Storica decisione per Spielberg: Amblin produrrà film per Netflix

Steven Spielberg ha saltato il fosso. La compagnia del regista, la Amblin Partners, ha siglato uno storico accordo con Netflix per produrre film per il servizio di streaming. La collaborazione si affianca a quella già esistente con Universal Pictures.

Gage Skidmore from Peoria, AZ, United States of America Steven Spielberg

I tempi cambiano e dopo la pandemia il mondo è di sicuro diverso, anche quello del cinema e dell'intrattenimento. Ma la notizia che la Amblin Partners di Steven Spielberg produrrà film per Netflix è senza dubbio sorprendente (a dire poco).

Come scrive Variety, la compagnia del regista realizzerà almeno un paio di pellicole all'anno per un numero imprecisato di anni per la grande "N" rossa e Spielberg probabilmente ne dirigerà qualcuna. Da parte sua, il servizio di streaming finanzierà alcuni progetti. A quanto pare, l'accordo non prevede requisiti di budget e di genere per i film e per ogni singolo caso sarà valutata l'eventualità di una distribuzione "mista" al cinema.

Dick Thomas Johnson from Tokyo, JapanSteven Spielberg e l'accordo con Netflix
La Amblin Partners di Steven Spielberg ha sottoscritto uno storico accordo con Netflix

Ma perché la notizia ha suscitato tanto clamore? Le collaborazioni tra i grandi registi e Netflix (come altri streamer) sono ormai una realtà, basti pensare ad Alfonso Cuarón, Martin Scorsese e Spike Lee che con la grande "N" rossa hanno realizzato Roma, The Irishman e Da 5 Bloods - Come fratelli. Oppure ai fratelli Russo, che stanno girando The Gray Man. Per non parlare di David Fincher, che ha stretto un accordo pluriennale con la compagnia di Reed Hastings. La stessa Amblin Partners ha già lavorato con Netflix per Il processo ai Chicago 7 e attualmente sta collaborando con la piattaforma a Maestro, il biopic di Leonard Bernstein scritto, diretto e interpretato da Bradley Cooper.

Tuttavia, la storia e il peso di Steven Spielberg spostano di molto (moltissimo) verso l'alto l'asticella. Variety definisce il regista uno dei "più leggendari del mondo del cinema" e osserva che Netflix ha piazzato un colpo di enorme portata in un mercato sempre più agguerrito. E poi c'è il fatto che a febbraio 2019 Spielberg ha dato battaglia per impedire alla grande "N" rossa di partecipare agli Oscar. In realtà, fonti vicine al regista negano che abbia mai cercato di escludere Netflix dai premi dell'Academy. Lo stesso Spielberg è intervenuto sulla questione in una intervista al New York Times e ha chiuso la polemica (?) con una dichiarazione "ecumenica":

Grande schermo, piccolo schermo: ciò che conta davvero per me è una grande storia e tutti dovrebbero avere accesso alle grandi storie.

Universal PicturesJurassic World: Dominion di Universal Pictures
Jurassic World: Dominion fa parte dell'accordo tra Amblin Partners e Universal Pictures

L'accordo tra Amblin Partners e Netflix va ad affiancarsi a quello tra la compagnia del regista e Universal Pictures. Come scrive Deadline, né il servizio di streaming né la major avranno diritto di prelazione sulle proprietà di Amblin e quest'ultima realizzerà di pari passo film per l'uno e l'altra. Nel paniere della compagnia di Spielberg e di Universal ci sono i film premio Oscar Green Book e 1917, mentre tra quelli di prossima uscita c'è (l'attesissimo) Jurassic World: Dominion

I nuovi progetti di Amblin comprendono anche Stillwater, che sarà presentato a Cannes, e una pellicola liberamente ispirata alla vita del regista. Al momento, quest'ultima non ha un distributore, ma Deadline scrive che il film non dovrebbe diventare motivo di attrito tra Universal Pictures e Netflix e dovrebbe andare incontro a una distribuzione tradizionale al cinema attraverso la major.

Steven Spielberg ha commentato lo storico accordo dichiarando che in Amblin "la narrazione sarà sempre al centro di ogni cosa" e che la collaborazione con Netflix rappresenta una "incredibile opportunità di raccontare nuove storie insieme e raggiungere il pubblico in modi nuovi". Da parte sua, il co-CEO di Netflix, Ted Sarandos, ha affermato che il regista è un "leader visionario e creativo" e che non vede l'ora di lavorare con l'uomo che ha segnato la sua infanzia e la sua adolescenza con "personaggi memorabili" e "storie che lasciano il segno, ispiratrici e che risvegliano le coscienze".

Leggi anche

      Cerca