Monster e altre storie di lotte per la giustizia: oltre 20 film da guardare, per riflettere

Da Nel nome del padre e When They See Us a Cattive acque e Il processo ai Chicago 7, ecco film e serie TV che – come Monster di Anthony Mandler – hanno acceso il dibattito sui casi di chi combatte contro le ingiustizie e le falle del sistema.

BRON Studios / Netflix Una scena del film Monster di Anthony Mandler

Ci sono storie con un messaggio universale di lotta per la giustizia che colpiscono e restano nella memoria del pubblico. Monster, il legal drama dell'esordiente Anthony Mandler, è una di queste. Il tema del film, disponibile su Netflix, è a dir poco complesso: in una società "democratica" come quella statunitense, la giustizia non è uguale per tutti, specie se sei un ragazzo afro-americano.

Sono tanti i film, in particolare quelli basati su fatti realmente accaduti più o meno recenti, che hanno cercato di fare giustizia là dove il sistema ha fallito. Soprattutto quando gli eventi sono impressi nella memoria collettiva. Ecco altre storie di lotte per la giustizia che hanno scavato su casi clamorosi e hanno sollevato il dibattito.

Porte aperte

Il film di Gianni Amelio è un dramma giudiziario sulla battaglia legale di Vito Di Francesco (Gian Maria Volonté), il giudice che nella Palermo del 1937, in pieno regime, riesce ad ottenere l'ergastolo ed evitare la pena di morte (prevista dalle Leggi fascistissime) per Tommaso Scalia (Ennio Fantastichini), colpevole di triplice omicidio premeditato. Alla base c'è l'omonimo romanzo di Leonardo Sciascia, ispirato a un personaggio realmente esistito: il magistrato di Racalmuto Salvatore Petrone.

Un grido nella notte

Il dramma processuale di Fred Schepisi si basa sul libro di John Bryson, a sua volta ispirato alla vicenda di Lindy (Meryl Streep) e Michael Chamberlain (Sam Neill), la coppia australiana accusata ingiustamente di aver ucciso la figlioletta Azaria e pronta a tutto per provare la propria innocenza.

Nel nome del padre

Jim Sheridan porta al cinema nel 1993 il romanzo autobiografico di Gerry Conlon (a interpretarlo è Daniel Day-Lewis), uno dei Guildford Four: i quattro ragazzi (tre nordirlandesi e una inglese) accusati di una strage in un pub di Guildford. Processati come terroristi dell'Ira, sono condannati a 15 anni di carcere prima che si scopra la loro innocenza.

A Civil Action

John Travolta e Robert Duvall sono i protagonisti del film di Steven Zaillian tratto dal libro di Jonathan Harr: la vera battaglia giudiziaria di un piccolo studio legale e di un gruppo di cittadini di Woburn, nel Massachusetts, contro Beatrice Foods e W. R. Grace and Company, i colossi del chimico che hanno inquinato con la trielina la falda acquifera della comunità.

Insider - Dietro la verità

Michael Mann dirige la coppia Al Pacino e Russell Crowe ispirandosi all'articolo The Man Who Knew Too Much di Marie Brenner apparso su Vanity Fair, che ricostruisce la storia vera di Jeffrey Wigand: il biochimico "whistle-blower" che ha sfidato gli inganni di "Big Tobacco", le multinazionali delle sigarette.

Erin Brockovich

La storia dell'attivista che ha fatto causa alla Pacific Gas & Electric e si è battuta contro la contaminazione delle acque della città di Hinkley è arrivata sul grande schermo nel 2000: il film di Steven Soderbergh è valso l'Oscar alla protagonista Julia Roberts.

The Rosa Parks Story

La straordinaria storia di Rosa Parks, l'eroina dei diritti civili dei neri che negli anni '50 è entrata nella storia degli Stati Uniti per essersi rifiutata di cedere il posto su un autobus a un bianco, è portata sugli schermi da Julie Dash in questo TV movie con Angela Bassett.

North Country - Storia di Josey

La Josey del titolo è Josey Aimes (Charlize Theron), la minatrice che nel 1984 ha denunciato per la prima volta nella storia degli Usa le molestie e lo stalking sul posto di lavoro, chiamando in giudizio la Eveleth Taconite Co. del Minnesota. Dirige Niki Caro, la regista neozelandese di La ragazza delle balene e Mulan.

