Come finisce Gli irregolari di Baker Street? La spiegazione e le domande senza risposta

Tanta avventura, tanti colpi di scena e un finale che apre la strada a diversi possibili sviluppi. La conclusione de Gli irregolari di Baker Street ha sciolto molti nodi, ma ha anche lasciato parecchie domande senza risposta e questioni in sospeso.

Matt Squire/Netflix I protagonisti de Gli irregolari di Baker Street

La serie Gli irregolari di Baker Street mescola mistero, soprannaturale e avventura in una storia che prende le mosse dai personaggi e dal mondo creati da Sir Arthur Conan Doyle. E anche se non tutto funziona al meglio, ha conquistato il pubblico di Netflix, balzando in pochi giorni in vetta alla top ten dei contenuti più visti. 

Per 8 episodi, gli autori hanno seminato indizi e tessuto una fitta trama di eventi, che è stata in gran parte sciolta nel finale. Tuttavia, alcuni punti non sono stati del tutto chiariti e a molte domande non è stata data risposta.

Per chi vuole saperne di più, ecco qualche riflessione sulla conclusione e gli elementi chiave della storia.

Chi è e cosa vuole l'Uomo in bianco

L'Uomo in bianco è un "Ipsissimus" (un termine mutuato dagli studi dell'esoterista Aleister Crowley), ovvero un individuo con "un alto livello di abilità psichica", un grandissimo sensitivo, che può entrare nella mente delle persone e manipolare le loro paure e i loro ricordi. Anche Alice era un Ipsissimus. E dopo di lei, adesso lo è sua figlia, Jessie.

L'Uomo in bianco guadagna la fiducia della ragazza proprio perché vuole usare le sue abilità per rintracciare il Varco. Ma l'obiettivo dello sfuggente Ipsissimus non è chiuderlo, bensì impadronirsi dell'enorme potere della misteriosa "breccia". Dopo avere imprigionato Jessie nella sua mente, l'Uomo in bianco dice alla giovane di avere avuto una visione del futuro e di avere visto le atrocità commesse dagli uomini. Per questa ragione, ha intenzione di "diventare un dio" e governare il mondo:

Le persone normali sono mostri. Ho intravisto gli orrori che gli uomini provocheranno nei secoli a venire. Tutte queste atrocità accadono per un solo motivo: la paura. Tramite la paura puoi controllare le persone. Hai visto come sono gli uomini? Ma io e te siamo più evoluti di così. Noi porteremo ordine in questo mondo.

Matt Squire/NetflixGli irregolari di Baker Street: l'Uomo in bianco
L'uomo in bianco vuole assorbire il potere del Varco per governare il mondo

Ma non solo. L'Uomo in bianco rivela a Jessie che ha un figlio, anche lui un Ipsissimus, e che il suo piano è di farli sposare per creare un nuovo ordine di esseri umani superiori:

Perché pensi che non ti abbia uccisa? Ho un figlio. Anche lui è un Ipsissimus. Tu avrai una famiglia con lui. Creerete una dinastia di Ipsissimi, che regnerà sugli uomini anche dopo la mia morte.

Chi ha aperto il Varco (e perché)

Ad aprire il Varco che minaccia Londra e il mondo intero e che l'Uomo in bianco vuole trovare a tutti i costi è stata Alice, la madre di Bea e Jessie. 15 anni prima, mentre cercava di chiudere la misteriosa "breccia" con Sherlock Holmes e John Watson, la donna è stata risucchiata al suo interno e ha perso tutti coloro che amava.

Alice spiega che ha vissuto in Purgatorio, una dimensione popolata di "spiriti che non vogliono andare avanti". Proprio come lei, che non poteva farlo perché voleva tornare dalle sue figlie e stare con loro. Per questa ragione, ha trovato un modo per abbattere la barriera tra la sua dimensione e quella di Bea e Jessie. Quando il Varco sarà del tutto aperto, lei sarà completamente libera, ma il Purgatorio ingloberà e distruggerà il mondo. Tuttavia, la donna non è preoccupata. Anzi, è convinta che sia un bene: 

Sarebbe la fine della morte. La vita è un'aberrazione. Quando nasciamo, piangiamo. Perché sentiamo il suo dolore per la prima volta. E termina strappandoci definitivamente da tutto ciò che abbiamo mai amato. Guardatevi intorno. Tutti qui siamo stati devastati dalla sofferenza. Senza vita, non ci sarà più nessuna sofferenza.

