Medal of Honor: Above and Beyond è il primo videogame a vincere un Oscar

Grazie al documentario "Colette" presente nel loro ultimo sparatutto, gli sviluppatori di Respawn Entertainment sono i primi a conquistare una statuetta nella notte più scintillante di Hollywood.

Respawn Entertainment/EA Medal of Honor: Above and Beyond è uno sparatutto in VR per Oculus

Che Hollywood abbia sempre in qualche modo corteggiato il mondo dei videogiochi, è cosa nota. 

Più volte gli appassionati hanno assistito a trasposizioni sul grande schermo - più o meno riuscite - delle loro amate avventure in pixel e poligoni, mentre da qualche tempo anche le serie TV hanno trovato ispirazione in alcuni titoli che hanno fatto la storia di PC e console. 

Non era però mai accaduto che un videogame riuscisse a ritagliarsi un posto d'onore durante la notte degli Oscar, quella più importante per cinefili e addetti ai lavori. Almeno fino ad ora, considerando che proprio nell'edizione del 2021 una statuetta è andata finalmente a varcare le porte di una software house. 

Lo sparatutto Medal of Honor vince agli Oscar 2021

Dopo l'eccitazione per il debutto sul mercato delle piattaforme di nuova generazione - vale a dire le potentissime PlayStation 5, Xbox Series X e Xbox Series S -, i videogiocatori possono ora emozionarsi ancora. 

Tra i vincitori della corsa agli Oscar 2021 c'è infatti anche un pizzico di industria videoludica: un traguardo assolutamente inedito, che ha visto protagonista lo sparatutto Medal of Honor: Above and Beyond, realizzato dai ragazzi di Respawn Entertainment nel 2020. 

La software house autrice tra gli altri di Star Wars Jedi: Fallen Order, del Battle Royale Apex Legends e della saga sparacchina di Titanfall, ha quindi conquistato una statuetta per il suo impegno nello shooter in realtà virtuale, compatibile con i dispositivi della famiglia Oculus. Shooter che è entrato nelle grazie dell'Academy per la presenza di diverse testimonianze di tipo documentaristico tra una sessione di gameplay e l'altra.

In particolare, Medal of Honor: Above and Beyond include una serie di brevi documentari che ricostruiscono i tragici fatti della Seconda Guerra Mondiale; e uno tra questi, intitolato Colette, si è aggiudicato la vittoria agli Oscar 2021 nella categoria Corti Documentari.

Colette è una produzione di circa 25 minuti diretta da Anthony Giacchino e Alice Doyard, che vede protagonista Colette Marin-Catherine. Ormai novantenne, la donna ha militato in gioventù nella Resistenza francese, opponendosi con forza e coraggio al regime nazista. Al termine della Grande Guerra, si è sempre rifiutata di tornare in Germania, per via dei troppi e dolorosi ricordi legati a quell'epoca oscura.

Solo dopo oltre 70 anni, Colette è riuscita a trovare la forza per affrontare il passato, anche grazie all'amicizia con Lucie, studentessa di storia all'università che ha deciso di accompagnarla nel viaggio al campo di concentramento di Mittelbau-Dora, luogo dove venne assassinato il fratello della militante.

Per i curiosi, è possibile guardare Colette gratuitamente e in lingua originale sulle pagine del quotidiano britannico The Guardian a questo indirizzo.

Leggi anche

      Cerca