Che fine ha fatto Sara? Il finale della stagione 2 e cosa svela

Nell'ultimo episodio scopriamo chi ha ucciso Sara, ma le cose non sono mai come sembrano.

Netflix Una scena di Che fine ha fatto Sara?

Un crescendo di colpi di scena sconvolgenti e destabilizzanti trascina dal primo all’ultimo minuto di Che fine ha fatto Sara 2? consegnandoci al finale a sorpresa che apre idealmente un varco per i prossimi capitoli.

Ma cosa succede esattamente nell'epilogo Che fine ha fatto Sara? Si scopre l’assassino e la verità sulla morte della ragazza?

Manolo Cardona, l’attore messicano che interpreta Alex Guzman, aveva preannunciato risposte alle numerose domande che ci attanagliavano dalla fine della prima stagione. Ma le abbiamo avute davvero? O si sono affiancate a nuovi quesiti? 

La seconda stagione ci ha tenuti incollati davanti allo schermo, dove abbiamo fatto tante scoperte sui più (o i meno) insospettabili. Di alcuni personaggi abbiamo scoperto il lato più nero, altri hanno intrapreso una certa riabilitazione.

Ma cosa sappiamo ora del giallo sulla morte di Sara con il paracadute?

Attenzione: meglio non proseguire nella lettura se non si vuole incorrere negli spoiler!

Il finale di Che fine ha fatto Sara?

Possiamo dire che il finale di Che fine ha fatto Sara? parta dall’inizio, dal primissimo episodio.

La storia è molto avviluppata e contorta, ma ruota intorno a diversi temi e personaggi: la malattia mentale di Sara, che soffre di schizofrenia ereditaria, l’emergere della figura di suo padre, Abel, internato in una clinica psichiatrica, i trucchi di César Lazcano per salvare la sua famiglia, la macabra vendetta del suo ex amico Sergio, il ritorno di Nicandro e le macchinazioni di Marifer.

È complicato ricostruire come si arriva al finale, perché la seconda stagione di Che fine ha fatto Sara? è una concatenazione di fatti, scoperte, colpi di scena, fino all'ultima rivelazione.

Tutti, o quasi, fanno il doppio gioco. E districarsi in questo rompicapo di rancori, vendette e minacce è davvero complicato.

Ecco come si concludono le diverse storyline, che naturalmente convergono in una: la rivelazione dell'assassino della ragazza.

La malattia di Sara

Sara non era la persona che Alex credeva. Fin da piccola soffriva di una psicosi, di cui era al corrente solo la madre. La donna l'aveva portata in cura da uno psichiatra, che non era riuscito a contenere i danni dal momento in cui la ragazza aveva cominciato a fare uso di stupefacenti.

Parallelamente Sara conosce suo padre, ne rimane affascinata e decide di procurargli dei soldi aiutando Nicandro nello spaccio.

Negli ultimi mesi di vita, però, le sue condizioni sembrano peggiorare. Tratta male sua madre e Marifer, arrivando anche a essere violenta.

NetflixUna scena di Che fine ha fatto Sara?
Marifer soccorre la mamma di Sara

La ragazza ha subito trattamenti pesanti a opera dello psichiatra, la cui pregnanza nei confronti dello scioglimento del giallo viene confermata negli ultimi secondi prima dei titoli di coda.

Il cadavere nel giardino di Alex

Nell'ultimo episodio si scopre anche la fine del padre di Sara. Grazie a un microfilm contenuto in un oggetto rubato da Sara nella villa di Nicandro, si ha la conferma dell’identità dell’uomo sepolto nel giardino.

È proprio Abel, il padre biologico di Sara che ha violentato la vicina di casa quando il suo primogenito Alex non aveva ancora un anno. Da quel rapporto la signora Guzman è rimasta incinta della secondogenita.

Abbiamo scoperto anche che Abel era sposato con Christina, governante dei Lazcano nonché mamma di Marifer e Clara. E che è stato internato per la sua malattia mentale.

