Come finisce Svaniti nel nulla: la spiegazione e le domande senza risposta

Il passato ritorna. Sempre. Almeno, così accade nei romanzi di Harlan Coben e Svaniti nel nulla non fa eccezione. La miniserie Netflix dall'omonimo libro intreccia molte storie e arriva a un finale che lascia più di un dubbio e varie domande in sospeso.

Netflix Il protagonista di Svaniti nel nulla

Il passato che torna è uno dei temi ricorrenti dell'opera di Harlan Coben e Svaniti nel nulla (Gone for Good) non fa eccezione. Di solito, il risultato è una storia a scatole cinesi che salta avanti e indietro nel tempo tessendo una trama che avviluppa il lettore o lo spettatore in un intreccio sempre più complesso e pieno di colpi di scena. Fino all'ultima rivelazione.

L'adattamento francese del romanzo con lo stesso titolo del maestro del thriller segue il canovaccio, ma la tensione fatica a crescere e i plot twist sono ben poco sorprendenti. La miniserie Netflix non riesce a essere avvincente e si trascina verso una conclusione che si consuma senza grandi scossoni e lascia parecchie questioni in sospeso.

Se dopo avere visto i 5 episodi di Svaniti nel nulla siete confusi e provate un senso di incompiutezza, qui trovate la spiegazione del finale e le domande senza risposta.

La trama di Svaniti nel nulla

Nizza, 2010. Guillaume Lucchesi è ancora innamorato della ex fidanzata, Sonia. I due abitano vicino e il giovane non riesce a dimenticarla, nonostante suo fratello Frederic (detto "Fred") lo sproni a voltare pagina. Alla fine è il destino a costringere Guillaume a dire addio (drammaticamente) a Sonia. 

Una sera, il giovane sente della grida e poi degli spari. Guillaume corre verso la casa della ex fidanzata e incontra un uomo calvo con una pistola che insegue suo fratello. Lo sconosciuto raggiunge Fred su una scogliera e gli spara facendolo precipitare in mare, mentre Guillaume trova Sonia morta in piscina e la sorellina Inès che osserva il suo corpo in trance. 

10 anni dopo, Guillaume è sceso a patti con il dolore di avere perso nella stessa notte le due persone che amava di più (perché Fred è stato dato per morto). Il giovane è diventato un assistente sociale e ha una relazione con una collega, Judith Conti.

La morte della madre riapre dolorose ferite, ma Guillaume è deciso ad andare avanti e chiede alla fidanzata di sposarlo. Judith gli risponde in maniera enigmatica e poi sparisce nel nulla. Il giovane si mette a cercarla insieme al suo capo, Daco, e finisce con il venire a conoscenza di una serie di verità sconcertanti non solo su Judith, ma anche su Fred.

Il romanzo Svaniti nel nulla su cui è basata la miniserie Netflix Coben, Harlan Svaniti nel nulla
Il romanzo Svaniti nel nulla su cui è basata la miniserie Netflix
Coben, Harlan

Svaniti nel nulla

14,10 €

La madre aveva assunto un investigatore per indagare sulla scomparsa del figlio e il detective ha scoperto che Fred è vivo e conduce una vita clandestina. Guillaume è scioccato, ma quello che gli preme è trovare Judith. Così chiede all'investigatore di fare una ricerca per lui e viene a sapere che la fidanzata si prostituiva.

La pista di Judith finisce con il portare a galla la sconcertante rivelazione che la donna conosce il fratello di Guillaume e... non è chi dice di essere. La "finta" Judith si chiama Nora e la sua storia inizia molto lontano dai fratelli Lucchesi. Invece, la vera Judith Conti è la compagna di Fred e viene brutalmente uccisa quando la coppia fa ritorno in Francia con la figlia avuta 10 anni prima, Alice.

A dare la caccia in maniera implacabile a Fred sono i suoi vecchi soci, Kesler e Jo Ostertag. I tre avevano organizzato un fiorente traffico di droga, fino a che qualcosa è andato storto e il passato è tornato a esigere i debiti mai saldati...

