The Witcher 2: emergono nuovi dettagli sul primo episodio

Il primo episodio della seconda stagione di The Witcher sarà un adattamento del racconto Un briciolo di verità, di Andrzej Sapkowski. Ecco cosa c'è da sapere sul prosieguo delle avventure di Geralt e Ciri.

Netflix Henry Cavill è il protagonista di The Witcher, Geralt di Rivia

Lauren Schmidt Hissrich, sceneggiatrice di The Witcher per Netflix, ha rivelato interessanti dettagli sulla premiere della seconda stagione dello show.

L'episodio, dal titolo “A Grain of Truth”, si baserà su uno dei racconti di Andrzej Sapkowski, autore della saga di Geralt di Rivia.

In particolare, l'episodio adatterà per il piccolo schermo il terzo dei racconti contenuti ne Il guardiano degli innocenti, intitolato “Un briciolo di verità”.

In questo senso la seconda stagione non sarà molto diversa dalla prima. Con gli episodi della stagione 1 Hissrich aveva già mostrato particolare interesse per la raccolta antologica di Sapkowski.

L'episodio pilota di The Witcher, per esempio, è ispirato al racconto “Il male minore”, nel quale lo Strigo fa la conoscenza di Renfri.

Se la storia di Renfri è una rivisitazione in chiave dark della fiaba di Biancaneve e i sette nani, “Un briciolo di verità” ripensa la vicenda de La bella e la bestia guardandola da una prospettiva nuova, completamente diversa.

NetflixRenfri e Geralt in The Witcher
Renfri e Geralt nell'episodio pilota di The Witcher

È proprio questo il racconto che vedremo nel primo episodio della stagione 2 di The Witcher. A rivelarlo è stata proprio la sceneggiatrice della serie in una video intervista condivisa via Twitter dall'account Netflix Geeked.

Il primo episodio della seconda stagione di The Witcher sarà una trasposizione di “Un briciolo di verità”. Conclusa la prima stagione pensavo che avessimo perso la nostra occasione di adattare tutti i racconti. Invece siamo stati in grado di farlo inserendo anche Ciri nella storia.

Secondo Lauren Schmidt Hissrich, la storia di Nivellen, protagonista del racconto, ben si adatta ai temi che la seconda stagione si appresta ad affrontare e farà da specchio alla vicenda di Geralt e Cirilla.

È la storia di un padre e una figlia che si trovano in un luogo che non li fa sentire al sicuro. Naturalmente ci focalizzeremo su Nivellen, interpretato dall'incomparabile Kristofer Hivju. Esploreremo il suo personaggio in parallelo a quello di Geralt. È l'inizio perfetto per la seconda stagione perché il suo focus è la famiglia. Parla dei segreti che nascondiamo e dei mostri che vivono dentro di noi.

“Un briciolo di verità” racconta di Nivellen, leader di una spietata banda di criminali che, scioccamente, tenta di saccheggiare un tempio dedicato al culto del Ragno Leonino e stuprare la sua giovane sacerdotessa.

Come punizione per le sue vili azioni, Nivellen viene maledetto dalla fanciulla, trasformato in un mostro in modo che il suo aspetto esteriore rifletta quello interiore.

Come la Bestia del più classico racconto, Nivellen deve trovare qualcuno che lo ami, ma nessuna donna sembra riuscire ad amare il mostro che è diventato.

Tutto cambia quando incontra Vereena, una pericolosa vampira che riesce a spezzare la maledizione.

Hissrich ha però sottolineato l'importanza di tematiche come la famiglia e “dei mostri che vivono in noi”, lasciando trasparire che, nell'adattare “Un briciolo di verità”, The Witcher potrebbe prendersi delle libertà.

Non è una vera sorpresa, a ben pensarci. Secondo quanto sappiamo finora, la seconda stagione di The Witcher indagherà a fondo il rapporto tra Geralt e Ciri e tornerà sul significato di mostruosità già affrontato nella prima stagione. Probabilmente, attraverso la figura di Nivellen, Hissrich domanderà ai suoi spettatori: cosa vuol dire essere una bestia?

Leggi anche

      Cerca