Altrimenti ci arrabbiamo: cosa sappiamo del reboot annunciato da Christian De Sica

L'attore romano vestirà i panni del "villain", Edoardo Pesce e Alessandro Roja saranno i protagonisti nei ruoli che furono di Bud Spencer e Terence Hill: ma le novità non finiscono qui.

Capital Films/Filmayer/Rizzoli Film Bud Spencer in una scena del film ...altrimenti ci arrabbiamo!

Il candido annuncio di Christian De Sica è di quelli da far tremare i polsi: ...Altrimenti ci arrabbiamo!, il film più amato (insieme a Lo chiamavano Trinità...) della coppia Bud Spencer e Terence Hill, sarà oggetto di un remake. Non solo: l'attore romano vestirà i panni del "villain", Edoardo Pesce e Alessandro Roja saranno i protagonisti nei ruoli che furono di Spencer e Hill.

La notizia arriva come un fulmine a ciel sereno durante una tranquilla domenica pomeriggio d'estate. De Sica è ospite di Francesca Fialdini al programma di Rai1 Da noi... a ruota libera. L'attore ripercorre con la conduttrice la sua lunga carriera (l'intervista è disponibile su RaiPlay) e parlando dei suoi progetti futuri sgancia la bomba.

Ho girato già un film con Alessandro Siani che si chiama Chi ha incastrato Babbo Natale e uscirà a Natale e fra pochi giorni inizio un altro film che si chiama Altrimenti ci arrabbiamo, quel film di Bud Spencer e Terence Hill, dove io faccio il cattivo. Bud Spencer e Terence Hill li fanno Pesce e Roja.

I registi

Annunciato il remake a sorpresa, dai produttori di Lucky Red e Compagnia Leone Cinematografica arriva subito la conferma. Il rifacimento del cult movie si chiama Altrimenti ci arrabbiamo (senza i puntini sospensivi iniziali e il punto esclamativo finale) e la storia originale sarà ovviamente adattata ai tempi moderni. Resta il modello sincero, allegro e spensierato dell'originale e la voglia di far tornare bambini gli spettatori cresciuti negli anni '70, '80 e primi '90, puntando a coinvolgere i Millennials e la Generazione Z di oggi.

Diretto da Marcello Fondato e scritto dal regista con Francesco Scardamaglia e Jesús R. Folgar, ...Altrimenti ci arrabbiamo! è stato un campione di incassi nella stagione 1973-'74 (oltre 6 miliardi e mezzo di lire: è il 14esimo film italiano più visto di sempre con 11,3 milioni di spettatori) ed è entrato nell'immaginario collettivo grazie ad alcune scene memorabili come la gara di birra e salsicce per la conquista della dune buggy rossa con la cappottina gialla, l'infinita scazzottata all'interno della palestra del luna park e il killer Paganini alle prove del coro tra un "la-la-la-la-lalla" e un "b-b-bbrr, b-b-bbrr". Senza dimenticare la colonna sonora degli Oliver Onions, ovvero Guido e Maurizio De Angelis.

È la prima volta nella storia che un film della coppia Spencer e Hill avrà un remake, se si esclude il bizzarro fenomeno dei film di Simone e Matteo con i "sosia" Paul Smith e Michael Coby. Quest'impresa impossibile è stata affidata a YouNuts!, ossia Niccolò Celaia e Antonio Usbergo, i due videomaker vintage che si definiscono "patiti di anni '80 e ciambelle". Il duo si è già confrontato con un topos del cinema italiano, la commedia estiva balneare, con Sotto il sole di Riccione, il "Sapore di mare 2.0" targato Netflix.

Le riprese del nuovo Altrimenti ci arrabbiamo sono iniziate il 14 giugno. Lucky Red lo presenta non come un remake ma come un reboot, "omaggio ad un film che è diventato di culto per più di una generazione". Il soggetto è di Paolo e Manuel Fondato (figlio e nipote di Marcello) con Francesco Cenni, autore dei copioni – tra gli altri – di Figli delle stelle, Padroni di casa e Il terzo tempo.

La sceneggiatura ha la firma di Vincenzo Alfieri (l'attore passato dietro la macchina da presa con la commedia supereroistica I peggiori e l'heist movie Gli uomini d'oro), Tommaso Renzoni (autore della trasmissione Sconosciuti di Rai3, della webserie Rai Lontana da me e tra gli sceneggiatori di Braccialetti rossi), Giancarlo Fontana e Giuseppe G. Stasi, la coppia di Metti la nonna in freezer e Bentornato Presidente.

La trama

Il reboot di Altrimenti ci arrabbiamo lascia la periferia di Madrid e trasforma gli amici rivali Ben e Kid nei fratelli Carezza e Sorriso, "molto diversi tra loro e in lite fin dall'infanzia". Il pomo della discordia, manco a dirlo, è  la dune buggy, "un tempo appartenuta al loro amato papà".

Carezza e Sorriso decidono di dimenticare i loro attriti (almeno per il tempo del film) e mettersi sulle tracce dell'automobile, "ora sottrattagli da Torsillo, uno speculatore edilizio senza scrupoli, e da suo figlio Raniero".

Il recupero della dune buggy passerà attraverso "un'insolita alleanza con una comunità di circensi, capeggiata dalla bella e pericolosa Miriam". La ragazza è nel mirino di Torsillo perché minaccia di smascherare i suoi loschi affari.

La produzione garantisce il pieno di "inseguimenti rocamboleschi, scazzottate memorabili e delicati pasti a base di birra e salsicce". Nel primo poster diffuso, appare la mitologica dune buggy in un garage, coperta da un telo bianco che mostra soltanto un po' di carrozzeria rossa, il fanale sinistro e mezza ruota. Sulla saracinesca spicca la scritta "ACA", un acronimo in stile ACAB di Altrimenti ci arrabbiamo.

Il cast

Christian De Sica si ritaglia il ruolo del villain, il palazzinaro Torsillo. Non è quindi il Dottore, il braccio destro del Capo (John Sharp) interpretato nell'originale da un formidabile Donald Pleasence. Non è ancora noto chi sarà il figlio Raniero.

Edoardo Pesce sarà il gigante gentile Carezza, vestendo i panni extralarge di Bud Spencer, e Alessandro Roja l'agile e affascinante Sorriso, ereditando l'atletismo di Terence Hill. Alessandra Mastronardi sarà infine Miriam, la versione aggiornata dell'equilibrista circense Liza, interpretata nell'originale dalla statunitense Patty Shepard, moglie (nella vita) del collega attore Manuel De Blas, il killer Paganini del film.

Il trio Pesce-Roja-Mastronardi è preso in prestito da Romanzo criminale - La serie: il Dandi, Ruggero Buffoni e Roberta.

I fan attendono l'uscita di Altrimenti ci arrabbiamo (nel 2022, ma la data precisa è da ufficializzare) non proprio fiduciosi. L'unico a replicare positivamente (con un cuore) ai post sui profili social di Lucky Red è Lorenzo Jovanotti Cherubini. Per il resto, basta leggere qualche commento: "Perché giustamente ce n'era bisogno no?", "Non vedo l'ora di non guardarlo", "Siete ancora in tempo dall'evitare questa clamorosa figura di m...". 

NoSpoiler seleziona in modo indipendente i gadget e servizi che ti proponiamo in queste pagine e potrebbe ricevere una piccola quota (senza costi aggiuntivi per te) nel caso di acquisto tramite i link proposti.

Leggi anche

      Cerca