No, la battuta cult "We live in a society" di Joker vista nel trailer della Snyder's Cut non è presente nel film

Zack Snyder si è divertito alla spalle del pubblico (e della cultura di Internet): nel montaggio finale della Snyder's Cut non c'è l'iconica battuta "We live in a society".

Warner Bros Joker porge una carta a Batman

Internet dovrà farsene una ragione: è (ancora) la cultura online dei meme a citare film e cinecomics, non viceversa. No, l'iconica frase "We live in a society" non viene pronunciata da Joker nel nuovo montaggio della Justice League voluto dal regista Zack Snyder e sostenuto dai fan con apposite campagne, fino a convincere Warner Bros della bontà dell'operazione. Nonostante quanto dichiarato nella tante interviste rilasciate a riguardo, nonostante i meme piovuti dopo la pubblicazione del trailer di Zack Snyder's Justice League, quella battuta divenuta cult non è presente nel montaggio finale. 

Che farsene quindi delle tante dichiarazioni in merito del regista e dell'attore Jared Leto? Niente: vanno derubricate come un tentativo di depistare il pubblico in attesa dell'arrivo della pellicola su HBO Max (e in contemporanea su Sky in Italia). Ripercorriamo insieme lo strano caso della battuta di Joker divenuta meme. 

"We live in a society" 

È probabile che Snyder si sia voluto togliere uno sfizio, mentre tentava di depistare il pubblico sul vero oggetto della conversazione tra Batman e Joker. Questa scena infatti fa parte di un lungo spezzone che chiude il film ed è richissima di colpi di scena e spoiler. Impossibile dunque anticiparne il contenuto senza rovinare la sorpresa al pubblico. Si è probabilmente deciso di creare un dialogo ad hoc, un finto scambio di battute fatto appositamente per il trailer. Non è una pratica di depistaggio inedita nel mondo dei cinecomics, anzi: è stata spesso usata anche in casa Marvel, per mantenere segreti i colpi di scena dei film. 

In questo caso però la citazione è ironica, quasi irriverente. Infatti "We live in a society" fa parte della cultura di Internet e del mondo dei meme da almeno una decina di anni. Ne ricostruisce bene origine, storia ed evoluzione HappyMag in un pezzo dedicato. La frase comincia ad apparire sui social con una certa ricorrenza tra il 2008 e il 2010, utilizzata da giovani che si definiscono "woke" per commentare le circostanze più assurde e surreali che "la società in cui viviamo" talvolta produce. Poco dopo viene adottata anche dai cosidetti "incel" per descrivere le presunte storture di un mondo in cui non riescono a sviluppare una vita affettiva con una donna, a causa della presunta "rovina" indotta dal diffondersi del femminismo.

A metà tra denuncia e lamento, l'espressione è stata via via trasformata con una rilettura ironica che fa il verso agli originari utilizzatori. "We live in a society" diventa presto un meme da apporre a foto e contesti disparati, sempre più divenuta frase autoconclusiva, che già suggerisce un qualcosa sul possibile utilizzatore. 

Qui entra in gioco Snyder, che la fa pronunciare al suo Joker come prima parte di una frase ad effetto nel trailer della Snyder's Cut. La breve ma strategica pausa tra "We live in a society" e il resto della battuta fanno il resto. Internet comincia a sfornare foto di Joker veri o presunti che pronunciano l'iconica frase, evolvendo ulteriormente un meme già esistente. Nelle interviste precedenti al lancio tutti vogliono sapere se Snyder abbia consapevolmente messo in bocca quell'espressione (e tutto il suo significato connesso) a uno dei più iconici villain della DC. 

Solo che Snyder ci stava mentendo, o forse trollando: "We live in a society" non fa parte delle battute di Joker. Almeno, non in questa versione del film immaginata dal regista. Mai dire mai. 

Leggi anche

      Cerca