Sky Rojo: overdose di sesso, droga e cazzotti nella nuova serie di Álex Pina

Il meglio della poetica del creatore de La casa di carta in pillole da mezz'ora. Sky Rojo è pura adrenalina!

Netflix Sky Rojo: recensione della serie Netflix con Miguel Ángel Silvestre

Ah che belle le serie TV spagnole! Cosa faremo senza di loro? Dopo che La casa di carta le ha portate al successo, Netflix è stato invaso da soap opera e telenovelas d'azione in cui i drammi personali, gli amori e i tradimenti dei vari personaggi vengono confezionati in un pacchetto pop insieme ad una buona dose di adrenalina. Álex Pina si è praticamente costruito la carriera su questo genere di show e dopo aver creato Vis a Vis, i ladri con la maschera di Dalí più famosi della televisione e White Lines, sempre per Netflix, torna con Sky Rojo, una serie TV che mette insieme il meglio delle precedenti produzioni, ma con un ritmo tutto nuovo.

Sky Rojo è infatti una serie TV veloce, portata da questi tempi infausti che hanno accorciato le produzioni fino al minimo sindacale. Il dramma, l'azione, il carattere dei personaggi e le loro motivazioni, tutto viene condensato in poche puntate (8 in totale) dalla durata di mezz'ora scarsa ciascuna, dove non c'è tempo per riflettere ma solo per schiacciare a tavoletta l'acceleratore.

Tre prostitute in cerca di libertà, amore e un mix di pasticche

NetflixLe protagoniste di Sky Rojo

La trama della serie TV vede Coral (Verónica Sánchez), Wendy (Lali Espósito) e Gina (Yany Prado), in una fuga dal luogo dove lavoravano come prostitute, il Las Novias Club. Per via di un litigio le ragazze hanno infatti ucciso il loro capo, Romeo (Asier Etxeandia) e devono trovare il modo di sopravvivere alla vendetta dei suoi scagnozzi e soprattutto non farsi scoprire dalla polizia. Se Sky Rojo fosse un prodotto come La casa di carta avrebbe bisogno di tempo per ogni azione, per descrivere la mentalità dei personaggi, il loro modo di agire e, soprattutto, tutti i dettagli del piano. Coral, Wendy e Gina però non hanno un piano, hanno solo un morto sulla coscienza che pian piano diventano due e sembra che ogni azione intrapresa dalle ragazze sia destinata a portarle in un turbine di eventi da cui è impossibile districarsi.

Nonostante la velocità con cui viene portata avanti la narrazione, c'è il tempo per fare dei piccoli salti temporali (tanto cari alla poetica di Álex Pina), per spiegare il passato delle protagoniste ma, soprattutto, il mestiere di prostituta. Coral l'ha scelto, anche se sembra nascondere più di quello che dice, Wendy e Gina invece si sono ritrovate costrette a farlo. La prima bisognosa di soldi per scappare con la sua compagna, la seconda attirata da un'occasione lavorativa che si è rivelata però essere tutt'altro. La loro storia viene raccontata dalla voce fuori campo di Coral, che non aggiunge molto altro a quello che si vede ma che riesce ad essere estremamente tagliente e ironica, specie quando condanna le pratiche sessuali e le manie dei clienti del club in cui ha lavorato.

NetflixLa protagonista di Sky Rojo
Il divano rosso da cui la serie prende il nome.

Coral è uno dei personaggi più interessanti e per molti versi ricorda Macarena di Vis a Vis. La sua lucidità mentale è spesso però messa a dura prova dall'uso eccessivo che fa di medicine e calmanti. Una vera ossessione di cui non riesce a fare a meno.

Dalla parte dei cattivi

Ad inseguire le tre fuggitive in questo viaggio on the road c'è una coppia di criminali, il braccio destro e sinistro del proprietario del bordello, Moisés (il Miguel Ángel Silvestre di Sense8) e Christian (Enric Auquer). Due fratelli, estremamente irascibili e sempre pronti a tirare un pugno in faccia al malcapitato di turno. All'inizio sembrano due macchiette, lo stereotipo degli scagnozzi che rimasti senza il boss fanno quello che gli riesce meglio: sparare a tutto quello che si muove. Eppure pian piano si svela il loro passato, la devozione verso la famiglia e anche l'amore. Eh si perchè in Sky Rojo c'è tempo anche per innamorarsi. Certo, non è l'amore fatto di promesse eterne, mazzi di rose o eleganti inviti a cena, ma qualcosa sussurato per sbaglio tra una sveltina in barca e una lap dance. Però c'è e funziona egregiamente nonostante i ritmi tanto serrati.

NetflixUna scena di Sky Rojo di Netflix

Sky Rojo è una serie che va giù tutta d'un fiato, come i mix di medicine che più volte Coral ingurgiterà durante lo show. Con una regia e una fotografia che mostrano una Spagna pop, colorata e insanguinata, simile ai vestiti delle tre protagoniste e che a tratti ricorda le atmosfere di Tarantino (come quelle di Pulp Fiction e Kill Bill) e quelle thirller dell'opera a fumetti di Petrimaux, Fate fuori Ramirez. Se non avete mai digerito le serie TV spagnole, questo viaggio ad alta velocità nel torbido mondo della prostituzione potrebbe farvi cambiare idea. In uscita il 19 marzo su Netflix.

Voto 8,5/10

La fusione perfetta tra La casa di carta e Vis a Vis, senza le parti da telenovelas e in un contenitore colorato e brillante come un vestito di paillettes.

Simone Alvaro Segatori

Leggi anche

      Cerca