Il finale di Supernatural in origine era diverso: ecco com'è cambiato

Originariamente, Supernatural avrebbe dovuto avere un altro finale. Secondo alcune rivelazioni dello showrunner Andrew Dabb, la pandemia di COVID-19 ha cambiato i piani degli sceneggiatori che avevano in mente qualcosa di un po' più celebrativo.

The WB, The CW Primo piano di Jared Padalecki e Jensen Ackles

Supernatural si è conclusa il 19 novembre 2020 dopo ben 15 stagioni. Creata da Eric Kripke e prodotta dal 2005, la serie ha concluso la storia dei fratelli Dean (Jensen Ackles) e Sam Winchester (Jared Padalecki), cacciatori di demoni.

Com’era quasi inevitabile che fosse, il finale non ha accontentato tutti, ma ciò che non era possibile prevedere è che avrebbe dovuto subire delle modifiche a causa della pandemia di COVID-19 in corso.

Il profilo Twitter Fangasm ha pubblicato un’anteprima del libro Supernatural 15 Seasons: The Crew Member's Souvenir, del production designer Jerry Wanek.

Nella pagina del libro mostrata, si parla di un finale diverso per Supernatural. Si leggono le parole dello showrunner Andrew Dabb:

Dean doveva sempre finire in Paradiso e dovevamo sempre vedere la vita di Sam, ma quei momenti finali si sarebbero dovuti svolgere altrove.

Secondo quanto svelato, infatti, Bob Singer e Dabb avevano pensato a un Paradiso più che speciale per i due fratelli Winchester.

Tutte le persone che i ragazzi avevano incontrato nel loro cammino (o, almeno, quelli che saremmo riusciti a convincere a volare a Vancouver) avrebbero affollato il Roadhouse ricostruito, con la band Kansas che avrebbe suonato la nostra canzone non ufficiale: Carry On Wayward Son.

Naturalmente, quello che era il piano fino a metà marzo ha dovuto subire una modifica: quando il cast e la crew sono tornati al lavoro ad agosto 2020, avere tante persone insieme in uno spazio chiuso, farle viaggiare dagli USA e farle stare in quarantena in Canada per due settimane non era più qualcosa di fattibile. Supernatural si è, dunque, concluso in modo diverso.

Amo ciò che abbiamo adesso: Dean in macchina sulla strada deserta, ma devo ammettere che qualche volta penso all'idea originale, alla famiglia e agli amici di Sam e Dean e a una delle più grandi rock band di sempre sul set e mi manca… anche se non è mai esistito davvero.

I protocolli di sicurezza per l’emergenza sanitaria in corso nel mondo hanno cambiato il finale originale di Supernatural.

Carry On è il ventesimo episodio della quindicesima stagione, nonché ultimo di Supernatural. Dopo aver visto Jack (Alexander Calvert) diventare un Dio amorevole e Castiel (Misha Collins) sacrificarsi per salvare Dean, quest’ultimo perde la vita durante uno scontro con dei vampiri: non c’è più Chuck (Rob Benedict) a decidere delle vite dei fratelli e le cose vanno come devono andare.

Lo straziante addio tra Dean e Sam lo ricorderemo a lungo, così come la lunga vita di un Sam marito e padre che ha vissuto senza il fratello. In Paradiso, Dean rivede Bobby (Jim Beaver) che gli spiega che lì il tempo scorre più velocemente: al termine della corsa sulla sua Chevrolet Impala del 1967 sulle note di Carry On My Wayward Son dei Kansas, Dean riabbraccia Sam.

Grazie a Bobby, sappiamo anche che Jack ha reso il Paradiso un posto migliore, che Castiel è nuovamente un Angelo e che anche i loro genitori, Mary (Samantha Smith) e John (Jeffrey Dean Morgan), sono insieme.

The WB, The CWJared Padalecki e Jensen Ackles nella locandina di Supernatural
Il poster di Supernatural

Gli episodi di Supernatural sono disponibili in streaming, su Amazon Prime Video.

Vota anche tu!

Ti è piaciuto il finale di Supernatural?

Leggi di più tra 5

Condividi

Leggi anche

      Cerca