Non mi uccidere: scopriamo il nuovo film horror italiano di Andrea De Sica

Arriva sugli schermi (direttamente in streaming) il "Twilight italiano" con Alice Pagani (la Ludo di Baby) e Rocco Fasano (il Niccolò di Skam Italia): ecco tutto quello che c'è da sapere sull'adattamento del romanzo di Chiara Palazzolo.

Un bacio appassionato e un tenero abbraccio sulle note di Billie Eilish, prima di uno sguardo in camera che mostra la cruda verità: lei è una "sopramorta" e per sopravvivere ha bisogno di nutrirsi di carne umana.

Sono le prime immagini di Non mi uccidere, l'opera seconda di Andrea De Sica che porta sugli schermi il romanzo omonimo di Chiara Palazzolo. Già ribattezzato (erroneamente) il "Twilight italiano", il film salta l'uscita nelle sale (ancora chiuse) e debutta in streaming dal 21 aprile.

Warner Bros. Italia ha lanciato il primo teaser, che potete assaporare qui sotto. Ma prima di mettersi alla visione, ecco tutto quello che c'è da sapere sull'horror romantico che promette di ribaltare i luoghi comuni sugli zombie, gli adolescenti e l'amore.

La trama

La trama di Non mi uccidere ruota attorno a Mirta e Robin, due adolescenti apparentemente come tutti gli altri. Lei frequenta l'università, ha una famiglia normale alle spalle, è tanto bella e intelligente quanto indifesa e aggressiva. Lui ha dieci anni più di lei ed è un ragazzo misterioso e affascinante. Quando si conoscono, il colpo di fulmine è immediato, come la loro voglia di trasgredire.

Mirta ama Robin alla follia e lui le promette che il loro amore sarà eterno. Il dramma si consuma in una cava abbandonata durante una notte di luna piena: i due muoiono per un'overdose di eroina e i loro cadaveri vengono ritrovati in quel nascondiglio, vicino a una discarica.

Francesco Margutti / Warner Bros. Entertainment Italia/Vivo FilmRocco Fasano e Alice Pagani in una scena del film Non mi uccidere
L'amore di Robin e Mirta

Qualche giorno dopo il funerale, però, Mirta si risveglia confusa ed esce dalla propria tomba: la ragazza spera che Robin faccia lo stesso, perché le ha giurato amore eterno. Ma ormai niente è più come prima: Mirta si è trasformata in una "sopramorta", una di quelle creature "che non trovano pace", dotate di una forza sovrumana e capaci di volare.

I sopramorti hanno bisogno di nutrirsi di sangue e carne umana per riuscire a sopravvivere. Mentre di Robin si sono perse le tracce, Mirta vaga per i boschi del Subasio sola e impaurita, lasciandosi alle spalle una scia di cadaveri.

Ben presto scopre l'esistenza di altri esseri come lei e soprattutto di uomini misteriosi che danno la caccia ai sopramorti. Mirta non si dà per vinta: ormai è soltanto determinata a combattere e si mette alla disperata ricerca del suo Robin, sperando che anche lui possa essersi trasformato come lei.

Il libro

Non mi uccidere è un adattamento del romanzo omonimo scritto nel 2005 da Chiara Palazzolo, l'autrice siciliana (ma romana d'adozione) scomparsa prematuramente nell'agosto del 2012. Palazzolo è stata una delle firme più originali dell'horror e della letteratura fantastica italiana, dall'approccio rigorosamente realistico. Ha debuttato nel 2000 con La casa della festa, edito da Marsilio, e si è confermata con il successivo I bambini sono tornati (2003), pubblicato da Piemme.

Non mi uccidere è il primo capitolo della trilogia dark di Mirta-Luna, completata nel 2006 con Strappami il cuore e nel 2007 con Ti porterò nel sangue. L'ultimo libro della scrittrice è Nel bosco di Aus, una storia perturbante di streghe contemporanee dedicata al potere della magia e alla forza dei sentimenti. Successivamente alla sua scomparsa sono usciti i racconti Ragazza che passa e Damasco e dintorni.

Non mi uccidere Il romanzo di Chiara Palazzolo
Non mi uccidere

Il romanzo di Chiara Palazzolo

27,90€

In un'intervista concessa nel 2006 al sito La tela nera, Palazzolo spiega che l'ispirazione per Non mi uccidere è nata ascoltando un classico di Cat Stevens: la canzone Wild World.

Ma non solo: le ricerche della scrittrice sono state lunghe e laboriose, dalla narrativa classica sui "revenant" (Edgar Allan Poe, H. P. Lovecraft e Le Fanu, Bram Stoker e Stephen King) allo studio di Carlo Ginzburg sui benandanti.

Avevo alle spalle molte letture sui non morti, sia in letteratura che in campo folkloristico. Ma c'è da tener presente che ogni sopramorto viene da un'epoca differente. E anche da paesi differenti. E quindi ho dovuto approfondire svariati periodi storici. Non solo. Ci sono delle presenze fantasmatiche, come Ludwig Wittgenstein o Kurt Cobain, che attraversano l'intera trilogia, e queste 'presenze' parlano attraverso il loro linguaggio: quello degli scritti filosofici, per Wittgenstein, e quello delle canzoni e dei diari, per Cobain.

