Resident Evil, il film sarà uno (spaventoso) omaggio ai videogiochi: tutte le novità

Il reboot di Resident Evil promette di essere assolutamente fedele ai primi capitoli della serie di videogame targata Capcom.

Capcom Un'immagine di Resident Evil 2

Nel 2021 Resident Evil celebrerà il suo 25imo anniversario, un evento che Capcom ha deciso di festeggiare in grande stile con una serie di annunci dedicati alla serie di videogiochi survival horror più famosa di sempre.

Tra le novità spicca senza ombra di dubbio anche il nuovo film diretto da Johannes Roberts, che promette di fungere da vero e proprio reboot del franchise (lasciando quindi da parte i precedenti lungometraggi con Milla Jovovich, diretti da Paul W.S. Anderson). Ora, in occasione del festival SXSW, IGN ha rivelato in anteprima che la nuova pellicola si intitolerà Resident Evil: Welcome to Raccoon City.

Il film si ispirerà in particolar modo ai primi due, storici capitoli della saga di Biohazard (usciti rispettivamente nel 1996 e nel 1998), proponendo di fatto i personaggi principali che hanno reso immortali i videogiochi usciti originariamente sulla PlayStation originale a 32-bit. Ritroveremo quindi volti noti come Chris e sua sorella e Claire Redfield, oltre a Jill Valentine e Leon S. Kennedy (quest'ultimo, protagonista anche della serie Netflix Resident Evil: Infinite Darkness, assieme a Claire).

Constantin FilmIl banner ufficiale del film di Resident Evil

Le vicende avranno luogo nel '98, durante la terribile invasione zombie nella città di Raccoon City innescata dal virus sprigionato dalla corporazione farmaceutica senza scrupoli nota come Umbrella Corporation. Il film riproporrà quindi gran parte delle location storiche viste nei due videogiochi originali del franchise, inclusa la lugubre Villa Spencer e la stazione di polizia.

Sempre durante una chiacchierata con IGN, Roberts ha in ogni caso assicurato i fan che il suo film sarà assolutamente spaventoso e il linea con lo stile classico dei primi episodi della saga videoludica:

Il punto focale del film è il tono. Quello che ho amato dei videogiochi è che erano davvero spaventosi ed è esattamente quello che voglio realizzare. Quel tipo di atmosfera dove piove ed è sempre buio, è davvero inquietante. Raccoon City è una sorta di vero e proprio personaggio putrescente a sé stante, quella è l’atmosfera dei videgiochi che voglio replicare nel film.

Il regista ha poi chiarito che il film offrirà di fatto due ambientazioni ben distinte, ognuna delle quali caratterizzata da un tipo di "orrore" differente: nella stazione di polizia si avrà la sensazione di essere assaliti da orde di non morti affamati di carne umana, mentre all'interno della magione il tutto sarà "fottutamente inquietante".

Roberts ha inoltre spiegato di essersi ispirato a una vera e propria leggenda del genere horror, ossia il grande John Carpenter:

Sono un grande fan di John Carpenter, ne ho tenuto conto mentre realizzavo la pellicola. Il suo modo di raccontare assalti claustrofobici sullo stile di Distretto 13 o Fog, con questo gruppo di sopravvissuti disperati che uniscono le forze mentre vengono accerchiati. Da lì ho preso la mia ispirazione per il film.

Nel cast troveremo Kaya Scodelario, Robbie Amell, Hannah John-Kamen, Avan Jogia, Neal McDonough, Tom Hopper, Donal Logue e Lily Gao.

Prodotto da Constantin Film, Resident Evil: Welcome to Raccoon City arriverà nelle sale cinematografiche americane il prossimo 3 settembre. Ancora nessuna conferma per quanto riguarda un'eventuale uscita italiana. 

Leggi anche

      Cerca