Profiling 11 non si farà: ecco perché la serie è stata cancellata

Dieci anni, dieci stagioni, tre protagoniste femminili: saranno questi i numeri definitivi per Profiling, che è stata cancellata. La serie non avrà una stagione 11, vi racconto perché.

TF1 I protagonisti di Profiling 10

Profiling, la serie crime francese più popolare di sempre, è stata cancellata.

La decima stagione, in arrivo fra la primavera e l'estate, sarà anche l'ultima: non ci sarà una stagione 11.

La decisione è arrivata all'improvviso, cogliendo i molti fan alla sprovvista.

A dare la notizia è stato lo storico protagonista Philippe Bas, che interpreta il comandante Thomas Rocher dalla terza stagione.

Con un tweet, lanciato a metà febbraio ma confermato solo in seguito dalla produzione, l'attore aveva anticipato ai suoi quasi 20.000 follower la notizia:

Le sue parole:

La pagina è stata voltata. È stata una grande avventura che mi ha portato molto di più di quanto immaginassi. Grazie, grazie, grazie... A voi, a tutte le troupe e a tutti coloro che hanno lavorato a questa serie.

Non è stato proprio un annuncio: dopo aver risposto a un fan su Instagram che no, non ci sarebbe stata una stagione 11, Philippe Bas aveva lanciato la bomba.

Ma perché Profiling è stata cancellata?

Il calo degli ascolti

La stagione 10 aveva già debuttato in Francia, per essere poi sospesa a causa del lockdown. Ma il debutto non era stato affatto favorevole: il pubblico aveva abbandonato la serie dimezzando quasi i risultati negli ascolti. 

Dagli oltre 3,5 milioni di spettatori per la stagione 9 a meno di 2 per la 10.

Un calo molto deciso, che ha spinto la produzione della serie trasmessa e co-prodotta da TF1 a valutare di non realizzare ulteriori episodi.

Complici anche le difficoltà nella realizzazione di film e serie portate dalla pandemia e il mancato gradimento dei copioni proposti per la stagione 11 - che non sarebbero piaciuti a nessuno della produzione - gli ascolti sono stati la prima e principale ragione della scelta.

TF1Profling: Chloé e Adèle
Profling: Chloé e Adèle, le prime due protagoniste della serie

Gli avvicendamenti nel cast

A portare il forte caso d'interesse da parte del pubblico potrebbe essere stata l'uscita di scena di Adèle, il personaggio interpretato da Juliette Roudet e amatissimo dai fan, fuori dai giochi dal finale della stagione 9 per la volontà della sua interprete di dedicarsi ad altro.

A sostituirla è arrivata la cantante Shy'm, molto popolare ma evidentemente non abbastanza da rimpiazzare Adèle nel cuore degli spettatori.

Profiling ha avuto una storia travagliata, con le sue protagoniste femminili: inizialmente la scena era tutta per la criminologa Chloé Saint-Laurent (Odile Vuillemin), in seguito sostituita proprio da Adèle e infine da Elisa Bergman, interpretata appunto da Shy'm.

Dopo il passaggio del testimone da Chloé ad Adèle, un nuovo cambiamento al timone della serie - che ruota attorno alla collaborazione fra la polizia e la criminologa protagonista - risulta evidentemente sgradito al pubblico che seguiva la serie da quasi 10 anni.

Leggi anche

      Cerca