Too Hot to Handle torna il 23 giugno: 6 cose da sapere sulla nuova stagione

Il reality dei record di Netflix si allunga di due episodi, si sposta ai Caraibi, prende bellezze europee e viene già rinnovato per una terza stagione. Ecco cosa c'è da sapere.

Concorrenti in bikini, su un’isola tropicale, per cercare il vero amore. Oramai questo è un format a sé e si rischia di far indigestione di dating reality sul bagnasciuga. Too Hot Too Handle, però, si smarca dai vari Love e Temptation Island perché alza ulteriormente l’asticella della provocazione e si dichiara orgogliosamente trash grazie a un meccanismo che non può passare inosservato.

I nuovi episodi della seconda stagione, in arrivo su Netflix dal prossimo 23 giugno, promettono scintille. Ma che succederà? Che fine hanno fatto i precedenti concorrenti? Cosa c’è da sapere sulla produzione? Ecco il trailer e un bugiardino per arrivare preparati.

Il sesso si paga

Se non avete visto la prima stagione, ma volete restare sul pezzo e commentare con i vostri amici la seconda, sappiate che non vi costerà troppa fatica mettervi a pari. Il meccanismo di Too Hot Too Handle è tanto semplice quanto diabolico: dei giovani e attraenti single vengono catapultati in un resort in cui non c’è nient’altro da fare che flirtare.

Lo scopo, sulla carta, sarebbe quello di trovare il vero amore ma il vero meccanismo degno di nota è quello per cui ogni contatto fisico si paga. Ci sono 100mila dollari di montepremi e baci, carezze, preliminari e sesso costano cifre proporzionali che vengono decurtati dal tesoretto. Bisogna tenersi strette le mutande perché il vero amore deve essere puro, platonico, una questione di anime. Ditelo a quei festaioli dei concorrenti…

Nuovi concorrenti e nuova location

In questa seconda stagione la produzione - come riporato da Deadline - si sposta da Punta Mita in Messico ai Caraibi, giusto per rendere ancora più iconica e sensuale la location in cui si snodano le vicende. Lettini in vimini, cocktail alcolici, barriere coralline e cene sulla spiaggia resteranno comunque delle solide costanti anche quest’anno. Così come l’avvenenza dei protagonisti. D’altronde, la tentazione passa da pettorali incisi sul marmo e mastoplastiche additive da sfoggiare. E ce n’è per tutti i gusti e le etnie.

Tutti i partecipanti, anche quest’anno, sono sulla ventina e provengono da ogni parte del mondo, Europa inclusa. Vedremo bellezze da Francia, Usa ma anche Nuova Zelanda e Canada. La produzione li ha reclutati “in segreto” facendogli credere di partecipare a un altro show simile chiamato Parties in Paradise. Giusto per darvi un'idea del livello di figaggine, ecco gli standard dello scorso anno:

La conduttrice è un robot

Tutti i concorrenti rispondono a una sorta di Alexa che, in modo molto irriverente, sentenzia e commenta ciò che accade. L’ironia esplicitata che prende in giro lo stesso programma è uno dei punti forti dello show.

Anche quest’anno, la voce in lingua originale è quella di Desiree Burch, una comica americana, mentre in Italia è doppiata da Beatrice Gaggiula.

Più episodi e doppio rinnovo

Rispetto agli 8 episodi lanciati da Netflix per la prima stagione (il nono era una sorta di reunion), quest’anno se ne aggiungono due. Le dieci puntate di Too Hot Too Handle 2 debutteranno il 23 giugno e avranno durata variabile compresa tra i 30 e i 40 minuti.

Too Hot Too Handle è stato già rinnovato anche per una terza stagione: Netflix non vuole farsi scappare questo successo planetario. Too Hot Too Handle è diventato lo show più visto di Netflix (dallo scorso 4 marzo allo scorso 20 settembre) in Usa, Brasile, Uk, Germania, Francia, India, Malesia, Giappone, Corea e pure Italia. Da Occidente a Oriente, superando in quest’ultimo caso anche successi blockbuster come La Casa di Carta e The Umbrella Academy. Un reality che ha ridefinito l’offerta in tal senso di Netflix generando entusiasmi ai piani alti. Il co-CEO di Netflix, Ted Sarandos, ha definito lo show “il più grande di sempre”.

La vincitrice dello scorso anno ha fatto The Circle

Chloe Veitch, la vincitrice della passata edizione, è rimasta in casa Netflix, che l’ha ricollocata nella nuova stagione di The Circle, altro reality bandiera del colosso. D’altronde un personaggio del genere (bella, svampita, con un marcatissimo accento dell’Essex, un’enorme autostima e molta ironia) non poteva che funzionare alla grande in questo genere di racconto.

NetflixChloe, la vincitrice di Too hot too handel, in The Circle
Chloe in The Circle

Lo scorso anno c’è stato un amore da 32mila dollari

Se Chloe ha vinto, restano nella storia i concorrenti Francesca e Harry, che con le loro effusioni hanno tolto al gruppo 32mila dollari.

I due però hanno continuato a frequentarsi anche dopo la fine delle riprese. Francesca a ET Online aveva confessato di volersi trasferire a Los Angeles da Harry (lei è di Vancouver) dopo la fine della pandemia, ed Harry aveva addirittura ammesso di volerla sposare. Le cose poi sono cambiate drasticamente. I due si sono lasciati e pare che adesso Francesca stia con la superstar Diplo.

Leggi anche

      Cerca