La giornalista e scrittrice Loredana Lipperini, conduttrice radiofonica di Fahrenheit su Rai Radio3, continua a ricordare Chiara Palazzolo, "la più grande autrice di fantastico in Italia" ("quella che aveva messo Wittgenstein in un horror"), sul suo blog.

Non mi uccidere tornerà presto in libreria ristampato da Sem, la casa editrice co-fondata da Riccardo Cavallero, l'ex capo di Mondadori Libri.

Il cast

Girato nei paesaggi suggestivi ed incontaminati dell'Alto Adige, Non mi uccidere vede Alice Pagani e Rocco Fasano nei panni di Mirta e Robin.

Alice Pagani è stata Stella (la ragazzina escort che ammalia Berlusconi durante la festa nella villa del Cavaliere) in Loro di Paolo Sorrentino e la giovane squillo Ludo della serie Baby. Ora è stata scelta per affiancare Nicholas Hoult come testimonial delle fragranze Armani Beauty.

Warner Bros. Entertainment Italia/Vivo FilmAlice Pagani è Mirta in Non mi uccidere
Alice Pagani è Mirta

Rocco Fasano è passato dal ruolo di Niccolò in Skam Italia (la seconda stagione è interamente dedicata alla commovente storia d'amore tra lui e Martino, interpretato da Federico Cesari) all'etichetta di "Robert Pattinson italiano".

Lorenzo Silvestri e Andrea Santaterra del collettivo milanese Bendo lo hanno diretto di recente nel video di Belva, il nuovo singolo di Gazzelle.

Francesco Margutti / Warner Bros. Entertainment Italia/Vivo FilmRocco Fasano è Robin in una scena del film Non mi uccidere
Rocco Fasano è Robin

Il cast di Non mi uccidere è completato da Silvia Calderoni, Fabrizio Ferracane, Sergio Albelli, Federico Ielapi ed Esther Elisha.

Ci sono anche due partecipazioni straordinarie: quelle di Anita Caprioli e Giacomo Ferrara, lo Spadino di Suburra - La serie e rivelazione del 2017 ai Nastri d'Argento per il ruolo di Angelo nel noir corale Il permesso - 48 ore fuori di Claudio Amendola.

Il regista

Prodotto da Vivo Film di Marta Donzelli e Gregorio Paonessa, l'adattamento di Non mi uccidere è stato fortemente voluto da Gianni Romoli. Lo storico collaboratore di Ferzan Özpetek ha scritto la sceneggiatura del film con Antonio Le Fosse, Giacomo Mazzariol, Marco Raspanti, Romolo Re Salvador ed Eleonora Trucchi, ovvero il collettivo GRAMS, quello che ha ideato Baby per Netflix.

Definito "un teen drama e una intensa storia d'amore dalle tinte horror", il film è diretto da Andrea De Sica, già regista di Baby e assistente alla regia di Bertolucci, Özpetek, Marra e Vicari. Classe 1981, nipote di Vittorio e figlio di Manuel e della produttrice Tilde Corsi, De Sica ha debuttato con i cortometraggi L'inferno sono gli altri e L'esame e collaborato alla regia della serie animata Mia and me.

De Sica è stato candidato al David di Donatello come miglior regista esordiente per il film I figli della notte, la sua opera prima e unico titolo italiano in concorso al Torino Film Festival 2016.

I figli della notte è un inquietante racconto di formazione ("di deformazione", lo definisce il regista) e una dura favola nera su due rampolli di ricca famiglia che studiano in un collegio tra le nevi dell'Alto Adige.

"I sentimenti più profondi dei protagonisti – ha raccontato De Sica nelle note di regia – mi hanno portato nel mondo dei sogni, degli incubi, utilizzando le suggestioni dell'horror come genere che affronta aspetti della mente umana altrimenti intraducibili per immagini".

La fotografia di Non mi uccidere è di Francesco Di Giacomo, la scenografia di Daniele Frabetti, i costumi di Chiara Ferrantini, il montaggio di Pietro Morana. Le musiche originali sono composte da Andrea Farri e lo stesso De Sica.

L'attesa adesso è tutta per il 21 aprile: cosa si prova davvero a tornare sulla terra da morti?

  • No, Non mi uccidere non uscirà al cinema. Nonostante nel resto del mondo si stia assistendo ad una graduale ripartenza delle sale, in Italia la riapertura, annunciata dal Ministro della cultura Dario Franceschini per il 27 marzo, è stata rimandata a data da destinarsi.

    Per questa ragione Warner Bros. Entertainment Italia ha deciso di far uscire il film di Andrea De Sica direttamente in streaming.

  • Non mi uccidere è disponibile dal 21 aprile 2021 per l'acquisto e il noleggio sulle seguenti piattaforme:

    • Apple TV app
    • Amazon Prime Video
    • YouTube
    • Google Play
    • TimVision
    • Chili
    • Rakuten TV
    • PlayStation Store
    • Microsoft Film & TV

    Il film è inoltre disponibile per il noleggio su Sky Primafila e Infinity.

NoSpoiler seleziona in modo indipendente i gadget e servizi che ti proponiamo in queste pagine e potrebbe ricevere una piccola quota (senza costi aggiuntivi per te) nel caso di acquisto tramite i link proposti.

Leggi anche

      Cerca