Le morti più importanti dell'anime di Death Note (e chi le ha causate)

La morte è parte fondamentale di Death Note. Per questa ragione non c'è da stupirsi che nei 37 episodi della serie animata tanti personaggi vadano incontro a un così orribile destino.

Madhouse Un poster promozionale di Death Note

Death Note è uno dei titoli più noti, popolari e apprezzati del panorama dell'animazione nipponica. L'incipit della storia è arcinoto: Light Yagami, uno studente geniale e annoiato, entra in possesso di un quaderno della morte, uno strumento attraverso cui uccidere indisturbato. Così, sotto lo sguardo incuriosito del dio della morte Ryuk, Light riempie pagine e pagine di quaderno allo scopo di creare un nuovo mondo in cui la criminalità non esista.

Ciò significa che nella serie creata da Tsugumi Ohba e illustrata da Takeshi Obata la morte svolge un ruolo da protagonista. Nel suo viaggio verso la creazione di un mondo perfetto, Light – soprannominato Kira – è costretto non solo a eliminare assassini, rapinatori e stupratori, ma anche chiunque tenti di ostacolarlo. Tra le vittime di Kira, non a caso, ci sono anche personaggi per i quali abbiamo fatto il tifo e versato qualche lacrima.

Ecco qui di seguito, in rigoroso ordine cronologico, le più importanti morti di Death Note.

Raye Penber (Capitoli 8-9, episodio 5)

MadhouseRaye Penber muore nel quinto episodio di Death Note

Raye Penber è un agente dell'FBI chiamato a indagare sul caso Kira. Quando l'agente si mette sulle tracce di Light Yagami, il ragazzo comprende che l'unico modo per far sì che Penber non risalga a lui è ucciderlo.

Per questa ragione, Light mette a punto il primo di una serie di complicati piani per sbarazzarsi dei suoi nemici. Con un elaborato stratagemma, Light inganna Penber, lo convince a scrivere i nomi dei suoi colleghi su alcuni fogli del Death Note e poi uccide anche lui.

Naomi Misora (Capitolo 14, episodio 7)

MadhouseNaomi Misora in Death Note

Alla tragica morte di Raye Penber segue quella, ancora più drammatica, della fidanzata Naomi Misora. Il cammino della donna, che desidera scoprire l'identità dell'uomo che ha ucciso il suo amato, si incrocia con quello di Light, deciso a frenare l'avanzata dei propri detrattori.

Quando Yagami fa la conoscenza di Misora, lei è restia a rivelargli il proprio nome. La donna è giunta alla conclusione che Kira può uccidere semplicemente conoscendo il nome del suo target. Eppure, a un certo punto, abbassa la guardia. Light riesce a farle credere di lavorare con L e le chiede di unirsi al team investigativo che si adopera a stanare Kira.

Naomi accetta, ma Light le dice che per unirsi alla task force deve mostrargli il proprio documento d'identità. Naomi cade nella trappola e Light la uccide istigandola al suicidio. Il suo corpo non viene mai rinvenuto.

Gelus (Capitolo 27, episodio 12)

MadhouseGelus, uno degli shinigami di Death Note

Gli dei della morte non possono usare il Death Note per allungare la vita di un umano, eppure Gelus lo ha fatto. Lo shinigami, che era solito osservare Misa Amane dal regno della morte, usa il suo Death Note per uccidere uno stalker che minacciava la vita di Misa. Il prezzo di quell'interferenza è la morte. Appena dopo aver condannato lo stalker, il corpo di Gelus si disintegra.

Veniamo a conoscenza di questa storia nel dodicesimo episodio della serie, quando Rem racconta a Misa il triste antefatto.

Watari (Capitolo 58, episodio 25)

MadhouseWatari, uno dei personaggi di Death Note

Il fidato assistente di L e fondatore dell'orfanotrofio in cui sono cresciuti lui, Near e Mello viene ucciso da Rem nell'episodio numero 25 di Death Note.

Nel tentativo di salvare Misa e raggirata da Light, Rem usa il Death Note per uccidere Watari e L. Con le ultime forze che gli rimangono, però, Watari riesce a cancellare tutti i dati registrati nei computer del quartier generale della task force. L gli aveva in precedenza ordinato di farlo nel caso in cui fosse accaduto qualcosa di strano.

