Sebastian Stan era molto preoccupato dai combattimenti con Chadwick Boseman in Civil War

Sul set di Civil War Chadwick Boseman ha messo in seria difficoltà il collega Sebastian Stan durante le scene di combattimento. L'interprete di Bucky ha raccontato il suo rapporto con il collega scomparso.

Marvel Studios Black Panther e Winter Soldier si affrontano

Le scene di combattimento contro Chadwick Boseman hanno molto impensierito Sebastian Stan nel 2016, durante la lavorazione di Captain America: Civil War. A rivelarlo è stato l'attore che interpreta Bucky Barnes in una recente intervista, in cui ha raccontato il suo rapporto umano e lavorativo con Chadwick Boseman.

Nel 2016 il personaggio di Black Panther era una new entry dell'universo Marvel. Nei panni del villain sulla via della redenzione Winter Soldier, Stan non aveva ancora avuto modo di familiarizzare con il collega prima del set di Civil War. L'impatto in sala prove tra i due però è stato fonte di preoccupazione per l'attore di origini rumene, tanto che Stan ha rivelato di essere stato "terrorizzato" dalle scene di combattimento coreografato che lo aspettavano sul set.

Nella parte centrale della pellicola infatti il team di ribelli di Captain America (di cui fa parte anche Winter Soldier) si ritrova a fronteggiare il gruppo di supereroi ligi al dovere (e alla legge) capitanato da Iron Man. In quest'ultimo gruppo si trova proprio Black Panther, che quindi ingaggia un breve scontro con Winter Soldier, sfoderando (letteralmente) gli artigli. A salvare Bucky dalla furia di Black Panther sarà Scarlet Witch con la sua magia. 

Girare la scene di combattimento con Boseman? Terrorizzante

Nonostante Sebastian Stan avesse già accumulato una discreta esperienza in fatto di allenamenti, combattimenti corpo a corpo e scontri coreografati, recitare a livello fisico a fianco di Boseman si è rivelato molto impegnativo. L'attore afroamericano infatti in gioventù aveva studiato arti marziali e quindi dal punto di vista fisico era molto preparato e prestante, ancor prima di sottoporsi agli allenamenti per la parte di T'Challa. A fare la differenza, secondo Stan e gli altri colleghi, era però l'attitudine mentale dell'attore candidato all'Oscar per Ma Rainey's Black Bottom

C'era così tanta partecipazione e concentrazione in ogni cosa facesse. Era pazzesco. Abbiamo girato insieme molte di queste sequenze di combattimento e mi ricordo il terrore che provavo nell'affrontarle insieme a lui. Ci battevamo. Ci battevamo davvero. 

La bellicosità però finiva subito dopo lo stop della cinepresa. Stan ha raccontato che lui e Boseman si scambiavano un pugno contro pugno dopo ogni ciak, arrivando a sviluppare un rapporto molto amichevole. Una connessione poi sviluppatasi anche nel MCU. Infatti sarà Black Panther ad offrirsi di ospitare Winter Soldier a Wakanda, assicurando a Steve che con la tecnologia del suo popolo farà tutto il possibile per "deprogrammare" il Soldato d'Inverno e restituirgli il suo libero arbitrio. Retroscena poi mostrato nel dettaglio nella serie The Falcon and the Winter Soldier. 

Marvel StudiosUn primo piano di Black Panther
Black Panther in Civil War è un avversario formidabile anche per Winter Soldier

Riguardo al rapporto tra T'Challa e Bucky però non potremo scoprire di più da loro interazioni sullo schermo. La morte di Boseman ha colto tutti di sorpresa, compreso Sebastian Stan. Come molti colleghi e fan, l'attore fatica ancor oggi a credere al fatto che Boseman non farà più parte dell'universo Marvel, di Hollywood e della sua cerchia di amicizie: 

Ho speso un po' di tempo con lui e ci prendevamo in giro a vicenda durante i tour promozionali, ridevamo molto. Era stupendo. Nella mia testa ho sempre sperato che ci fosse l'opportunità di farlo di nuovo. Per me è incredibile pensare di far parte di questo mondo senza di lui. Non riesco nemmeno a concepirlo per davvero nella mia mente. 

Leggi anche

      Cerca