300: Zack Snyder ha scritto la storia del capitolo finale (ma Warner ha detto no)

Il regista di Army of the Dead ha reso noto di aver scritto la storia del terzo capitolo di 300, un film incentrato sulla relazione fra Alessandro il Grande ed Efestione.

Warner Bros. Pictures Un'immagine di 300

Nel 1998, il grande fumettista Frank Miller (con l'aiuto della disegnatrice statunitense Lynn Varley) decise di raccontare la Battaglia delle Termopili dal punto di vista del guerriero Leonida I, re di Sparta.

Il graphic novel in questione, 300, divenne in breve tempo un cult immortale, grazie anche e soprattutto allo stile visionario e senza filtri dell'autore di Batman: Il Ritorno del Cavaliere Oscuro.

Nel 2007, il regista Zack Snyder decise di portare sul grande schermo l'adattamento cinematografico del romanzo a fumetti, cercanco quanto più possibile di rimanere fedele all'opera originale di Miller.

Nel 2014 fu il turno del sequel, intitolato 300 - L'alba di un impero, diretto questa volta da Noam Murro ma basato su una sceneggiatura di Snyder e Kurt Johnstad, pensato per raccontare le sanguinose battaglie di Capo Artemisio e di Salamina, avvenute nel 480 A.C..

Ora, parlando con la redazione di The Playlist nel corso del podcast The Fourth Wall, Snyder ha rivelato di essere stato molto vicino a portare sul grande schermo un terzo capitolo del franchise di 300.

Il regista de L'Uomo d'Acciaio e Batman v Superman: Dawn of Justice ha spiegato di aver iniziato a scrivere la sceneggiatura del film durante l'emergenza sanitaria, impostando il tutto come il capitolo finale della trilogia.

Durante la stesura della storia principale, però, Snyder ha reso noto che il film si stava pian piano "trasformando" in qualcosa di sensibilmente diverso rispetto all'idea iniziale, basando il tutto sulla relazione sentimentale tra Alessandro Magno e il generale Efestione.

Non sono riuscito ad addentare il progetto. Durante la pandemia, avevo un accordo con Warner Bros. e ho scritto quello che, di fatto, sarebbe stato il terzo capitolo della saga di 300. Quando ho iniziato a scrivere la storia, è venuto fuori qualcosa di totalmente diverso. Stavo scrivendo di Alessandro Magno e ho finito per raccontare della sua relazione con Efestione. Era diventata una storia d’amore.

Snyder ha poi aggiunto che il film avrebbe dovuto chiamarsi Blood and Ashes e che, nonostante l'idea alla base fosse grandiosa, di fatto il progetto sarebbe stato fin troppo differente rispetto allo stile che ci si aspetterebbe di trovare in un capitolo della saga di 300.

Le atmosfere belliche e sanguinolente viste nei due film precedenti avrebbero infatti lasciato spazio a una bellissima storia d’amore ambientata sui campi di battaglia. 

Avrei davvero voluto girare il film, ma Warner Bros. ha detto no. Sapete, non sono mai stati grandi fan del sottoscritto.

Il rapporto tra Alessandro il Grande ed Efestione è stato (ed è) argomento di discussione molto accesso tra gli studiosi di storia antica: c'è chi sostiene infatti che i due fossero solo buoni amici e chi invece ipotizza una relazione anche e soprattutto di natura sessuale.

Nel 2004 il regista Oliver Stone con il suo Alexander tentò di dare una chiave di lettura improntata sulla rapporto d'amore tra le due figure storiche del passato, grazie anche all'interpretazione di Colin Farrell nei panni di Alessandro e Jared Leto in quelli di Efestione.

Al momento non è chiaro se la storia di Zack Snyder per Blood and Ashes sia stata riposta in un cassetto per sempre, oppure un giorno diventerà davvero un progetto con attori in carne e ossa.

L'unica speranza è che, grazie anche al successo di Army of the Dead da poco disponibile sul catalogo Netflix, non sia proprio il colosso statunitense dello streaming a permettere a Snyder di realizzare il "suo" capitolo finale della saga di 300 (magari dopo averne ottenuto i diritti).

Leggi anche

      Cerca