Cinque cose da sapere su Valentine, la tigre zombie di Army of the Dead

La tigre zombie è uno degli elementi che ha suscitato più curiosità di Army of the Dead, sin dalla sua prima apparizione nel trailer del film. Zack Snyder ha rivelato molti retroscena della sua realizzazione.

Netflix Valentine

Nel mondo del cinema gli animali non morti non sono una novità, ma la tigre zombie di Army of the Dead ha destato curiosità ed entusiasmo sin dalla sua apparizione nel primo trailer del nuovo zombie movie di Zack Snyder. L'incrocio tra caratteristiche da non morta, pericolosità e maestosità la rendono un elemento memorabile di un film in cui il regista di Justice League sembra essere tornato alle sue origini

Comprensibile quindi che il pubblico sia rimasto incuriosito dalla sua presenza e dalla sua storia, sin dal primo trailer. È probabile che ne sapremo di più a riguardo quando arriverà la serie animata già confermata da Netflix che narrerà la caduta di Las Vegas dopo il diffondersi dell'epidemia. Nel frattempo Zack Snyder e i suoi collaboratori hanno raccontato alcuni retroscena sul personaggio e sulla sua complessa realizzazione, che ha visto il coinvolgimento di un'altra icona del catalogo Netflix. 

1- Il suo nome è Valentine 

Non sappiamo molto della storia di Valentine. Il suo nome ci viene rivelato da Lily quando il gruppo la incontra la prima volta all'ingresso della città in quarantena di Las Vegas. La tigre era uno degli animali esotici presenti in città, trasformata in zombie da uno degli alfa (probabilmente Zeus stesso). L'animale sembra molto intelligente e pare assolvere funzioni di sicurezza e presidiamento del territorio per gli il gruppo di zombie comandato da Zeus. 

Nel corso del film la ritroveremo a pattugliare l'esterno del casinò dove i protagonisti si devono introdurre per tentare di aprire la cassaforte e rubare 200 milioni di dollari. Non è l'unico animale trasformato in zombie da Zeus. C'è anche un cavallo zombie che viene usato appunto dal capo degli alfa per muoversi, come un re o un cavaliere medioevale. 

2- Zack Snyder ne ha tracciato l'aspetto 

Valentine è creata interamente in maniera digitale, pratica sempre più diffusa per introdurre animali più o meno grandi e domestici nei film da alto budget senza sottoporli allo stress del set. Il suo aspetto però è frutto di un preciso disegno di Zack Snyder, che ha lavorato a stretto contatto con i responsabili degli effetti speciali per fare in modo di trovare il giusto mix tra animale feroce e zombie, esattamente quello da lui immaginato.

NetflixZack Snyder e i produttori
Zack Snyder ha realizzato il primo schizzo del muso di Valentine

L'aspetto distintivo di Valentine è il fatto che metà del suo cranio sia più o meno intatta, mentre l'altra metà vede un grave deterioramento: l'occhio è scomparso e l'orbita è vuota, si vedono i muscoli e i tendini della guancia, il pelo è caduto su parte del muso ed è scompigliato sul resto del corpo. Si è deciso di puntare sul muso per sottolineare lo stato di decomposizione per non intaccare troppo il corpo del felino, in modo che rimanga una minaccia agile e letale per i sopravvissuti. Lo schizzo in 2D di Snyder del muso di Valentine è stato la base di partenza per la creazione dell'animale da parte del team dedicato.

3- È stato realizzato un modello 3D 

Il responsabile degli effetti VFX Marcus Taormina ha raccontato di aver creato l'aspetto di Valentine trasformando lo schizzo di Snyder in un modello 3D. È stata la parte più complessa dell'intera lavorazione del personaggio, perché ha richiesto ai tecnici degli effetti speciali di costruire un modello realistico di tigre, imparando a ricrearne movenze e andatura, cambiando però quel tanto che bastava per dare l'impressione che il felino fosse uno zombie.

Si è deciso quindi di cercare un luogo in cui osservare le tigri muoversi in un habitat naturale. La prima scelta di Taormina è stato lo Siegfried & Roy’s Secret Garden and Dolphin Habitat, dove erano presenti alcune tigri bianche. Gli esemplari però erano già anziani e in condizioni di salute non ottimali. Avevano un aspetto fragile, l'esatto opposto di Valentine. 

4- La connessione con Tiger King

A questo punto Taormina ha deciso di rivolgersi al Big Cat Rescue a Tampa, una delle poche strutture disposta a lasciare che il team di Taormina potesse osservare degli esemplari di tigre dal vivo. A gestire il centro è Carole Baskin, una vecchia conoscenza degli spettatori di Netflix: è infatti tra le protagoniste di Tiger King! Sappiamo anche quale tigre ha fatto da modella per Valentine: un esemplare chiamato Sapphire. 

Baskin ha permesso alla troupe di Snyder di girare alcuni filmati dal vivo mentre Sapphire veniva alimentata, in modo da farsi un'idea dei movimenti dell'animale. Taormina si è detto debitore di Baskin per l'aiuto e la disponibilità che la donna ha dimostrato alla troupe: 

Carole ci ha molto aiutato e ci ha detto che stavamo facendo la cosa giusta, perché non vuole che questi felini vengano usati sul set per fare questo tipo di performance.

5- Nessuno era a conoscenza del legame tra i due prodotti Netflix

All'epoca in cui Taormina stava lavorando al Big Cat Rescue Netflix aveva appena la produzione in loco di Tiger King, un progetto di cui pochi erano a conoscenza. È stato il caso a farlo bussare alla porta di Carole e solo mesi dopo ha scoperto che era protagonista di uno dei titoli di punta del catalogo Netflix. 

E successo per caso, mentre era a casa e la moglie stava guardando lo show. Sentendo le voci provenire dalla TV nell'altra stanza, Taormina si è reso conto che una era molto famigliare: 

Conoscevo quella voce, quindi sono entrato nella stanza e ho pensato: "Oddio, quella è Carole!". È stata una grande rivelazione.

  • No, l'animale è stato ricreato interamente digitalmente, studiando i movimenti di vere tigri. 

  • La tigre zombie si chiama Valentine. A rivelarlo è Lily, che spiega al resto del gruppo come sia uno degli animali che era presente in uno zoo cittadino e sia stata trasformata in uno zombie alfa. 

    L'animale controlla il territorio della tribù di zombie di Zeus.

  • Il supervisore agli effetti speciali Taormina ha svelato che per creare la tigre zombie Valentine si è rivolto al Big Cat Rescue di Tampa, il rifugio per grandi felini gestito da Carole Baskin. 

    All'epoca non sapeva che si erano appena concluse le riprese di un altro prodotto Netflix nello stesso e l'ha scoperto per caso, mesi dopo. 

Leggi anche

      Cerca