Gli irregolari di Baker Street: come cambiano dai libri alla serie Netflix

Nati dalla penna di Sir Arthur Conan Doyle, i celebri aiutanti di Sherlock Holmes diventano per Netflix dei detective del paranormale, ecco tutte le differenze con i personaggi originali.

Netflix Gli irregolari di Baker Street: differenza tra libri di Doyle e serie TV

Sherlock Holmes è una delle menti più brillanti del suo tempo, o almeno è così che lo descrive il suo autore Sir Arthur Conan Doyle che nel 1887 ha dato vita a uno dei più grandi personaggi di tutti i tempi. L'eccezionale processo deduttivo di Holmes e il suo ingegno non sarebbero però nulla senza la prontezza del suo fidato assistente Watson e le preziose informazioni di un gruppo di ragazzi di strada che prendono il nome di Irregolari di Baker Street.

L'omonima serie Netflix riprende ed aggiorna questi personaggi, dandogli un ruolo centrale rispetto all'illustre investigatore e trasformando proprio i ragazzi in detective. Non indagatori qualsiasi però, ma indagatori dell'incubo e dell'occulto (volendo prendere in prestito il soprannome di un celebre detective dei fumetti italiani). Ma come nasce la figura degli Irregolari? Quali sono le storie di Sherlock Holmes in cui compaiono? E come cambiano dal libro alla serie TV di Netflix?

Gli Irregolari originali di Arthur Conan Doyle

NetflixIl 221B ne Gli Irregolari di Baker Street

La prima apparizione degli irregolari risale al primo romanzo di Sherlock Holmes, Uno studio in rosso, in cui è Holmes stesso a definire gli Irregolari come "La divisione investigativa di Baker Street". Watson però, dopo essere stato travolto dai ragazzi che entrano a Baker Street sconvolgendo anche la governante dell'edificio, la Signora Hudson, li definisce come "una mezza dozzina dei più sporchi ragazzi di strada che avessi mai visto".

UNIVERSALE ECONOMICA. I CLASSICI Uno studio in rosso
UNIVERSALE ECONOMICA. I CLASSICI

Uno studio in rosso

8,07 €

L'autore non scende mai nei particolari, descrivendo ad esempio il carattere o il vestiario dei vari Irregolari. Sherlock però si riferisce sempre al loro capo, un monello di nome Wiggins, che paga con scellini giornalieri e ghinee premio. Gli Irregolari sono dei personaggi di supporto utili al detective del 221B per arrivare più velocemente alle soluzioni. A differenza della serie TV Netflix infatti, dove sono i ragazzi ad indagare e risolvere i crimini, nei libri gli Irregolari sono solo una piccola parte del tutto. In alcuni casi ritrovano qualche personaggio secondario scomparso, mentre in altri addirittura falliscono il compito affidato loro da Sherlock, come ne Il Segno dei Quattro. In questo libro hanno addirittura un capitolo dedicato chiamato proprio "Gli Irregolari di Baker Street". Nel capitolo saranno mandati da Sherlock ad investigare su una lancia a vapore chiamata Aurora.

Conan Doyle, Arthur Il segno dei quattro
Conan Doyle, Arthur

Il segno dei quattro

8,55 €

Anche ne Il Mastino dei Baskerville c'è un personaggio di supporto a Sherlock Holmes, un certo Cartwright, che ricorda gli Irregolari. Cartwright si occuperò infatti di gestire le varie faccende del detective nella brughiera, di fargli da messaggero e di occuparsi dei suoi rifornimenti mentre Holmes agisce sotto copertura. Questo però non viene mai inserito ufficialmente tra gli Irregolari pur svolgendo la stessa funzione di questi, ma fuori da Londra.

UNIVERSALE ECONOMICA. I CLASSICI Il mastino dei Baskerville
UNIVERSALE ECONOMICA. I CLASSICI

Il mastino dei Baskerville

9,02 €

Anche se i personaggi di Bea, Jesse e Spike presenti negli Irregolari di Netflix non vengono mai nominati nei libri di Doyle, ma viene invece fatta menzione di Billy. Nella serie è il ragazzo più grande del gruppo, il giovane duro dal cuore d'oro abbandonato dalla famiglia e cresciuto dalla strada e le botte. Ne L'avventura della pietra di Mazarino contenuto ne Il taccuino di Sherlock Holmes, unica storia in cui compare, Billy è invece un giovane paggio che aiuterà Holmes a sfuggire al suo assassino grazie ad un particolare stratagemma per creare un bersaglio fittizio del detective.

Doyle, Arthur Conan Il taccuino di Sherlock Holmes
Doyle, Arthur Conan

Il taccuino di Sherlock Holmes

11,40 €

Oltre la serie di Netflix: film e serie TV in cui compaiono gli Irregolari

Gli Irregolari sono quindi una figura di supporto che lo stesso Doyle si limita ad abbozzare lasciando poi alla mente del lettore il compito di fare il resto. Nel tempo però gli Irregolari sono apparsi in diversi media che, se avete amato la serie Netflix, non dovreste lasciarvi scappare. La BBC dedicò un'intera serie TV a questi personaggi chiamata appunto The Baker Street Boys e andata in onda nel 1983. E sempre la BBC, nel 2007, realizzò il film TV Sherlock Holmes and the Baker Street Irregulars.

NetflixBea, Billy e Spike ne Gli Irregolari di Baker Street di Netflix

C'è poi stata un'apparizione dei personaggi anche nel film Senza un indizio, dove Ben Kingsley interpreta il Dr. Watson e delle altre nella serie animata di fantascienza weird Sherlock Holmes - Indagini dal futuro.

Infine, oltre agli Irregolari di Netflix, i personaggi sono stati riadattati per le due serie TV più famose dedicate al detective londinese. In Sherlock gli Irregolari sono vicini al romanzo originale e vengono descritti come "un network di senzatetto", dei personaggi secondari che affollano le strade di Londra, vedono e sentono tutto. In Elementary invece sono stati reimmaginati per essere una vera e propria squadra di adulti esperti in un campo specifico. Ognuno di loro sarà fondamentale per la risoluzione di un caso.

NoSpoiler seleziona in modo indipendente i gadget e servizi che ti proponiamo in queste pagine e potrebbe ricevere una piccola quota (senza costi aggiuntivi per te) nel caso di acquisto tramite i link proposti.

Leggi anche

      Cerca