Donnie Darko: le curiosità, la colonna sonora e molto altro

L'influenza del'11 settembre, l'abbigliamento anni '80 di Patrick Swayze, l'intervento di Christopher Nolan e tanto altro: ecco le più interessanti curiosità sul film cult di Richard Kelly.

Newmarket Films Jake Gyllenhaal e Drew Barrymore

Nel gennaio del 2001 il giovane esordiente regista Richard Kelly presentò il suo film Donnie Darko al Sundance Film Festival.
Donnie Darko fu apprezzato dagli addetti ai lavori, ma ben pochi sapevano come inquadrare a livello commerciale quello che di fatto era un film complesso e di non facile comprensione. Era un drama? Un film di fantascienza? Un thriller/horror? Insomma da quello che Richard Kelly ha raccontato in varie interviste (come quella a IndieWire per esempio) non fu certo facile dare a Donnie Darko una distribuzione cinematografica.
Tanto è vero che inizialmente il film doveva uscire su supporto per l'Home Video o direttamente in televisione. Poi però, il 26 ottobre 2001, Donnie Darko arrivò nei cinema e... fu un flop!

Secondo una teoria diffusa il fatto che nel film precipitasse un areo e che una parte di questo si schiantasse sulla casa del protagonista urtava i sentimenti degli americani, che avevano da poco vissuto l'11 settembre. Questo e la complessità del film avrebbero decretato il flop al botteghino.
Ciò che ha reso Donnie Darko un vero e proprio cult è stato il passaparola di quei pochi che avevano visto il film e che continuavano a discutere della sua spiegazione.

Curiosità

  1. La realizzazione di Donnie Darko si deve all'interesse di Drew Barrymore. L'attrice, tramite la sua casa di produzione Flower Films, decise di finanziare il film con 4.5 milioni di dollari e, ovviamente, accettò di recitare nel film come l'insegnante Karen Pomeroy
  2. Per il ruolo principale, prima di Jake Gyllenhaal, furono considerati Vince Vaughn, Mark Wahlberg, Patrick Fugit, Lucas Black e Jason Schwartzman. Quest'ultimo era stato preso ma poi, a poco dall'inizio delle riprese, sostituito perché gli impegni della produzione e quelli dell'attore non combaciavano
  3. Seth Rogen è alla sua prima apparizione in un lungometraggio cinematografico. In Donnie Darko interpreta il bullo Ricky Danforth
  4. Il film è ambientato nel 1988. Sul set Patrick Swayze (nel ruolo di Jim Cunningham) ha di avere ancora il fisico di un tempo indossando gli abiti degli anni '80 che ancora conservava
  5. È stata una idea di Jake Gyllenhaal quella di inserire nel cast sua sorella Maggie
  6. La produzione contestava al regista il fatto che un motore potesse cadere su una casa in città. Tutti erano d'accordo che la situazione sarebbe stata poco credibile dato che un motore, qualora si fosse staccato dall'aereo, sarebbe caduto nell'Oceano. Ebbene, a poche ore da quella discussione il 27 agosto 2000, come se fosse destino, un Boeing 747 fece un atterraggio di emergenza a Los Angeles dopo che uno dei motori si staccò e cadde su una spiaggia
  7. Nel film appare scritta sulla lavagna della classe di Donnie la parola "Cellar Door". Il protagonista incuriosito chiede alla sua insegnate che cosa rappresenta quella parola. Il personaggio interpretato da Drew Barrymore spiega che un famoso linguista scrisse che tra tutte le parole utilizzate nella storia Cella Door era la più bella. Ebbene quel famoso linguista è il celebre autore de Il Signore degli Anelli J.R.R. Tolkien. Il professore inglese affermò ciò nel suo scritto del 1955 dal titolo English and Welsh
  8. Jolene Purdy - che nel film interpreta l'asiatica Cherita Chen - ha dichiarato che ai tempi delle riprese non aveva mai baciato un ragazzo. Di conseguenza sul set di Donnie Darko Purdy non voleva girare la scena in cui veniva baciata. A convincerla fu la sua stessa madre
  9. Da quello che ha raccontato il regista Kelly a EW, l'idea del coniglio Frank gli venne a seguito di un suo sogno. Kelly disse anche che dovette lottare per avere nel film un coniglio che faceva paura. In molti, infatti, lo avevano immaginato come un coniglio di Pasqua
  10. Il regista Christopher Nolan ha assistito a una proiezione privata del film quando ancora la produzione non aveva trovato un distributore per le sale. Dopo la proiezione il regista era entusiasta del film e invitò i dirigenti della casa di distribuzione Newmarket Films a portare Donnie Darko al cinema

La colonna sonora

La colonna sonora di Donnie Darko è stata composta da Michael Andrews. A impreziosire le tracce del compositore ci sono 3 brani degli anni '80 che hanno contribuito a rendere cult il film. 

La prima è la scena dell'apertura del film con "The Killing Moon" di Echo and the Bunnymen e quella della danza della sorella minore di Donnie ambientata a scuola.

Per il gruppo Sparkle Motion la curiosità è che il brano d'accompagnamento doveva essere "West End Girls" dei Pet Shop Boys ma per la produzione i diritti di questo brano erano troppo costosi. Così si scelse di coreografare la sequenza con Notorius dei Duran Duran.

Secondo il racconto del produttore Tom Hayslip una delle canzoni più difficili da ottenere per la colonna sonora di Donnie Darko è stata Head Over Heels dei Tears for Fears. Questo brano era fortemente voluto da Drew Barrymore.

La terza indimenticabile sequenza è ovviamente quella del finale segnata dalla canzone "Mad World", che è stata riarrangiata dal cantautore statunitense Gary Jules per essere più in linea con la fine del film. Il brano originale è del 1982 a firma dei Tears for Fears.

La Director's cut

Questa edizione speciale del film uscì negli Stati Uniti nel maggio del 2004 dopo essere stata presentata in un numero limitato di cinema americani (facendo il tutto esaurito) nel 2003.

La Director's cut ha 20 minuti in più della versione cinematografica, una colonna sonora diversa (ampliata) e nuovi effetti visivi. Questa versione risulta meno criptica del film originale poiché introduce più concetti legati ai viaggi nel tempo.

Recentemente lo studio Midnight Factory ha realizzato un cofanetto contenente sia la versione cinematografica che la versione Director's cut. Inoltre questa edizione ha molti contenuti speciali e documentari sulla realizzazione del film:

Koch Media Donnie Darko (Box Set) (3 Blu Ray)
Koch Media

Donnie Darko (Box Set) (3 Blu Ray)

43,99 €

Il sequel S. Darko ambientato 7 anni dopo la fine del primo film è diretto da Chris Fisher e segue la storia della sorella minore di Donnie ossia Samantha. Richard Kelly si è sempre dissociato dal progetto.

Molte delle curiosità riportate in questo articolo provengono da una recente intervista del sito The Ringer realizzata con il cast, il regista e i produttori di Donnie Darko.

NoSpoiler seleziona in modo indipendente i gadget e servizi che ti proponiamo in queste pagine e potrebbe ricevere una piccola quota (senza costi aggiuntivi per te) nel caso di acquisto tramite i link proposti.

Leggi anche

      Cerca