Post Mortem - Nessuno muore a Skarnes: tutto ciò che devi sapere sulla comedy vampirica Netflix

L'horror sanguinolento e il tipico "norsk humor" sono gli ingredienti della serie norvegese in arrivo sulla piattaforma: ecco quello che bisogna conoscere prima di mettersi alla visione.

Netflix Kathrine Thorborg Johansen in una scena della serie Post Mortem - Nessuno muore a Skarnes

Post Mortem - Nessuno muore a Skarnes è una delle serie TV più attese dell'estate, una surreale commedia nera sui vampiri che debutta su Netflix il 25 agosto 2021. La serie norvegese declina in modo curioso e grottesco l'epica dei signori della notte: raccontando la storia personale ed ereditaria di una giovane succhiasangue con il tipico "norsk humor", un po' surreale e un po' demenziale.

Ci sarà tanto da ridere con Post Mortem - Nessuno muore a Skarnes (in fondo l'horror è un genere che non va sempre preso troppo sul serio) ma anche parecchio da pensare: l'orrore si nasconde spesso nella provincia più tranquilla e in famiglia, non necessariamente disfunzionale. Ecco tutto quello che c'è da sapere su questa dark comedy scandinava perfetta per rinfrescare le torride giornate estive.

La trama

Live Hallangen vive a Skarnes, paesino di duemila anime della Norvegia meridionale nella municipalità di Sør-Odal, contea di Innlandet. Il fratello Odd porta avanti non senza difficoltà l'agenzia di pompe funebri di famiglia: a Skarnes si fa una vita sana e non ci sono abbastanza persone che muoiono.

Un giorno, due uomini che stanno facendo jogging trovano il cadavere di Live in un campo vicino a un fienile. La donna è morta, forse uccisa brutalmente. Dichiarata deceduta dal medico legale, Live si risveglia all'improvviso mentre è ancora riversa sul tavolo per le autopsie dell'obitorio. Da quella giornata, presenta strani sintomi: la notte non dorme più, i sensi hanno iniziato a farle brutti scherzi, riesce a sentire le pulsazioni della gente, ha una forza spaventosa e soprattutto un'irresistibile e insaziabile sete di sangue.

Questo ritrovato impulso, tuttavia, potrebbe rivelarsi vantaggioso per l'impresa di famiglia in piena crisi e risolvere i problemi economici di suo fratello. Quando un'agghiacciante catena di delitti scuote la placida serenità di Skarnes, la poliziotta Judith sospetta subito di lei. Indagando sulle radici di ciò che le è accaduto, riconducibili al passato di sua madre e ai legami (di sangue) degli Hallangen, Live deve imparare a controllare la sua nuova natura oscura e decidere se è disposta a sacrificare le vite degli altri per la sopravvivenza di se stessa e dei suoi cari.

NetflixElias Holmen Sørensen in una scena della serie Netflix Post Mortem - Nessuno muore a Skarnes
Odd e Live, i fratelli Hallangen

Il cast

La protagonista Live Hallangen è interpretata da Kathrine Thorborg Johansen, volto noto agli abbonati Netflix per il personaggio di Ida nella serie Ragnarok.

Classe 1989, Thorborg Johansen ha studiato alla Oslo National Academy of the Arts e ha recitato per anni al Trøndelag Theatre prima di affermarsi al cinema grazie al catastrofico The Quake - Il terremoto del secolo e al dramma di coppia Oslo: Copenhagen.

Tra gli altri attori, spiccano Elias Holmen Sørensen (visto nella saga fantasy di Askeladden) e la cantante e performer Kim Fairchild, la "Tina Turner norvegese": ecco il cast principale della serie e i rispettivi personaggi.

  • Kathrine Thorborg Johansen: Live Hallangen
  • Elias Holmen Sørensen: Odd, il fratello di Live
  • Kim Fairchild: la poliziotta Judith
  • André Sørum: il poliziotto Reinert
  • Sara Khorami: Rose
  • Øystein Røger: Arvid
NetflixUna scena della serie TV Netflix Post Mortem - Nessuno muore a Skarnes
L'agenzia di pompe funebri della famiglia Hallangen

I creatori

Post Mortem è una creazione di Petter Holmsen, regista pubblicitario e di cortometraggi passato al cinema con Fjolls til Fjells, il reboot/sequel dell'omonima commedia diretta da Edith Carlmar nel 1957 e considerato uno dei film norvegesi più popolari di tutti i tempi.

Prodotta da Espen Horn e Kristian Strand Sinkerud, Post Mortem è la terza collaborazione consecutiva tra Netflix e Motion Blur, la società di Oslo che ha realizzato Kadaver, Viaggio ai confini della terra, Caccia al 12° uomo e Oljefondet. La partnership proseguirà nel 2022 con Troll, fantasy sulle longeve creature del folklore affidato a Roar Uthaug, il regista di Tomb Raider con Alicia Vikander.

La regia dei 6 episodi della prima stagione di Post Mortem è di Holmsen e Harald Zwart, il regista rodato da Hollywood con Un corpo da reato, The Karate Kid - La leggenda continua e Shadowhunters - Città di ossa e tornato in patria per l'acclamato Caccia al 12° uomo, war movie sulla Resistenza norvegese durante la Seconda guerra mondiale.

Holmsen e Zwart hanno scritto insieme la serie Oljefondet, dramedy politico sui dietro le quinte degli investitori che lavorano al Fondo pensioni norvegese, chiamato affettuosamente "Oljefondet" perché finanziato dall'enorme quantità di entrate fiscali dell'industria petrolifera e del gas.

L'idea di Post Mortem - Nessuno muore a Skarnes è scaturita dalle menti bizzarre e creative dei due proprio sul set di Oljefondet. Stavolta la coppia si è tuffata sul soprannaturale e su toni dark e inquietanti, trasformando la sonnolenta provincia norvegese, fatta di fitti boschi e foreste, in un sinistro covo di vampiri, morti inesplicabili e apparizioni raccapriccianti. Il resto lo fanno gli effetti speciali di OPC Megaphon: per chi ama la doppia anima horror e humor nero come in Bloodride, una garanzia.

Leggi anche

      Cerca