L Lawliet (Capitolo 58, episodio 25)

MadhouseL, il rappresentante della giustizia in Death Note

La dipartita di L è probabilmente quella più inaspettata e sconvolgente dell'intera serie. Rappresenta un punto di svolta per la storia, perché permette a Light di agire indisturbato e di tentare di creare il suo mondo ideale mentre finge di dare la caccia a Kira.

Quando L minaccia di scoprire l'identità di Misa, Rem uccide prima Watari e poi scrive il nome di L sul suo Death Note. L muore a causa di una arresto cardiaco e stramazza al suolo tra le braccia di Light che, per la prima volta, gli mostra il suo volto più crudele: sorride mentre L muore e gli lascia capire che dietro le azioni di Kira c'è sempre stato lui.

Rem (Capitolo 58, episodio 25)

MadhouseRem, uno degli dei della morte in Death Note

Una delle regole fondamentali del Death Note prevede che uno shinigami che usi il suo potere per allungare la vita di un umano muoia. È esattamente ciò che accade a Gelus e Rem. Entrambi gli emissari della morte, infatti, vengono ridotti in cenere dopo aver usato il quaderno per salvare Misa Amane sbarazzandosi dei suoi nemici.

Rem scrive sul Death Note i nomi di L e Watari quando il coinvolgimento di Misa nel caso Kira sta per essere rivelato.

Soichiro Yagami (Capitolo 74, episodio 29)

MadhouseSoichiro Yagami di Death Note

La morte di Soichiro Yagami, padre di Light, è legata a uno degli elaborati piani che il figlio mette a punto per sviare i sospetti che gravano su di lui.

A questo punto della storia Light è in possesso di due Death Note: ha preso con sé quello di Misa, anche se non ne è il proprietario, in modo da mantenere i propri ricordi del Death Note pur rinunciando alla proprietà del primo dei due quaderni. Così riesce a far sì che sia qualcun altro ad acquisire la proprietà del Death Note. Light spera si tratti di Matsuda e invece è suo padre Soichiro a farsi avanti.

Soichiro scambia metà della sua aspettativa di vita con gli occhi dello shinigami e Light spera di scoprire in questo modo il vero nome di Mello e farlo uccidere al suo stesso padre.

Tuttavia, Soichiro non riesce a uccidere l'avversario di Kira e viene ferito mortalmente durante uno scontro.

Secondo le regole del Death Note, chi ha scambiato metà della propria vita per gli occhi dello shinigami non può scoprire quanto duri la vita di un altro proprietario del quaderno. Così, poiché Light in quel momento non possiede nessun Death Note, Soichiro riesce a vedere chiaramente la durata della vita del figlio mentre giace sul proprio letto di morte.

Soichiro muore quindi sereno, convinto che il figlio sia innocente, ma proprio in quel momento Light rimette le mani suo Death Note e ne riacquista la proprietà.

Matt (Capitolo 99, episodio 35)

MadhouseMatt muore nell'episodio 35 di Death Note

L'episodio numero 35 di Death Note è un'altalena di emozioni. Ben tre personaggi della serie vanno incontro a un triste e immutabile destino. Tra loro c'è Matt.

L'amico di Mello gli fa da assistente mentre questi rapisce Takada. Mentre Mello fugge con la donna, Matt viene circondato dalle guardie del corpo della giornalista. Anche se Matt si arrende senza opporre resistenza, le guardie del corpo aprono il fuoco e una scarica di proiettili lo uccide.

Mello (Capitolo 99, episodio 35)

MadhouseMello è un rivale di Kira in Death Note

Secondo dei successori di L, Mello svolge un ruolo cruciale nella guerra contro Kira. Ciononostante, il ragazzo non giunge vivo al finale.

Dopo aver scelto di non collaborare direttamente con Near e di cercare di acciuffare il criminale a modo suo, Mello rapisce Kiyomi Takada, che in quel momento sta collaborando proprio con Kira.

Malgrado le buone intenzioni, il piano di Mello gli si ritorce contro. Viene infatti ucciso dal suo stesso ostaggio, che scrive il suo nome su un pezzo di pagina del Death Note nascosto nel reggiseno.

Kiyomi Takada (Capitolo 99, episodio 35)

MadhouseKiyomi Takada è la portavoce di Kira in Death Note

Kiyomi Takada viene introdotta nella storia come compagna di classe di Light Yagami. Successivamente fa la sua ricomparsa e, ormai giornalista di successo, fa da portavoce a Kira.

