Cosa fa adesso Macaulay Culkin, l'ex bimbo prodigio del cinema

L'annuncio della paternità di Macaulay Culkin riporta l’attenzione sui cult Mamma ho perso l’aereo. Ma cosa fa oggi l’ex Kevin McCallister? L’attore cura un sito satirico ed è coinvolto in American Horror Story.

20th Century Fox Una scena di Macaulay Culkin in Mamma, ho perso l'aereo

Che fine ha fatto Macaulay Culkin? La notizia della sua imminente paternità, arrivata nella primavera del 2021, ha riportato i riflettori sull’enfant prodige (o, per citare una battuta cult, "les incompétents") di Mamma, ho perso l’aereo.

L'attrice e produttrice Brenda Song, compagna di Macaulay, ha dato alla luce il primogenito Dakota - chiamato così in onore della sorella dell'attore, scomparsa nel 2008, il 5 aprile 2021. I due sono legati dal 2017.

Embed from Getty Images

Sembra un po’ che il piccolo Kevin sia sempre accanto a noi – almeno a ogni Natale, proprio come gli abeti e il presepe – ma dietro quel personaggio iconico c’è un attore tormentato, che ha vissuto una fase di declino già dall’adolescenza e che da anni vive attaccato alla spiacevole etichetta di meteora, pur avendo appena quarant’anni.

Cosa sta facendo Macaulay Culkin?

Maculay Culkin non ha più visto un decollo della sua carriera dai lontani anni ’90. Il suo declino ha seguito il destino di altre baby star “bruciate troppo presto”, soprattutto a causa di una cattiva gestione manageriale e problemi con la famiglia, oltre a scandali su storie di arresti e tossicodipendenza.

Culkin ha tentato più volte di dare una svolta alla propria carriera, ma nessuno dei progetti dagli anni Duemila in poi è stato un successo vagamente paragonabile a quello del family natalizio.

Negli ultimi anni l’attore ha interpretato se stesso in The Jim Gaffigan Show e ha nuovamente rivisitato Kevin McAllister nel 2018 in uno spot per Google Assistant, dove ritroviamo alcune scene del cult di John Hughes.

Ha preso parte anche a un episodio delle recensioni di videogiochi Angry Videogame Nerd, di James Rolfe, nel segmento che trattava i videogiochi ispirati al film. Per l’occasione interpretava il fattorino delle pizze.

Nel frattempo ha partecipato anche ad alcuni film, i più recenti sono Zoolander 2 (nel 2016) e Changeland con Brenda Song (nel 2019).

Nel 2017 ha lanciato il sito Bunny Ears, che è un portale parodia con tanti e diversi contenuti, come ricette, podcast e video che lo vedono intervistare personaggi famosi mentre indossa un paio di maxi-orecchie da coniglio.

L’idea nasce come una ventata d’aria fresca e una satira autoreferenziale, che prende in giro gli attori ma anche le meteore, i colleghi spariti da un po’ dalla circolazione. E i siti di benessere e cucina sana.

A The Tonight Show con Jimmy Fallon Culkin aveva spiegato così il suo progetto.

È un po’ come se Goop incontrasse la rivista satirica The Onion.

Ma oltre a questo progetto autoprodotto, Macaulay Culkin si prepara alla svolta nel 2021, con la sua partecipazione alla decima stagione della serie antologica American Horror Story.

Le premesse sono "qualcosa di malvagio che sta per compiersi", come ha svelato il creatore Ryan Murphy su Instagram, condividendo una foto dell'attore insieme a Leslie Grossman.

Non si sa ancora molto della trama, ma è possibile che il leitmotiv sia il mare, per le onde che incorniciano il breve teaser.

La serie è in programma per il 2021.

Macaulay Culkin e il rapporto con Mamma ho perso l’aereo

Culkin è diventato famoso ancora prima di Mamma ho perso l’aereo. Aveva 4 anni quando, spinto dal padre, ex attore di Broadway, ha iniziato a lavorare nel mondo dell’entertainment. Anche alcuni dei suoi sei fratelli condividono con lui le esperienze nel mondo dello spettacolo.

La sua prima esibizione è avvenuta in un'opera teatrale e poi ha preso parte da diversi spot televisivi, fino al successo del 1990, al video con Michael Jackson nel 1991 e al rapido declino degli anni seguenti.

