Timothée Chalamet salverà il nuovo film su Willy Wonka dalle polemiche?

Sarà il protagonista di Chiamami col tuo nome Timothée Chalamet a interpretare il giovane Willy Wonka nel prequel che Warner Bros si appresta a realizzare. Lo attende un compito non semplice, dato che il film è già stato oggetto di molte critiche.

Paramount Pictures / Lucky Red Willy Wonka nel film originale e Timothée Chalamet sul set di Woody Allen

Seguendo l'esempio di Disney, anche Warner Bros si è buttata sul filone dei prequel che scrivono (o riscrivono) le origini di iconici personaggi del cinema. Dopo lo strepitoso successo di Joker, ecco arrivare Wonka (titolo provvisorio del progetto), un lungometraggio atteso per il 2023 che dovrebbe narrare come Willy Wonka abbia creato il suo impero del cioccolato. 

La notizia di queste ore è che Warner ha trovato il suo giovane industriale: sarà l'attore statunitense Timothée Chalamet a interpretare il giovane Willy Wonka, dopo le prove celebri di Johnny Depp (2005) e Gene Wilder (2013) nel ruolo di uno dei più bizzarri personaggi mai creati da Roald Dahl. Deadline ha rivelato alcuni dettagli interessanti sulla scelta dell'attore: pare infatti che Timothée Chalamet fosse la prima scelta dello studio ormai da tempo, ma il progetto si sia arenato per mesi per la difficoltà di calendarizzarne le preproduzione. 

Oltre ai tanti impegni dell'attore (che vedremo presto come protagonista nell'attesissimo Dune), è stato infatti necessario ritagliare un po' di tempo in preproduzione per prepararlo alle varie peculiarità della pellicola. Pare infatti che Timothée Chalamet canterà e danzerà in alcuni numeri musicali, che avvicinerebbero Wonka all'originale del 1971 e forse persino al territorio del musical. Sarà la prima volta in cui vedremo l'attore di The King impegnato dal punto di vista canoro, quindi Warner vuole assicurarsi sia adeguatamente preparato per il ruolo. 

Warner BrosTimothée Chalamet in una foto promozionale di Dune
Timothée Chalamet si conferma una delle stelle della scuderia di Warner Bros

Questi rumor riguardanti la possibilità che Wonka si trasformi a qualcosa di simile a un musical non hanno fatto che fomentare di nuovo lo scontento di una parte degli spettatori. Infatti, pur sapendo davvero poco sulla trama in sé del prequel (basato su una sceneggiatura originale ispirata ai personaggi di Dahl), quel poco che Warner ha lasciato trapelare ha scontentato molti. 

Timothée Chalamet e le polemiche su Wonka

Il lungometraggio sarà il terzo a vedere per protagonista Willy Wonka, ma il primo in cui Charlie Bucket (il bambino povero che saprà conquistare il suo cuore) non apparirà. A dirigere il film sarà Paul King (regista dei due acclamati film su Paddington), a partire da una sceneggiatura firmata da Simon Farnaby, con l'intervento di una pluralità di autori. 

Sarà interessante scoprire come la storia ovvierà ai punti più controversi del romanzo originale e dei successivi adattamenti, senza dimenticare la scomoda eredità dell'autore Roald Dahl. Se alcuni ammiratori sono preoccupati all'idea di trovarsi di fronte a un musical, altri temono il ritorno degl Oompa Loompa, le bizzarre maestranze di Wonka che lavorano nella fabbrica. Nella prima edizione del romanzo di Dahl infatti vengono ritratti come piccoli pigmei venuti dall'Africa, operosi ma dispettosi, che Wonka utilizza come operai in un quadro che alcuni hanno paragonato allo schiavismo. A fronte delle critiche sorte, lo stesso Dahl riscrisse quella parte del romanzo per le edizioni successive. Nacque così Loompaland, la nazione da cui provengono le creaturine, poi diventate simili a bizzarri nani da giardino. 

I POCKETTINI La fabbrica di cioccolato
I POCKETTINI

La fabbrica di cioccolato

6,55 €

Altro punto del contendere è il rapporto controverso tra Dahl e le sue opere, alla luce di affermazioni di natura antisemita. Negli anni infatti sono emerse molte sue dichiarazioni controverse sull'argomento, oltre a una sua frase (mai smentita dagli eredi) in cui dichiarava di essere sempre stato contro Israele e di essere divenuto antisemita. Anche Steven Spielberg, in qualità di regista del GGG, ha dovuto affrontare spinose domande in merito. 

Stavolta spetterà a Timothée Chalamet aumentare l'interesse del pubblico nei confronti di una pellicola già criticata da più parti. Staremo a vedere cosa succederà da qui al 2023, anno in cui Warner Bros pianifica di portare in sala Wonka. 

NoSpoiler seleziona in modo indipendente i gadget e servizi che ti proponiamo in queste pagine e potrebbe ricevere una piccola quota (senza costi aggiuntivi per te) nel caso di acquisto tramite i link proposti.

Leggi anche

      Cerca