A Classic Horror Story è l'horror da non perdere a luglio su Netflix: trailer e trama

L'horror tutto italiano di Roberto De Feo e Paolo Strippoli vanta un cast internazionale e promette brividi e tensione per rinfrescare il pubblico dalle torride temperature estive: ecco tutto quello che c'è da sapere prima di mettersi alla visione.

Loris T. Zambelli / Netflix Alida Baldari Calabria in una scena del film A Classic Horror Story

L'estate è da sempre la stagione dell'horror. Nei mesi più afosi dell'anno, non c'è nulla di meglio che un film ad alto tasso di brividi e tensione per rinfrescare le temperature e dare tregua al caldo soffocante. Non fa eccezione A Classic Horror Story, l'horror tutto italiano dal titolo programmatico ("una classica storia dell'orrore") disponibile su Netflix dal 14 luglio 2021.

A Classic Horror Story è diretto da Roberto De Feo e Paolo Strippoli e prodotto da Colorado Film, che lo presenta come "un omaggio alla tradizione di genere italiana che, partendo da riferimenti classici, arriva a creare qualcosa di completamente nuovo". Il film sarà presentato in concorso alla 67esima edizione del Taormina Film Fest, che si tiene dal 27 giugno al 3 luglio, prima di entrare nel catalogo della piattaforma dalla grande N. Nell'attesa di vederlo in streaming, ecco tutto quello che c'è da sapere su un titolo che sta già stuzzicando la curiosità degli appassionati.

NetflixIl key art ufficiale di A Classic Horror Story
Il poster di A Classic Horror Story

La trama

La storia di A Classic Horror Story – girato in Puglia tra Monte Sant'Angelo, Vico del Gargano e Cagnano Varano – ruota attorno a cinque persone che hanno deciso di condividere un camper per mettersi in viaggio verso il Sud dell'Italia. Tra loro c'è Elisa, una ragazza straniera che sta raggiungendo i suoi genitori per le vacanze estive.

Durante la notte il gruppo ha un imprevisto: per evitare la carcassa di un animale, Mark, in quel momento al volante, si schianta contro un albero. Quando il gruppo riprende i sensi si ritrova nel mezzo del nulla. La strada che stavano percorrendo è misteriosamente scomparsa. Davanti ai loro occhi si materializza un bosco fitto e impenetrabile e una strana e inquietante casa in legno.

Loris T. Zambelli / NetflixUna scena del film A Classic Horror Story
La casa immersa nel bosco

Quella radura immersa nella foresta esiste realmente? E cosa è successo davvero dopo l'incidente? I cinque sono finiti intrappolati in un incubo, dal quale è difficile uscire. Scopriranno presto che sulle pareti della casa sono dipinte delle strane creature e che quel luogo è la dimora di un culto innominabile.

In quelle zone è ancora viva la leggenda di Osso, Mastrosso e Carcagnosso, i "tri cavaleri d'anurì" citati nel giuramento di fedeltà della 'ndrangheta. C'entrano veramente i tre cavalieri spagnoli che nel Quattrocento fondarono le cosche della criminalità organizzata con quel che sta accadendo?

Loris T. Zambelli / NetflixYuliia Sobol, Matilda Lutz, Peppino Mazzotta e Francesco Russo in una scena del film A Classic Horror Story
Sofia, Elisa, Riccardo e Fabrizio intrappolati nella casa

Il trailer

Lanciato da Netflix il 16 giugno, il trailer di A Classic Horror Story è un tributo appassionato e sincero al cinema horror degli anni '70. I registi giocano con le paure e i traumi emotivi degli spettatori, manipolando abilmente i topoi e i codici del genere.

I 120 secondi del video disseminano una serie di indizi: "Ti sembra di averlo già visto?", "Prova a guardare meglio", "È tempo di cambiare le regole". "Questo è proprio il classico film dell'orrore", dice quasi sconsolato Fabrizio, mentre la piccola Chiara scrive nel suo quaderno che "non è una foresta".

