Il sapore delle margherite: cosa devi sapere sulla serie crime vietata ai minori

Dopo i primi sei capitoli, il thriller gallego con María Mera torna su Netflix per una seconda stagione che gli autori annunciano ancora "più oscura, sordida e inquietante".

TVG / Netflix I tre protagonisti della serie spagnola Il sapore delle margherite

Una strana sparizione, quella dell'adolescente problematica e ribelle Marta Labrada, scuote la comunità di Muriás, placido e sonnolento paesino della Galizia. A indagare assieme all'agente Mauro Seoane, che è coinvolto in prima persona e ha dalla sua la conoscenza diretta di tutti i coinvolti, arriva da fuori una detective alle prime armi, l'ombrosa forestiera Rosa Vargas.

È questo il canovaccio – che più classico non si può – della serie Il sapore delle margherite (il titolo originale è El sabor de las margaritas, in galiziano O sabor das margaridas), crime drama spagnolo che alla 17esima edizione dei Premios Mestre Mateo assegnati dall'Academia Galega do Audiovisual ha vinto il premio come miglior fiction televisiva.

La prima stagione, composta da 6 episodi da 70 minuti di durata ciascuno, è andata in onda in anteprima su TVG (la Televisión de Galicia) il 3 ottobre del 2018, poi è passata (doppiata in castigliano) sulle reti FORTA (i 12 enti pubblici delle comunità autonome) e infine su Netflix dal 31 marzo del 2019.

La stagione 2 è in arrivo il 2 aprile 2021 su Netflix: ecco il trailer e tutto quello che c'è da sapere (evitando accuratamente gli spoiler) in attesa dei nuovi episodi o semplicemente prima di mettersi alla visione per recuperare uno dei tanti titoli passati in sordina nel catalogo della piattaforma streaming.

La storia

Ogni capitolo della serie ha una struttura circolare: dopo una citazione da un canto della Divina Commedia, si apre con la scena che chiuderà l'episodio. Il sapore delle margherite è un thriller che ha per protagonista la tipica cittadina da noir dove tutti potrebbero essere colpevoli, perché tutti hanno qualcosa da nascondere.

Rosa Vargas è una poliziotta dal passato traumatico mandata a Muriás, tranquillo paesino gallego dove ci si fanno i fatti propri e "non succede mai niente", per il suo primo caso: la scomparsa di un'adolescente, Marta, senza genitori e dalla vita piuttosto incasinata.

La detective della Guardia Civil è una novellina, ma è molto metodica e scrupolosa. Ci sono pochi colleghi ad aiutarla perché di lì a qualche giorno è previsto l'arrivo del Papa a Santiago de Compostela in occasione della Giornata mondiale della gioventù. Rosa può contare soltanto sulla collaborazione di Mauro Seoane, agente sposato (infelicemente) con Luisa e padre (severo) della teenager Rebeca, e di Alberte Figueroa, l'anziano comandante della locale stazione e ormai prossimo alla pensione.

L'indagine, apparentemente semplice, diventa ben presto un vaso di Pandora e scoperchia segreti agghiaccianti che coinvolgono l'intera comunità, trasformandola in una vera e propria Twin Peaks della Galizia. I sospettati sono parecchi, dall'ambiguo travet Mantilla al professore delle superiori Miguel, passando per il meccanico Muñiz e il ritardato Bernabé, il teppistello Brais e la metallara Rafaela, collega di Marta alla stazione di servizio nella quale lavorava. Tra loro c'è davvero un serial killer di giovani donne?

La detective Vargas non è immune all'enigma e ai conflitti interiori che l'investigazione scatena: in quest'angolo di Spagna perbene (che non esiste) la sbirra della Guardia Civil troverà finalmente delle risposte ad una sua perdita personale e scoprirà la sua vera identità.

Il cast

Rosa Vargas, la "teniente" al centro della serie, è interpretata da María Mera, attrice gallega classe 1986 lanciata nel 2009 dalla serie Matalobos.

Diplomata all'Escuela de Teatro de Santiago de Compostela, Mera è apparsa al cinema nel thriller Desconocido - Resa dei conti di Dani de la Torre e in un piccolo ruolo in Julieta di Pedro Almodóvar.

Il personaggio principale di Rosa Vargas, ispirato per ammissione stessa dell'attrice coruñesa a Saga Norén di The Bridge, è l'unico (con quelli di Carlos Villarino e Sara Sanz) che ritorna nel secondo round di episodi.

I due agenti che aiutano Vargas, Mauro Seoane e Alberte Figueroa, sono rispettivamente Toni Salgado e Miquel Insua.

Miquel Insua ha 60 anni ed è un caratterista già visto tra film come La viajante di Miguel Mejías e serie quali Lobos e Cordeiros e Amar es para siempre.

Nato nel 1978, Toni Salgado è un volto conosciuto agli spettatori di Canale 5 (e per gli abbonati Netflix grazie a una parte – sempre da poliziotto – nella quarta stagione di La casa di carta): è Íñigo Maqueda nella soap Il segreto.

