Chiamami ancora amore: quella della serie TV è una storia vera?

La trama di Chiamami ancora amore, nuova serie TV di Rai 1 con Greta Scarano e Simone Liberati, è ispirata a una storia vera che riguarda in prima persona l'autore Giacomo Bendotti.

Indigo Film/Rai Fiction I protagonisti di Chiamami ancora amore

Chiamami ancora amore, miniserie di Rai Fiction e Indigo Film diretta da Gianluca Maria Tavarelli, racconta il declino e la fine di un matrimonio, quello di Anna ed Enrico, senza risparmiarsi, senza edulcorare. La trama ripercorre in modo documentaristico (o quasi) la grande storia d'amore dei due protagonisti - interpretati rispettivamente da Greta Scarano e Simone Liberati - sin dal primo incontro fino alla nascita del loro unico figlio Pietro (Federico Ielapi). Il bambino, amatissimo da entrambi i genitori, si ritrova tra due fuochi: Anna ed Enrico se ne contendono l'affidamento, sotto la supervisione dell'assistente sociale Rosa (Claudia Pandolfi).

La grande forza della serie risiede nella perfetta combinazione tra un cast indovinato, location appropriate e, senza ombra di dubbio, una storia autentica. Quella di Anna ed Enrico è, purtroppo, una sorte comune a moltissime coppie che, pur essendosi amate profondamente, non riescono a congedarsi senza mancarsi di rispetto e sfociare nel livore, nella recriminazione.

Quello che non tutti sanno è che, però, Chiamami ancora amore è in parte una storia vera. A ispirare la trama è stato un aneddoto vissuto dall'autore Giacomo Bendotti nella sua vita privata.

Chiamami ancora amore: la storia vera che ha ispirato la serie

Giacomo Bendotti, autore e sceneggiatore di Chiamami ancora amore, ha svelato di aver tratto ispirazione dalla sua sfera privata per dare vita alla storia di Anna ed Enrico. Proprio come fa Enrico nella serie, un giorno ebbe la tentazione di installare una telecamera nascosta per assicurarsi che la sua compagna fosse in grado di occuparsi della loro bambina:

'Dovrei mettere una telecamera nascosta qua dentro', pensai un giorno. Qua dentro era la cameretta di mia figlia, che aveva poco più di 1 anno. Volevo spiare il comportamento della mia compagna, sua madre, per capire se sapesse giocare con lei. Fu un pensiero fugace, di cui mi vergognai dopo averlo formulato, ma era l'evidente frutto della difficoltà che stavamo vivendo: sopraffatti dalla stanchezza, dalla mancanza di sonno, dalle insicurezze.

Indigo Film/Rai FictionUna scena di Chiamami ancora amore
Anna ed Enrico si feriscono a vicenda, senza risparmiarsi

Anche nella serie, Enrico e Anna si ritrovano a maturare e a crescere in fretta con l'avvento di Pietro, passando da un perfetto equilibrio a due a un più complesso e delicato equilibrio a tre. Si tratta di un momento di transizione particolare, che spesso sfocia nel conflitto.

Bendotti ha spiegato: "È un momento di trasformazione e di conflitto. È il punto di convergenza di due storie famigliari, di due educazioni diverse, di due separati bisogni di affermazione e riparazione. È il momento in cui ci ritroviamo inaspettatamente a rimproverare all’altro di essere come sua madre o suo padre".

Anna ed Enrico hanno due trascorsi molto diversi: lei viene da una famiglia benestante, padre primario, madre che si è tolta la vita quando era poco più che una bambina. Memore della depressione di sua madre, che aveva lasciato tutto per occuparsi di lei, Anna ha sempre "voluto di più", si è sempre ripromessa di non voler fare "quella stessa fine". Enrico viene dalla provincia, gestisce un bar ed è il figlio coccolato di una famiglia umile: la sua vita gli basta, non gli è mai andata stretta e, forse anche per questo, non riesce più a capire Anna.

I due si ritrovano ad allontanarsi giorno dopo giorno fino a quando, come dice Bendotti, affrontando il passaggio da coppia a famiglia si autodistruggono negli anni, implodendo:

È una prova che obbliga a rifondare il patto amoroso o a distruggerlo. I nostri protagonisti, Anna ed Enrico, hanno deciso di distruggere quel patto. Anzi, di più: hanno deciso di distruggersi.

Il loro divorzio è una guerra spietata, senza esclusione di colpi, che porta entrambi a toccare molti nervi scoperti e ferite ancora dolenti.

Indigo Film/Rai FictionUna scena di Chiamami ancora amore
Anna ed Enrico finiscono per autodistruggersi

Vi ricordiamo che Chiamami ancora amore va in onda ogni lunedì fino al 17 maggio in prima serata su Rai 1. Tutti gli episodi sono disponibili in streaming su RaiPlay.

  • Chiamami ancora amore si ispira in parte a una storia vera, più precisamente a una vicenda realmente accaduta all'autore Giacomo Bendotti.

  • Chiamami ancora amore è disponibile in streaming su RaiPlay.

  • Chiamami ancora amore va in onda ogni lunedì su Rai 1 in prima serata fino al 17 maggio, data dell'ultima puntata.

Leggi anche

      Cerca