui Montalbano si riscopre non più adulto ma anziano e per giunta stanco, per la prima volta in vita sua. Proprio quando la rassegnazione sembra farla da padrone, la vita gli riserva una sorpresa inaspettata. 

Il non omicidio di Catalanotti

La risoluzione del caso della puntata è sorprendente. È stata la commessa dell’agenzia immobiliare e aspirante attrice Maria a pugnalare Catalanotti. Il gesto è avvenuto per sfida da parte di lui, che l’aveva manipolata psicologicamente e ne aveva abusato anche fisicamente. La donna, invaghita e disperata per non essere stata scelta come interprete per l’ultimo spettacolo dell’uomo, viene invitata ad avere un rapporto con lui e a provargli che possa interpretare in maniera realistica un personaggio femminile che seduce un uomo e poi l’uccide. 

Prima di avere un rapporto con lei l’uomo prendere delle pillole, probabilmente per facilitare la propria prestazione sessuale. È possibile che ne causino l’infarto miocardico che lo stronca. Maria non si rende conto che l’uomo è appena morto d’infarto quando lo pugnala al cuore. Ricorda solo “il suo sorriso ebete”. Salvo non l'arresta nemmeno dopo la confessione: è convinto se la caverà con una condanna minima.

Montalbano e Antonia 

Al centro dell’episodio c’è però l’infatuazione improvvisa e travolgente di Montalbano per Antonia, la nuova responsabile della polizia scientifica. Il commissario ne è da subito attratto e turbato, tanto che il suo malessere è evidente agli amici di vecchia data Mimì e Fazio. Durante una lunga notte d’indagini tra le carte di Catalanotti, Salvo riesce a sedurre Antonia, che però continua ad essere sfuggente, allusiva e misteriosa. 

Salvo è così irretito che si scorda di Livia e alle chiamate di lei risponde sfuggente, chiedendole di non recarsi per il momento a Vigata. Quando Livia esige un chiarimento via telefono da lui, minacciandolo di troncare un rapporto stanco in cui lui non sembra coinvolto, Salvo non ha nulla da dire. La loro decennale storia d'amore finisce con una telefonata frettolosa e drammatica: Antonia lo aspetta nell’altra stanza e lui non riesce a pensare ad altro. 

RAISalvo bacia Antonia
Salvo è disposto a lasciare Livia e la Sicilia pur di stare accanto ad Antonia

Quando riesce a invitarla a casa sua per una cena, Salvo le fa un’appassionata dichiarazione d’amore: vuole andare a vivere con lei, non lasciarla più. È disposto a trasferirsi, a licenziarsi se necessario, pur di rimanere al fianco di lei. Antonia reagisce chiedendogli se abbia pensato a cosa vuole lei: la donna spiega di avere una carriera soddisfacente e di non desiderare una casa, un marito e dei figli, di essere contenta della sua vita e di non volere relazioni. Montalbano, affranto, si scusa. 

Nei giorni successivi Antonia gli comunica che è stata trasferita e partirà presto in treno da Siracusa verso chissà dove. Montalbano insiste per andare a salutarla alla stazione, ragguagliandola sull’esito del caso. Quando lei gli chiede la risoluzione dello stesso, lui risponde: “è una storia lunga, sicura di volerla ascoltare?” e lei gli risponde no, non in quel momento, salendo sul treno. È un addio, Salvo non dice nulla. Poco prima della partenza però Antonia scende dal treno e rimane sulla banchina mentre il suo convoglio lascia la stazione. Prende la mano di Salvo, lo guarda negli occhi. Lui le chiede “e ora?” e lei risponde “e ora siamo qui”. Montalbano, invecchiato e stanco, viene travolto da una passione che pensava di non poter provare per una donna molto più giovane, tanto forte da spingerlo a lasciare Livia. 

  • La serie televisiva si chiude (per ora) con l’episodio Il metodo Catalanotti, in cui Salvo si lascia con la storia fidanzata Livia, dopo essere travolto dalla passione (ricambiata) per una giovane collega della scientifica di nome Antonia.

  • Nel finale Salvo va alla stazione di Siracusa per salutare Antonia, per dire addio anzi, dato che lei sta partendo. La donna a però scende all’ultimo minuti dal treno in partenza, dandogli la mano.

    Prende la mano di Salvo, lo guarda negli occhi. Lui le chiede “e ora?” e lei risponde “e ora siamo qui”. La loro storia sembra destinata a durare.

     

  • Sì, nell’episodio Il metodo Catalanotti.

    Il tutto avviene precipitosamente, per telefono. Livia, stanca della freddezza di Montalbano, minaccia di rompere e lui non ha nulla da dire in merito, non riesce a pensare ad altro che ad Antonia che lo aspetta nell’altra stanza. A fine episodio i due sembrano decisi a cominciare una relazione stabile e duratura. 

  • No. La serie televisiva si chiude (per ora) con l’episodio Il metodo Catalanotti, in cui Salvo si lascia con la storica fidanzata Livia, intrecciando una relazione sentimentale con una giovane collega della scientifica di nome Antonia. 

Leggi anche

      Cerca