Ciliegina sulla torta La casa di Vinícius de Moraes, cantata da Sergio Endrigo e poi da un coro di voci bianche come nella migliore tradizione argentiana. D'altronde ricordate dov'era la casa "molto carina senza soffitto e senza cucina"? In Via dei matti numero zero.

Il cast

Nei panni della protagonista femminile c'è Matilda Lutz, l'attrice e modella statunitense (ma di madre italiana) apprezzata nelle serie I Medici - Lorenzo il Magnifico e They Were Ten e soprattutto nel durissimo Revenge, la rivisitazione femminista del "rape & revenge" firmata da Coralie Fargeat.

Gli attori italiani sono Peppino Mazzotta (l'ispettore Fazio de Il commissario Montalbano), Francesco Russo (apparso in Classe Z, Tuttapposto e L'amica geniale) e Alida Baldari Calabria, la giovanissima candidata come migliore non protagonista ai David di Donatello per la sua Fata Turchina nel Pinocchio di Matteo Garrone.

L'ucraina Yuliia Sobol (vista ne I figli della notte di Andrea De Sica e Il campione di Leonardo D'Agostini) e il britannico Will Merrick (Alo Creevey nella quinta e sesta stagione di Skins) completano il cast, arricchito da una singolare apparizione di Cristina Donadio, l'attrice napoletana che in Gomorra – La serie ha interpretato Annalisa Magliocca, ovvero Scianel.

Ecco il cast principale e i rispettivi personaggi.

  • Matilda Lutz: Elisa
  • Francesco Russo: Fabrizio
  • Peppino Mazzotta: Riccardo
  • Yuliia Sobol: Sofia
  • Will Merrick: Mark
  • Alida Baldari Calabria: Chiara
  • Cristina Donadio: il sindaco
NetflixCristina Donadio in una scena del film A Classic Horror Story
Cristina Donadio: il sindaco di A Classic Horror Story

I registi

Prodotto da Matteo Tacchia per Colorado Film, A Classic Horror Story è diretto da Roberto De Feo e Paolo Strippoli. Dopo alcuni acclamati cortometraggi, su tutti Ice Scream e Child K, De Feo si è fatto conoscere con l'opera prima The Nest - Il nido, prodotta sempre da Colorado insieme a Vision/Sky, ambientata in un'altra casa in mezzo al bosco (il Castello dei Laghi di Druento) e distribuita con successo all'estero.

Strippoli è invece un esordiente assoluto, eppure ha vinto l'edizione 2019 del Premio Solinas con la sceneggiatura L'angelo infelice e sta lavorando ad un altro horror thriller intitolato Piove, scritto con Cristiano Di Nicola e Jacopo Del Giudice e interpretato da Fabrizio Rongione, Cristiana Dell'Anna, Aurora Menenti e Francesco Gheghi.

Loris T. Zambelli / NetflixMatilda Lutz in una scena del film A Classic Horror Story
La casa sperduta di A Classic Horror Story

La sceneggiatura di A Classic Horror Story è di De Feo, Strippoli, Lucio Besana, Milo Tissone e David Bellini. La fotografia è di Emanuele Pasquet, la scenografia di Roberto Caruso e il suono in presa diretta di Gianpaolo Catanzaro. I costumi sono di Sabrina Beretta e le musiche di Massimiliano Mechelli. Sin dalle prime immagini, le suggestioni sono evidenti: autori come Bava, Fulci e Argento, classici quali The Wicker Man di Robin Hardy, Non aprite quella porta di Tobe Hooper e La casa dalle finestre che ridono di Pupi Avati, i migliori new horror contemporanei, da Quella casa nel bosco di Drew Goddard a Midsommar - Il villaggio dei dannati di Ari Aster. Non a caso A Classic Horror Story sarà vietato ai minori di 14 anni in Italia e ai minori di 17 all'estero.

Leggi anche

      Cerca