L'apparenza delle cose: il finale e la spiegazione del thriller Netflix con Amanda Seyfried

Esiste un mondo degli spiriti? E se c'è, è in contatto con quello degli esseri viventi? L'apparenza delle cose racconta una storia sospesa tra realtà e soprannaturale, mescolando gli elementi dei generi thriller e goth.

Anna Kooris/NETFLIX Amanda Seyfried in L'apparenza delle cose

I thriller hanno un fascino indiscusso e Netflix l'ha capito bene. Il servizio di streaming sta puntando forte sul genere, ma i risultati sono altalenanti. I recenti Dietro i suoi occhi e Illusioni mortali hanno raccolto giudizi non proprio lusinghieri (pur ottenendo un grande successo in termini di visualizzazioni) e adesso L'apparenza delle cose sembra avviato sulla stessa strada.

Il film diretto da Shari Springer Berman e Robert Pulcini e interpretato da Amanda Seyfried, in streaming dal 29 aprile 2021, è basato sul romanzo con lo stesso titolo di Elizabeth Brundage e racconta una inquietante storia sospesa tra realtà e soprannaturale. In altre parole, ha tutti gli elementi per catturare il pubblico e scalare la top ten dei contenuti più visti della piattaforma. Ma è probabile che finirà per deludere molti spettatori.

Di sicuro, la componente "terrena" funziona meglio di quella "spirituale" e la rappresentazione del matrimonio tra i due protagonisti, Catherine e George, è disturbante. Ma la "ghost story" è davvero poco incisiva e, oltre a non creare tensione, finisce per essere semplicistica e didascalica. Paradossalmente, pur lasciando più di una perplessità.

Se avete visto il film e volete saperne di più o se non avete paura degli spoiler, qui trovate la trama, il finale e la spiegazione di L'apparenza delle cose.

La trama di L'apparenza delle cose

Nella primavera del 1979, Catherine, George e la loro bambina di pochi anni, Franny, si trasferiscono da New York in una piccola città nell'Hudson Valley, perché l'uomo ha ottenuto un ruolo da docente di storia dell'arte al campus privato locale, il Saginaw College.

La famiglia si stabilisce nella casa padronale di una vecchia fattoria e George è entusiasta della nuova vita. Invece, la giovane moglie è infelice, perché ha dovuto rinunciare agli studi e al lavoro da restauratrice. Le cose per Catherine si complicano ancora quando inizia ad avvertire una presenza e trova un anello che le provoca delle visioni. La donna si convince che la casa sia infestata, ma George non le crede e l'accusa di stare perdendo la ragione a causa del suo disturbo alimentare.

In realtà, tutti gli abitanti della piccola città sembrano avere una forte connessione con il soprannaturale, a partire dal capo di George, Floyd DeBeers. L'uomo è un seguace di un teologo svedese del XVIII secolo di nome Emanuel Swedenborg, che con la sua dottrina ha fortemente influenzato il lavoro di un famoso pittore, George Inness.

Floyd rivela a George che ha ottenuto il posto da docente al Saginaw College proprio per la parte della sua tesi che parla dell'influenza di Swedenborg su Inness. Ma George dichiara che è quella che gli è stata più difficile scrivere per la sua posizione di scettico e rimane in imbarazzo quando scopre che il regalo di benvenuto del capo è un libro del teologo, che riporta in copertina un celebre dipinto di Inness, La valle dell'ombra della morte.

Ben presto, diventa chiaro che George non è solo un uomo cinico, sprezzante e ambizioso, ma anche un marito infedele e con un lato oscuro, collerico e violento. L'uomo inizia una relazione con una giovane ragazza del luogo, Willis, mentre Catherine combatte con la solitudine e con la misteriosa entità che sente nella casa. Ma una visita di Floyd, che dice di avvertire anche lui la presenza, dà alla giovane donna una nuova prospettiva.

Catherine partecipa a una seduta spiritica con il capo di George, che le permette di fare andare a posto tutti i pezzi del puzzle che aveva iniziato a comporre. La misteriosa entità che sente è Ella Vayle, la madre dei due fratelli Eddy e Cole che ha assunto come tuttofare e babysitter per Franny, e l'anello che ha trovato era suo. La donna è stata uccisa dal marito, Calvin, che ha cercato di avvelenare la famiglia con i gas di scarico, riuscendo solo in parte nel suo piano e morendo lui stesso. Ella sta cercando di proteggere Catherine, ma è ostacolata da un'altra entità, che si rivela essere proprio Calvin.