Milk

Il biopic di Gus Van Sant sulle battaglie di Harvey Milk (Sean Penn), il consigliere di San Francisco simbolo del movimento per i diritti degli omosessuali, ucciso nel 1978 insieme al sindaco George Moscone dall'ex consigliere comunale Dan White (Josh Brolin).

Dogani

Dalla Corea del Sud, l'adattamento del bestseller The Crucible di Gong Ji-young, ispirato alla storia vera di un gruppo di bambini sordi abusati agli inizi dei Duemila nella scuola di Gwangju Inhwa. È stato proprio il film di Hwang Dong-hyuk a portare nel 2011 alla riapertura del caso e all'introduzione di una legge per la tutela dei diritti dei più deboli.

Flash of Genius

Dall'articolo The Flash of Genius di John Seabrook pubblicato sul New Yorker, l'incredibile storia vera di Robert Kearns (Greg Kinnear), l'inventore che ha dovuto lottare in tribunale perché gli fosse riconosciuta la paternità del tergicristallo a intermittenza, un'idea rubatagli dalla Ford Motor Company per le proprie auto.

Difret - Il coraggio per cambiare

Prodotto da Angelina Jolie e sostenuto dall'associazione Truth Aid, il film di Zeresenay Berhane Mehari fa luce sulle battaglie dell'avvocatessa Meaza Ashenafi, che ha difeso (con assistenza legale gratuita dello studio Andenet) tante ragazze etiopi – come la 14enne Hirut al centro del film – da rapimenti e stupri per fini matrimoniali.

In nome di mia figlia

Il film di Vincent Garenq con Daniel Auteuil si basa sul caso Dieter Krombach: il patrigno di una 14enne francese, Kalinka, morta in strane circostanze mentre trascorreva le vacanze estive nella casa della madre in Germania. Il padre André Bamberski, convinto delle responsabilità del dottor Krombach, non riuscendo a farlo incriminare in Germania ha lottato 27 anni per far aprire un procedimento giudiziario in Francia.

Stonewall

I moti del 27 giugno 1969 in difesa dei diritti LGBT ricostruiti da Roland Emmerich: un pamphlet dalla parte di chi ha combattuto per rivendicare se stesso e l'idea di non essere considerato un criminale per identità e orientamento sessuale.

Una intima convinzione

Il primo lungometraggio di Antoine Raimbault si basa sugli atti del processo d'appello a Jacques Viguier, il professore di diritto accusato della morte della moglie Suzanne. Convinti dell'innocenza dell'imputato sono l'avvocato Dupond-Moretti (Olivier Gourmet) e Nora (Marina Foïs), una delle giurate al primo grado di giudizio. In questo caso, però, ci sono più domande e interrogativi che risposte e certezze.

Poster Una intima convinzione
FILM

Una intima convinzione

2019
Vota!
  • Genere: Drammatica
  • Regia: Antoine Raimbault
  • Sceneggiatura: Karim Dridi, Antoine Raimbault, Isabelle Lazard
  • Cast: Marina Foïs, Olivier Gourmet, Laurent Lucas, Philippe Uchan, Jean Benguigui guarda tutto il cast

Felicia Impastato

Lunetta Savino è la mamma di Peppino, il giornalista siciliano ucciso il 9 maggio 1978 dalla mafia a soli trent'anni, in questo TV movie campione d'ascolti. Felicia ha raccontato la sua vita nel libro La mafia in casa mia e nell'aula bunker del carcere Ucciardone di Palermo, ha scritto una pagina di storia nella lotta a Cosa nostra. Il film di Gianfranco Albano è "gemello" de I cento passi di Marco Tullio Giordana, che con Lea ha raccontato un'altra testimonianza di coraggio: quella di Lea Garofalo, uccisa dalla 'ndrangheta perché diventata collaboratrice di giustizia.

Poster Felicia Impastato
FILM

Felicia Impastato

2016
Vota!
  • Genere: Drammatica
  • Regia: Gianfranco Albano
  • Sceneggiatura: Monica Zapelli
  • Cast: Lunetta Savino, Linda Caridi, Carmelo Galati, Salvatore Sclafani, Gaetano Aronica guarda tutto il cast

Loving - L'amore deve nascere libero

Jeff Nichols passa dal fantastico alla storia straordinaria dei coniugi Richard e Mildred Loving (Joel Edgerton e Ruth Negga), la coppia mista (lui bianco virginiano, lei afro-americana di origini native) che ha combattuto con le unghie e con i denti per il riconoscimento della loro unione contro la legge che negli Stati Uniti degli anni '50 vietava i matrimoni interrazziali.