NetflixUna scena di Che fine ha fatto Sara?
Cèsar ha ucciso l'uomo sepolto in giardino

Inizialmente nessuna delle ragazze, né Sara né Marifer né Clara (ancora piccola all’epoca dell’incidente del paracadute) era a conoscenza del fatto di essere unita da un legame di sangue alla famiglia dei vicini.

Sara scopre troppo tardi – dopo averlo aiutato a fuggire dalla clinica – che suo padre è pericoloso. Lui le tende un agguato in casa, ma casualmente la telecamera di Chema rimane accesa e filma tutta la scena.

Dopo aver trovato la cassetta, Alex, Elisa e Nicandro scoprono la verità: Sara è stata aggredita da suo padre e salvata da César, che è stato chiamato dalla ragazzina (forse in quanto padre di suo figlio) e ha sparato un colpo al centro della fronte di Abel, uccidendolo. Poi i due hanno sepolto il corpo.

La vendetta di César

César è uno dei personaggi che lascia maggiormente sorpresi nei twist della seconda stagione. Nella prima era stato raccontato come un uomo truce, meschino, anche violento, retrogrado. Nel nuovo capitolo è come se trovasse una redenzione riconoscendo più volte le qualità di Alex: coraggio, forza, tenacia. Caratteristiche che non ha mai trovato nei suoi figli, tranne che in Elisa.

Proprio per salvare la ragazza, che viene sadicamente rapita da Sergio, il patriarca si allea ad Alex (anche simulando un finto suicidio) che con le sue capacità da hacker riesce a geolocalizzare la posizione di Sergio e del suo ostaggio.

I due riescono a raggiungerla e, mentre Alex la mette in salvo, il padre uccide il suo ex migliore amico, responsabile delle torture e delle morti di numerose donne nel bordello clandestino sotto il casinò. Persino Elisa nasconde un trauma infantile: lo aveva visto proprio mentre faceva del male a una delle ragazze.

NetflixElisa in una scena di Che fine ha fatto Sara?
Elisa viene ferita e poi rapita e torturata

Marifer ha ucciso Sara?

Il finale della seconda stagione svela anche i segreti oscuri di Marifer, che solo molti anni dopo scopre di essere la sorella di Sara, la ragazza che crede di aver assassinato.

Nicandro, che ha fatto il doppiogioco con lei e Alex, ha svelato al fratello di Sara un segreto della vicina di casa: Marifer si trovava al lago il giorno dell’incidente del paracadute. Nel frattempo Alex ha scoperto che la ragazza si nasconde dietro il nickname di Diana Cacciatrice.

Grazie ai flashback scopriamo che Marifer aveva molte ragioni per odiare Sara, che la trattava malissimo. Al momento della scomparsa di sua madre, fuori di sé, ha chiesto aiuto all’amica, che glielo ha negato per passare il weekend con i Lazcano. Offesa e arrabbiata, Marifer l’ha raggiunta al lago, pur non essendo stata invitata, e dopo l’ennesimo litigio dovuto all’irascibilità dell’amica, d’istinto ha tagliato le funi del suo paracadute.

NetflixMarifer in Che fine ha fatto Sara?
Marifer era furiosa con Sara

Quando scopre della fine di Abel è sconvolta, perché non aveva idea che Sara fosse sua sorella. La verità venuta a galla dal video svela anche la fine di sua madre: a ucciderla è stata suo marito, fuggito dall'ospedale psichiatrico, prima di morire per mano di César. 

I Lazcano quindi, paradossalmente, sono innocenti e Marifer ha manipolato inutilmente la sorella minore per diventare la madre surrogata di Chema e Lorenzo solo per ricattare Mariana ai fini della verità. La donna però non ha nulla a che vedere con la scomparsa di Christina.