In definitiva, Alice ha aperto il Varco per una ragione ben chiara, anche se distorta e dagli effetti devastanti. Invece, 15 anni prima, la "breccia" tra i mondi si è formata a causa di un incidente provocato da Watson. Per ottenere l'attenzione, la stima e in ultima istanza l'amore di Sherlock Holmes, il dottore ha portato via con l'inganno a Edith Dubois un'antica reliquia per entrare in contatto con l'aldilà, che la donna voleva utilizzare per (provare a) salvare il marito.

Watson ha cercato di usarla, ma le cose sono andate nel verso sbagliato e ha finito per aprire il Varco, scatenando la catena di eventi che ha portato alla scomparsa di Alice attraverso la "breccia".

Il dolore come chiave di lettura del finale

Il dolore è un elemento cruciale ne Gli irregolari di Baker Street ed è il motore degli eventi che culminano nella battaglia finale esteriore e interiore che impegna i protagonisti.

Il dottor Watson apre il Varco per il dolore di non essere amato da Sherlock Holmes, mentre Alice lo fa perché vuole ritrovare le sue figlie (e l'uomo che ama). Allo stesso modo, l'investigatore e Bea non riescono a superare il dolore per la morte della donna amata e della madre e per questa ragione esitano a chiudere il Varco e a condannare Alice all'oblio (di nuovo). Sherlock Holmes aiuta addirittura l'Uomo in bianco a fuggire, di fronte alla promessa di riunirsi ad Alice.

È solo quando tutti loro riescono ad affrontare e superare il dolore che la battaglia viene vinta. Grazie a Jessie, Bea capisce che nonostante la perdita della madre e le tante difficoltà che hanno dovuto affrontare, la loro vita è speciale per l'amore che provano l'una per l'altra. E guardando le due sorelle, Sherlock Holmes abbraccia finalmente il suo ruolo di padre (!) e ricorda ad Alice quello che lei stessa gli aveva detto:

Avevi ragione, non siamo più solamente tu e io. Ci sono le ragazze. Devi tornare indietro.

Matt Squire/NetflixGli irregolari di Baker Street: Bea e Jessie
Bea e Jessie hanno dovuto affrontare il loro dolore più profondo per ritrovare sé stesse e chiudere il Varco

Nel momento in cui riescono a voltare pagina, per i 4 diventa chiaro che la loro vita e il mondo intero vanno preservati e Jessie inizia a chiudere il Varco. Ma prima che finisca, Sherlock Holmes si butta al suo interno per raggiungere Alice. Di nuovo, Watson cerca di salvare l'investigatore, mentre Bea si aggrappa con tutte le sue forze alla sorella per impedire che venga risucchiata. Tuttavia, stavolta, il dottore lascia andare Sherlock Holmes e impedisce che Jessie finisca dall'altra parte del Varco. Finalmente, anche Watson ha affrontato il suo dolore e guarda avanti.

Più in generale, il dolore è all'origine delle azioni di Arthur Hilton (il signore dei corvi), della figlia di David Gates (la "fata dei denti"), di Clara Dixon (la ragazza che può assumere le sembianze di altre persone) e di Edith Dubois e suo marito. Ed è anche ciò che porta Billy a scontrarsi con il responsabile dell'orfanotrofio in cui è cresciuto con gli altri "irregolari", causando la morte dell'uomo e l'arresto del giovane.

Sherlock Holmes è morto?

Dopo avere ritrovato Alice, Sherlock Holmes è costretto a dirle addio di nuovo. Ma prima che il Varco si richiuda, salta al suo interno per raggiungerla. All'inizio, Watson cerca di trattenerlo, ma poi decide di aiutare Bea e lascia andare l'investigatore, che viene risucchiato in Purgatorio. Il detective è morto? In realtà, non è detto.

Come Alice è riuscita a tornare dopo 15 anni, nulla esclude che ci riesca anche Sherlock Holmes. Certo, la donna è un Ipsissimus e ha dei poteri speciali. Ma i due potrebbero lavorare insieme per trovare un modo per attraversare di nuovo la "breccia". Magari, stavolta senza distruggere il mondo. 