Il sapore delle margherite schiera tanti altri attori noti della serialità spagnola, da Denis Gómez (ancora su Netflix nella comedy Il vicino) a Sara Sanz, che nella dodicesima ed ultima stagione de Il segreto è Rosa Solozábal, la figlia di Ignacio.

Ecco il cast principale della prima stagione e i rispettivi personaggi:

  • María Mera: Rosa Vargas
  • Toni Salgado: Mauro Seoane
  • Miquel Insua: Alberte Figueroa
  • Paloma Saavedra: Marta Labrada
  • Sara Sanz: Rebeca Seoane
  • Jimmy Núñez: Brais
  • Santi Cuquejo: David
  • Lucía Álvarez: Luisa Seoane
  • Fran Paredes: Miguel
  • Alejandro Martínez: Muñiz
  • Denis Gómez: Bernabé
  • Manolo Cortés: Xavier
  • Yelena Molina: Samanta
  • Mariana Expósito: Rafaela
  • Xavier Pan: Padre Amaro
  • Iñaqui Rosado: Ivan
  • Carlos Villarino: Mantilla
  • Nerea Barros: Pamela
  • Ricardo de Barreiro: Vidal
  • Alicia Armenteros: Vivi
  • Martina Stetson: Margarita Mayo

Nella seconda stagione, descritta come "più oscura, sordida e inquietante" e "più urbana e meno rurale" della prima, il co-protagonista accanto a María Mera è Santi Prego. L'attore è fresco di nomination ai Goya per la performance nei panni del "Caudillo" Francisco Franco in Mientras dure la guerra, il dramma storico del premio Oscar Alejandro Amenàbar passato al Torino Film Festival dopo le selezioni a quelli di Toronto e San Sebastián.

Prego interpreta Raúl Salgado, un ispettore della Policía Nacional incaricato del caso del "killer delle margherite". L'esperto detective deve farsi strada tra macabri crimini prima che sia troppo tardi ed è affiancato dal vice ispettore Miranda, interpretato da David Seijo. Un altro ruolo chiave è affidato a Noelia Castaño, la María di Alto mare: l'attrice argentina sarà la giornalista investigativa Laura Nogueira, immersa in un reportage sulla prostituzione minorile.

Questo è il cast principale della seconda stagione:

  • María Mera
  • Santi Prego
  • Noelia Castaño
  • David Seijo
  • Carlos Villarino
  • Sara Sanz
  • Rebeca Stones
  • César Cambeiro
  • Nanda Tasende
  • Samuel Blanco
  • María Costas
  • Javier Varela
  • Silvana Sesteño
  • Artur Trillo
  • María Tizón
  • Toni Salgado
  • Nuncy Valcárcel
  • Carlos Álvarez-Ossorio
  • Alma Buyo
  • Miguel Borines
  • Mariana Expósito

I creatori

Il regista della prima stagione della serie è Miguel Conde, già dietro la macchina per Serramoura (il thriller "rurale" di Voz Audiovisual) e Il sospetto (in originale Bajo sospecha), il giallo con Yon González e Blanca Romero trasmesso in Italia su Canale 5.

Nella seconda stagione Conde è stato sostituito da Álex Sampayo, regista classe 1978 di Lalín, che ha diretto il thriller Schimbare dopo una lunga gavetta tra cortometraggi e serie.

Il team di autori è invece formato da Eligio R. Montero, Ghaleb Haber Martínez e Raquel Arias. Montero è lo sceneggiatore (con Salvador Simó e Fermín Solís) di Buñuel - Nel labirinto delle tartarughe, candidato ai Goya e miglior film d'animazione agli EFA 2019, gli Oscar europei del cinema.

Montero vanta una lunga esperienza nel mondo televisivo iberico: ha fatto parte della squadra di autori di serie di successo come Gran Hotel, Padre Casares e Hierro e sta preparando l'atteso thriller La isla, una co-produzione sudamericana ambientata a Rapa Nui, la celebre Isola di Pasqua.

Lo sceneggiatore è pure un apprezzato scrittore: ha firmato i romanzi 1921 - Diario de una enfermera e La viña vieja.

Montero promette che i tempi dilatati della prima stagione – una serie che "si cucina a fuoco lento" e che è arrivata al settimo posto tra gli show in lingua straniera più seguiti in Inghilterra e in Irlanda su Netflix – subiranno uno scossone.

Il secondo ciclo di El sabor de las margaritas, assicura lo sceneggiatore su Twitter, "va a tutto gas": l'appuntamento è a partire dal 2 aprile, quando la piattaforma inserisce i sei episodi (sempre di 70 minuti ciascuno) nel proprio catalogo.

Occhio al rating: a causa del materiale (perversioni, omicidi e satanismo più o meno acido) capace di inquietare e far rabbrividire, il servizio dalla grande N giudica la serie adatta ad abbonati con almeno 18 anni d'età.

Leggi anche

      Cerca