Fuori controllo, la ragazza si ritrova con Clara e Mariana a casa sua e in un momento di rabbia fa partire un proiettile dalla pistola, colpendo a morte proprio Clara. In altre parole, Marifer ha ucciso la sua sorella più piccola esattamente come ha fatto con Sara nel 2001. Ora è sola.

NetflixUna scena con Clara di Che fine ha fatto Sara?
Inavvertitamente Marifer uccide Clara

Alla fine si lancia nel disperato inseguimento di Alex, di cui è da sempre innamorata. Lui però a sua volta è corso al quartier generale dei Lazcano per fermare Elisa: la ragazza ha dato fuoco al casinò, convinta che la sua famiglia sia responsabile di tutto. Qui Marifer trova i due, in mezzo alle fiamme, e confessa di aver tagliato le funi del paracadute.

Alex vorrebbe aggredirla, ma Elisa lo trattiene. Alla fine i due si salvano e la ragazza muore nel rogo.

L’ultima scena: Nicandro e lo psichiatra

Il caso sembrerebbe risolto. Chema, scioccato per la morte di Lorenzo e di Clara (nonché di suo figlio), si dichiara colpevole per la morte dell’ex fidanzato di Clara, pugnalato effettivamente da lui, e anche per quella di Abel, pensando che sia stato Alex a ucciderlo, di cui è ancora innamorato.

In realtà l’ultima scena, come era ipotizzabile, capovolge di nuovo le carte in tavola.

Una telefonata di Nicandro svela che il ragazzo è coinvolto eccome nella morte di Sara, così come la sua famiglia, a quanto pare ancora più potente di quella dei Lazcano. Il dettaglio scioccante è che anche lo psichiatra, il dottor Hugo Alanis Musa, è suo complice.

A quanto pare Sara era stata inserita in un programma psichiatrico, una serie di esperimenti che – lo scopriamo con un brevissimo flashback prima del finale – comprendevano anche l’elettroshock. La morte della ragazza quindi è solo un tassello di un’organizzazione misteriosa, un po’ alla Stranger Things.

Marifer quindi “crede” di aver ucciso Sara, ma in realtà è solo una sua convinzione. Anche se è stata l’esecutrice materiale del delitto, in realtà era manovrata da qualcuno molto più potente e pericoloso di lei.

La spiegazione del finale di Che fine ha fatto Sara?

Non c’è bisogno di una spiegazione approfondita del finale di Che fine ha fatto Sara?, che vira a tutti gli effetti verso una soap nera. Gli avvenimenti sono incastrati l’uno con l’altro ma non sembra che ci sia un senso profondo dietro le azioni di personaggi, che non necessitano decodifiche.

NetflixUna scena di Che fine ha fatto Sara?
Solo la madre di Sara conosceva le sue condizioni

La vendetta e il rancore muovono la maggior parte di loro verso percorsi schizzati e perversi, che li spingono a macchiarsi di delitti atroci e a tradire le persone che li circondano.

Persino Elisa, l’eroina romantica della serie, ha un momento di follia e sta per suicidarsi nell’incendio del casinò Lazcano, per cancellare ogni traccia della sua famiglia. E lo stesso Alex è mosso da un desiderio di vendetta che ormai è diventato un’ossessione, al punto da tralasciare qualunque altra cosa.

Alla fine crede di aver trovato le risposte, ma le cose non stanno così.

Quello che però è chiaro a tutti è che la vita dimostra spesso che le cose non sono quasi mai come sembrano. I Lazcano, che erano considerati responsabili dell’incidente a Sara, non sono innocenti e custodiscono voragini d’ombra nelle rispettive vite, ma alla fine non c’entrano con la morte della ragazza.

NetflixUna scena di Che fine ha fatto Sara?
La verità è ancora diversa da quella che credevamo

Questo chiude i conti, ma solo da un certo punto di vista. C’è Nicando, c’è lo psichiatra e tutta una nuova storia da scoprire, ovviamente nella prossima stagione della serie, annunciata proprio nei titoli di coda.

Leggi anche

      Cerca