Matt Squire/NetflixGli irregolari di Baker Street: Sherlock Holmes
Sherlock Holmes è morto? Forse no...

Ovviamente, al momento sono solo ipotesi. Ma l'attore che interpreta il celebre investigatore, Henry Lloyd-Hughes, ha lasciato intendere che (forse) qualche possibilità di rivedere Sherlock Holmes c'è:

Non ho idea di come andrà. Ma se riusciranno a svelare i misteri del tempo e dello spazio, ci proverò. È tutto quello che posso dire.

Qual è il futuro degli "irregolari" e di John Watson?

Gli irregolari di Baker Street si chiude con un finale agrodolce.

Bea, Jessie, Billy, Spike e Leo sono salvi e più uniti che mai. Ma Bea deve dire addio a Leo, perché il giovane ha accettato di rispettare i suoi doveri di principe ereditario in cambio della libertà di Billy. Dopo avere perso (di nuovo) la mamma, la ragazzina è costretta a rinunciare al suo amore. Tuttavia, può contare su un nuovo e inaspettato amico, John Watson.

Il dottore ha finalmente fatto pace con sé stesso e i propri sentimenti. E anche se la sofferenza e la tristezza per avere perso Sherlock Holmes - l'uomo che amava - è grande, ha voltato pagina ed è pronto a riprendere in mano la sua vita.

In questo senso, il legame tra Bea e Watson sembra preludere a una nuova collaborazione tra gli "irregolari" e il dottore, stavolta basata sulla fiducia e il rispetto e non (più) sul ricatto e l'intimidazione. Del resto, il gruppo di ragazzini ha dimostrato non solo grandi abilità investigative, ma anche preziose qualità umane. E poi c'è l'Ipsissimus Jessie, che sembra sempre più padrona dei suoi poteri.

Matt Squire/NetflixGli irregolari di Baker Street: John Watson
Il dottor Watson è pronto a una nuova collaborazione con gli "irregolari" di Baker Street

Tuttavia, la sorella di Bea potrebbe rivelarsi un pericolo per sé stessa e ancora di più per gli altri. Un piccolo ma inquietante segnale che allunga ombre scure su Jessie è una battuta che la ragazzina fa a Spike, mentre parlano delle paure che l'Uomo in bianco ha scatenato nelle loro menti quando erano nelle fogne. Di fronte alla reticenza dell'amico (che non sembra solo un amico), Jessie dice scherzando che potrebbe usare i suoi poteri per leggere i pensieri che le nasconde:

Potrei toccarti, entrare nella tua mente e scoprirlo.

La ragazzina finirà per essere corrotta dalla sua natura di Ipsissimus, come è accaduto all'Uomo in bianco? In tal senso, vale la pena osservare che il "mentore" di Jessie ha lasciato dietro di sé un figlio, che non solo potrebbe essere chiunque (chissà, magari anche qualcuno che gli "irregolari" conoscono...), ma potrebbe volere vendetta per suo padre. 

Matt Squire/NetflixGli irregolari di Baker Street: Leo e Bea
Leo e la famiglia reale potrebbero avere un ruolo importante in una eventuale seconda stagione de Gli irregolari di Baker Street

Anche se hanno chiuso il Varco, più di un indizio lascia pensare che Bea e i suoi amici dovranno vedersela con nuove, pericolose minacce. E come ha dichiarato il creatore della serie, Tom Bidwell, potrebbero arrivare da posti inaspettati:

Se avremo la possibilità di realizzare altre stagioni, la famiglia reale e le alte sfere della società offrono di sicuro molto materiale.

Dunque, anche se Leo è dovuto partire per l'Europa, è probabile che a un certo punto tornerà e incrocerà di nuovo la sua strada con quella degli "irregolari"... e di Bea. Ma il tempo può rimescolare le carte e Helena e Billy sono due variabili che possono cambiare (e molto) gli equilibri.

Come andrà finire? Le risposte potrebbero arrivare con una nuova stagione de Gli irregolari di Baker Streer. Ma al momento, Netflix non si è pronunciata circa l'eventuale rinnovo della serie. Dunque, non resta che aspettare.

Fonti: Screen Rant, Radio Times

Leggi anche

      Cerca