Catherine capisce che deve allontanarsi dal marito prima che sia troppo tardi, ma la situazione precipita. Floyd scopre che George ha falsificato la sua lettera di referenze e dice all'uomo che dovrà segnalare il fatto alle risorse umane del college. Tuttavia, rimanda il momento a dopo il Ringraziamento. Ma le disgrazie di George sono appena iniziate.

Il romanzo L'apparenza delle cose di Elizabeth Brundage è alla base dell'omonimo film Netflix Bollati Boringhieri L'apparenza delle cose di Elizabeth Brundage
Il romanzo L'apparenza delle cose di Elizabeth Brundage è alla base dell'omonimo film Netflix
Bollati Boringhieri

L'apparenza delle cose di Elizabeth Brundage

17,57 €

L'uomo viene sbugiardato davanti a tutta la famiglia da Catherine, che rivela che il marito non ha mai dipinto i bellissimi quadri di cui va enormemente fiero, ma li ha rubati a un cugino morto in un tragico incidente in barca. Poi, dopo le vacanze, si rende conto che il capo non lascerà cadere la storia della falsa lettera. E così, disperato all'idea di venire licenziato e perdere tutto, George uccide Floyd mentre sono in barca insieme.

L'uomo torna al college completamente fradicio e viene sopreso da Justine, un'amica di Catherine che ha capito che George è un marito infedele e una persona pericolosa. Ma prima che possa fare qualunque cosa, l'uomo la fa finire fuori strada con l'auto e la donna finisce in coma

Come finisce L'apparenza delle cose

L'incidente di Justine e la morte di Floyd sconvolgono Catherine e le aprono definitivamente gli occhi sul marito. La donna capisce che George è responsabile di entrambe le tragedie e progetta di andarsene con Franny. Invece, la situazione per George sembra avere svoltato al meglio. Non solo nessuno sospetta di lui, ma gli viene anche proposto di prendere pro tempore l'incarico di Floyd.

Tuttavia, un incidente con un proiettore, che continua a mostrare il quadro La valle dell'ombra della morte, incrina la sicurezza dell'uomo e lo convince che deve eliminare la moglie. George droga Catherine e la donna finisce in uno stato di allucinazione, in cui vede Ella che le dice che non può salvarla, ma che sarà al suo fianco, come ha fatto con lei la prima proprietaria della casa, la signora Smit, anch'essa uccisa dal marito (che la considerava un'eretica, perché seguace di Emanuel Swedenborg).

Alla fine, Catherine perde i sensi sul letto di camera sua e George la uccide brutalmente con un'ascia, mentre sente la voce di Calvin che lo esorta a "liberarsi".

Anna Kooris/NETFLIXL'apparenza delle cose: Catherine
L'anello che Catherine trova in L'apparenza delle cose ha un significato profondo

Quando torna in sé, l'uomo costruisce una storia per allontanare da sé ogni sospetto. E anche se il capo della polizia locale è convinto della sua colpevolezza, non riesce a provarlo e George sembra destinato a farla franca. Ma il mondo degli spiriti non ha intenzione che accada.

Justine si risveglia dal coma, dopo avere avuto una serie di visioni di "angeli custodi" e degli ultimi momenti di vita di Catherine e avere sentito l'amica ed Ellie dirle di essere lì per lei ed esortarla ad agire per portare giustizia:

Il bene trionfa sempre. Se non in questa vita, nella prossima.

La donna si fa viva con George e gli dice che ricorda tutto, facendo capire all'uomo che il suo castello di menzogne è destinato a crollare e che le sue colpe saranno rivelate. A quel punto, la voce di Calvin ricomincia a perseguitare George e lo spinge a salire sulla sua barca (dal significativo nome di "Orizzonte perduto") e a prendere il largo, anche se il meteo non promette niente di buono.