Trial by Fire

La ricostruzione del discusso caso di Cameron Todd Willingham (Jack O'Connell), l'uomo accusato di essere l'autore dell'incendio doloso nel quale sono morte le sue tre figlie. Elizabeth Gilbert (Laura Dern), la madre di un detenuto conosciuta in carcere, combatterà con determinazione e perseveranza per far riaprire il caso. La fonte, anche qui, è un articolo di David Grann pubblicato sul New Yorker.

When They See Us

Ava DuVernay ricostruisce in questa mini-serie in quattro episodi il caso dei Central Park Five: i cinque ragazzi (quattro neri e uno ispanico) accusati ingiustamente dello stupro della jogger Trisha Meili a New York nella notte del 19 aprile 1989. Una vicenda di mala giustizia che si è risolta soltanto nel 2012, con l'arresto del vero colpevole e l'assoluzione dei Five.

L'ufficiale e la spia

Roman Polanski guarda alle due facce del #MeToo e ripercorre le tappe dell'affare Dreyfus dal punto di vista di Georges Picquart (Jean Dujardin), l'ufficiale che per primo mette in dubbio il tradimento del capitano ebreo (Louis Garrel), accusato di essere un informatore dei tedeschi e confinato sull'isola del Diavolo in Guyana.

Cattive acque

Todd Haynes porta sugli schermi la lotta legale dell'avvocato ambientalista Robert Bilott (Mark Ruffalo) contro il colosso della chimica DuPont: il potente gruppo ha versato a terra e in acqua gli scarichi tossici dell'impianto di Parkersburg, in West Virginia, avvelenando l'intera città. La vicenda è stata portata alla luce dall'articolo The Lawyer Who Became DuPont's Worst Nightmare di Nathaniel Rich per il New York Times.

Dio è donna e si chiama Petrunya

La regista Teona Mitevska si ispira a una storia vera avvenuta a Štip, piccola città nella Macedonia del Nord: Petrunya (Zorica Nusheva), una giovane donna laureata in storia ma disoccupata, suscita scalpore quando partecipa (e vince) a una gara tradizionalmente riservata agli uomini. Nel film, la gara diventa una festa religiosa ma la sostanza non cambia: Petrunya sfida e batte il sistema.

Il diritto di opporsi

La storia vera dell'avvocato Bryan Stevenson (Michael B. Jordan), il giovane legale laureato ad Harvard che lotta in tribunale per dimostrare l'innocenza di Walter McMillian (Jamie Foxx), l'operaio afro-americano di Monroeville, in Alabama, condannato ingiustamente alla pena di morte per l'omicidio della giovane Ronda Morrison.

The Innocence Files

Nel fitto catalogo Netflix spicca questa serie true crime in nove episodi dedicata a condanne illegittime e torti giudiziari. Il caso più sconvolgente, preso in carico dagli avvocati di The Innocence Project, è quello di Franky Carillo, il 16enne accusato ingiustamente nel 1991 dell'omicidio di un uomo e rimasto per 27 anni in carcere da innocente.

Il processo ai Chicago 7

Vincitore del Golden Globe per la migliore sceneggiatura e candidato a sei Oscar, il legal drama di Aaron Sorkin ripercorre il procedimento giudiziario ai Chicago Seven, il gruppo di attivisti della controcultura statunitense contro la guerra del Vietnam accusati di cospirazione e incitamento alla sommossa nei giorni della convention democratica del 1968.

The Mauritanian

Mohamedou Ould Slahi, dopo 14 anni di carcere senza alcuna accusa, è tornato finalmente in libertà. La scioccante vicenda dell'ingegnere mauritano (interpretato da Tahar Rahim), detenuto nella prigione di Guantanamo dal 2002 al 2016 perché la CIA lo credeva un pezzo grosso di Al Qaeda, è portata al cinema da Kevin Macdonald. La lotta per la sua scarcerazione si deve all'impegno del procuratore Stuart Couch (Benedict Cumberbatch), della legale Nancy Hollander (Jodie Foster) e della sua giovane collega Teri Duncan (Shailene Woodley).

Per chi vuole approfondire la storia dietro Monster, Walter Dean Myers – l'autore (scomparso nel 2014) che ha scritto il romanzo dal quale il film è tratto – ne racconta tutti gli elementi autobiografici in un'intervista disponibile su NJ.com.

Leggi anche

      Cerca