Quando Kiyomi scopre che Kira è Light, innamorata di lui, promette di aiutarlo nella realizzazione del suo piano. Nonostante resti fedele a Light fino alla fine, il malvagio protagonista non esita a scrivere il suo nome nel Death Note quando Kiyomi diventa per lui solo un peso.

Light Yagami (Capitolo 107, episodio 37)

MadhouseLight Yagami, protagonista di Death Note

Nell'ultimo episodio di Death Note, anche il protagonista della storia va incontro a triste destino.

Messo alle strette da Near e dal resto dei componenti della task force, Light ammette di essere Kira, sperando di riuscire a venirne fuori indenne. Light viene però ferito da Matsuda e ogni tentativo di sbarazzarsi dei suoi nemici si rivela inutile.

Nel manga, quando anche Teru Mikami gli volta le spalle, a Light non resta che chiedere l'aiuto di Ryuk. Il dio della morte interviene, ma solo per scrivere il nome di Yagami sul Death Note e così ucciderlo.

Nell'anime, Light riesce a fuggire. Near crede che non sia più capace di far del male a nessuno e lo lascia andare. Tuttavia, Ryuk scrive il suo nome del Death Note e lo condanna a morte.

Misa Amane (Death note. Guida alla lettura, episodio 37)

MadhouseMisa Amane in Death Note

Malgrado Misa sia stata un'alleata di Light per molto tempo, non possiamo fare a meno di considerare la sua morte una delle più tragiche dell'intera opera. Illusa da Light, che la usava per i suoi loschi scopi, Misa viene ingannata e rinuncia al Death Note sperando di poter vivere un futuro felice accanto all'uomo che ama. Light preferisce infatti che sia Teru Mikami a fargli da secondo, uccidendo quando lui non può. Così Misa resta lontana dall'azione nell'ultimo atto di Death Note.

Nell'ultimo episodio dell'anime, però, la vediamo in cima a un grattacielo ed è evidente ciò che sta per fare: vuole gettarsi dal palazzo e togliersi la vita.

Possiamo immaginare perché lo faccia: pur avendo perso i ricordi legati al Death Note, Misa ricorda ancora l'amore per Light. Alla morte di quest'ultimo, addolorata per la perdita, sceglie la strada del suicidio.

Nel manga, invece, non ci viene mai mostrata la morte di Misa. Tuttavia, veniamo a sapere del destino della ragazza grazie al volume extra Death Note. Guida alla lettura. Qui leggiamo che, dopo aver appreso della morte di Light, l'amata idol giapponese si toglie la vita.

Quando analizziamo la morte di Misa, però, non dobbiamo solo considerare l'amore della donna per Light Yagami, ma anche il patto stretto prima con Rem e poi con Ryuk. Misa aveva infatti dimezzato la sua aspettativa di vita per ben due volte, ragion per cui la sua dipartita era inevitabile.

  • Secondo le stime, Kira/Light Yagami ha ucciso circa 250mila persone.

    Il calcolo è stato fatto basandosi su uno dei primi capitoli del manga in cui scopriamo che Light, da poco entrato in possesso del Death Note, è riuscito a mietere 312 vittime in soli cinque giorni, 62 al giorno. Facendo i dovuti calcoli arriviamo alla conclusione che, in media, in un anno Kira ha ucciso oltre 22mila e 700 persone.

    La media dovrebbe raddoppiare dopo la morte di L, nei successivi 5 anni di attività di Kira (Light uccide infatti per un totale di 6 anni, da quando ne ha 17 fino ai 23). A quelle 22.700 vittime ne vanno allora aggiunte altre 45.400 per ciascun anno, arrivando a una media di circa 250mila persone in totale.

  • La morte di Light Yagami aka Kira avviene nel finale di serie per mano di Ryuk. Quando il dio della morte si rende conto che per Light è finita e che il ragazzo non ha più neanche un asso nella manica, scrive il suo nome nel Death Note.

  • Misa, che aveva perso i ricordi legati al Death Note, ma non quelli della sua relazione con Light, scopre della morte dell'amato e di conseguenza si toglie la vita. Anche se non assistiamo alla sua morte nel manga, veniamo a sapere di questo e altri dettagli nel volume Death note. Guida alla lettura. Nell'anime, invece, la vediamo in cima a un grattacielo mentre sullo schermo scorrono i titoli di coda. Misa è decisa a gettarsi giù e suicidarsi.

  • Quando L è sul punto di scoprire che Misa è il secondo Kira, Rem scrive il suo nome del Death Note. L muore a causa di un attacco cardiaco.

Leggi anche

      Cerca