Le condizioni del tempo volgono rapidamente al peggio, ma a un certo punto è chiaro che non si tratta solo di una tempesta. Il cielo e l'acqua diventano neri e si illuminano di fiamme e tra le nubi compare una croce rovesciata. L'immagine ripropone il tema del passaggio delle anime dalla vita all'aldià rappresentato nel quadro La valle dell'ombra della morte, ma in una versione di dannazione

Le porte dell'inferno appaiono solo a chi sta per attraversarle. Colui che incarna il male è destinato a essere punito. Dannato. Per sempre.

NetflixL'apparenza delle cose: il libro di Emanuel Swedenborg
Il dipinto La valle dell'ombra della morte di George Inness sulla copertina del libro di Emanuel Swedenborg

La barca e George sembrano sparire in un vortice di fiamme, in un'immagine rappresentata in un altro dipinto amato dall'uomo, mentre viene svelato che l'anello trovato da Catherine e indossato da Ella apparteneva alla signora Smit e che le tre donne sono state unite e rese (più) forti dal destino di dolore, violenza e morte causato dagli uomini che avevano accanto:

Abbiamo perso i nostri figli a causa vostra. Grazie a voi, i nostri spiriti si sono uniti. Grazie a voi, il nostro potere è cresciuto. Da una piccola goccia, è diventato un mare infinito.

La spiegazione del finale de L'apparenza delle cose

Il finale de L'apparenza delle cose tira le fila della dottrina del misterioso teologo Emanuel Swedenborg, secondo cui "il mondo degli spiriti non è altrove" ma "c'è sempre una connessione tra i due mondi" e gli spiriti malvagi comunicano attraverso gli esseri malvagi, ma il bene alla fine trionfa. In un mondo o nell'altro, in una vita o nell'altra.

In questo senso, il mare di fiamme che inghiotte George potrebbe davvero essere l'inferno. O almeno, il posto dove finiscono le anime corrotte come quella dell'uomo, che infatti è entrato in contatto con lo "spirito malvagio" di Calvin. D'altra parte, potrebbe essere una rappresentazione metaforica del luogo oscuro dove George è precipitato per quello che è e che ha fatto. E se così fosse, l'uomo potrebbe non essere morto in mare e potrebbe dover affrontare la giustizia.

In ogni caso, George è (con)dannato a rispondere di sé stesso e delle sue azioni, in un perfetto ribaltamento e riscatto della dannazione da parte del marito reverendo della signora Smit, bollata come eretica per avere osato avere un suo pensiero ed essere indipendente.

NetflixL'apparenza delle cose: il poster
Secondo i registi, il finale di L'apparenza delle cose è scritto da un "potere spirituale femminile"

I registi del film hanno chiarito questa interpretazione in una intervista con Decider, a partire da Robert Pulcini:

Uno dei mariti che hanno abitato la casa di [Catherine e George, n.d.r.] ha deciso che sua moglie era dannata, perché ai suoi occhi era un'eretica. Semplicemente perché stava esplorando idee che lui non approvava. Dunque, il punto è: chi può condannare alla dannazione qualcuno? Chi è il dannato in questa storia e come mette a posto le cose l'universo? [...] C'è qualcosa di molto gratificante, qui, nel cambiamento di prospettiva su chi è dannato davvero e chi ha il potere di condannare alla dannazione. Penso che la fine del film sia scritta da un potere spirituale, un potere femminile.

Il filmmaker ha aggiunto che sono sicuramente tutte le donne come Catherine, Ella a la signora Smit a condurre George alla sua (giusta) fine e "consegnarlo al luogo che gli spetta". E la sua collega, Shari Springer Berman, gli ha fatto eco:

Per me, la scena finale è una metafora di tutte le donne che sono state abusate da mariti, padri, predicatori, insegnanti, uomini d'affari, produttori e via dicendo. [Una metafora del fatto che, n.d.r.] forse non in questa vita, ma nel senso metafisico dell'eternità, acquisiscono infine forza e potere.

La regista ha anche detto che per cogliere tutti i dettagli e le sfumature del film è necessario guardarlo due volte. Ma di certo, il bis è per gli estimatori...

NoSpoiler seleziona in modo indipendente i gadget e servizi che ti proponiamo in queste pagine e potrebbe ricevere una piccola quota (senza costi aggiuntivi per te) nel caso di acquisto tramite i link proposti.

Leggi anche

      Cerca