Con Mamma ho perso l’aereo l’attore ha un rapporto ambivalente. Da una parte gli ha permesso di raggiungere la fama mondiale quando non aveva ancora 10 anni, e di costruire un patrimonio immenso. Dall’altro, come spesso accade nei grandi progetti dei bambini prodigio, a distanza di oltre 30 anni Culkin è ancora legato a filo doppio al suo film più famoso (e al sequel). Ecco le sue dichiarazioni a The Guardian nel 2016.

Mi ha permesso di diventare la persona che sono, e mi piaccio, quindi non cambierei nulla. Non dover fare nulla per portare a casa la cena, finanziariamente parlando, mi permette di trattare ogni concerto come se fosse l'ultimo. Mi verrebbe da dire a me stesso: 'Culkin, hai fatto una bella corsa’.

Ospite nel salotto televisivo di Ellen Degeneres, l’attore ha rivelato che i fan lo fermano ancora per strada chiedendogli di ripetere per loro la posa sulla locandina del film con l'iconico urlo, cosa che lui spesso nega. Persino sua madre glielo chiede, ogni tanto!

Ma non riguarda quasi mai Mamma ho perso l’aereo e non ha intenzione di cominciare a farlo, perché per quanto si renda conto della cassa di risonanza del film, per lui era solo lavoro.

[Mamma ho perso l’aereo e Mamma ho riperso l’aereo] non li guardo molto spesso. […] È una specie di “cosa radioattiva” che mi porto dietro da anni. Ci sono persone che desiderano tantissimo sedersi a guardarlo con me. Lo trovo sia lusinghiero che inquietante. 

20th Century StudiosUna scena di Mamma ho perso l'aereo
In Mamma ho perso l'aereo, Kevin combatte contro due ladri

Lui poi è distratto dal ricordo di quello che succedeva dietro le quinte.

Ricordo il giorno sul set in cui nascosi la mia Pepsi dietro il divano. Non posso guardarlo allo stesso modo in cui lo guardano gli altri.

I rapporti con il padre

Il turbolento rapporto con il padre Kit è stata una delle cause della carriera bruciata di Culkin, quando aveva solo 14 anni. Dopo una serie di film di scarso successo come Richie Rich o The Good Son, il ragazzo ha deciso di prendersi una pausa, anche perché stava manifestando i segni del burnout.

Elle ha riportato gli stralci più significativi di un’intervista rilasciata da Culkin a New York Magazine.

Ricordo bene il momento in cui ho iniziato a stancarmi durante le riprese de L'innocenza del diavolo. Avevo già fatto una o due cose quell'anno e ho detto a Kit [suo padre]: 'Ascolta, io sono stanco e non vado a scuola da tanto, ho davvero bisogno di un po' di tempo libero. Mi ha risposto 'Sì, certo', e poco dopo ero sul set successivo a fare il film successivo.

I rapporti tra Macaulay e Kit si sono deteriorati sempre di più finché nel 1996 il ragazzo ha denunciato il padre per percosse, dopo un litigio violento con lui e la madre.

Culkin ha rivelato anche che non aveva accesso alle cifre che guadagnava, e non sapeva neanche a quanto ammontassero.

Kit e mia madre si stavano separando. Io avevo milioni e milioni di dollari in banca e mia madre non poteva pagare l'affitto perché stava spendendo tutto per pagare gli avvocati. L'unico modo per poter accedere a quei soldi era staccarmi da mio padre e così mi sono emancipato.

In seguito il giovane attore ha avuto problemi di dipendenze. Nel 2004 è stato arrestato per eccesso di velocità, possesso di marjuana e altre sostanze.

Al momento Culkin non vede e sente suo padre: ha dichiarato, nel corso della stessa intervista, di avere interrotto completamente da 25 anni i rapporti con Kit. Con la madre invece, che non è mai stata sposata con il padre dei suoi figli, emerge in varie interviste (tra cui quella con la stessa Ellen Degeneres) che ha ancora uno stretto legame.

La sua parabola non è che l’ennesimo esempio delle baby star portate sulla cresta dell’onda e poi a terra nel giro di una manciata di anni. Film indimenticabili e divertenti come Mamma ho perso l’aereo possono essere un’arma a doppio taglio, se la gestione della popolarità diventa problematica e conflittuale.

Leggi anche

      Cerca