Il finale di Svaniti nel nulla

Il bandolo della matassa è la notte della morte di Sonia. Nel 2010, Fred viene scoperto dalla polizia e stringe un accordo per consegnare Kesler e Jo Ostertag in cambio dell'immunità. La sera dell'omicidio della giovane, l'uomo va da lei per convincerla ad aiutarlo a incastrare i due (ex) soci. Sonia ha fatto da corriere della droga per i tre e Fred la ricatta dicendo che se vuole uscirne pulita deve collaborare con lui.

Ma la ragazza esita e a quel punto Fred capisce che è innamorata (ricambiata) di Jo Ostertag. Fuori di sé dalla rabbia, l'uomo la aggredisce e la strangola:

Hai giocato e hai perso.

Tuttavia, Sonia riesce a chiamare Jo Ostertag prima di morire. L'uomo si precipita armato a casa della giovane, ma quando arriva la trova senza vita e spara un primo colpo contro Fred.

Guillaume sopraggiunge in quel momento e pensa che Jo Ostertag sia il responsabile della morte di Sonia e poi di suo fratello. Ma Fred sopravvive al confronto sulla scogliera. L'uomo cade in mare ferito e in qualche modo riesce a tornare a riva. Raggiunge la sua fidanzata (incinta), la "vera" Judith, e scappa con lei lasciando credere di essere morto.

Magali Bragard/NetflixSvaniti nel nulla: Guillaume
Il mondo di Guillaume va in pezzi quando la fidanzata scompare e scopre che il fratello creduto morto è vivo

Quando scoprono che Fred è vivo, Kesler e Jo Ostertag iniziano a dargli la caccia per vendicarsi. Ma per ragioni diverse. Kesler perché è stato tradito e ha rischiato di perdere il suo impero criminale. Jo Ostertag per amore.

Kesler trova la "vera" Judith e la fa picchiare a morte dai suoi scagnozzi (che a loro volta sono uccisi da Fred), nel mentre incarica Jo Ostertag di seguire Guillaume nella convinzione che li condurrà dal fratello. Per questo e probabilmente perché non ha mai avuto nulla contro il giovane (il quale, anzi, ha sofferto come lui per Sonia), Jo Ostertag minaccia Guillaume senza mai fargli del male e aiuta lui e Daco quando si trovano nei guai nella sede della France Sécurité.

Fred continua a fuggire, ma alla fine decide di affrontare gli ex soci. Probabilmente per vendicare Judith e proteggere Alice, di certo per seppellire il passato una volta per tutte (ed essere libero senza scomodi testimoni).

Così, quando Kesler e Jo Ostertag rapiscono la fidanzata di Guillaume, la "finta" Judith, Fred si rifà vivo con il fratello e gli offre il suo aiuto per liberare la giovane. All'incontro organizzato nel lussuoso autosalone di Kesler, Fred uccide l'ex socio a bruciapelo. Ma manca Jo Ostertag, che scatena una violenta sparatoria. Fred rimane ferito ed è salvato da Guillaume, che punta un mitra contro Jo Ostertag.

Il criminale getta la sua arma, ma pianta in Guillaume il seme del dubbio sulla sorte di Sonia. E il giovane capisce che dice la verità quando suo fratello si rivolge all'ex socio esclamando:

Hai giocato e hai perso.

La frase pronunciata dall'assassino di Sonia. La frase udita da Inès, che l'ha riportata a Guillaume.

Magali Bragard/NetflixSvaniti nel nulla: Fred e Guillaume
Fred offre il suo aiuto a Guillaume per liberare Nora, ma cosa vuole davvero?

A quel punto, Fred ammette la sua colpa. Ma ne getta una parte sul fratello. L'uomo dichiara di essere diventato quello che è a causa della pressione intollerabile esercitata dal padre su di lui e accusa Guillaume di "aver chiuso gli occhi ed essersi tappato le orecchie" di fronte alla violenza fisica e psicologica del genitore.

Il dolore di una verità a lungo sepolta travolge Guillaume, ma non gli impedisce (ancora una volta) di fare la cosa giusta. Una cosa giusta che macchia per sempre la sua anima "candida". Quando Fred punta l'arma contro Jo Ostertag per ucciderlo, il fratello gli urla di non farlo. E quando Fred non lo ascolta, gli spara e lo ferisce a morte.

Jo Ostertag scappa e Guillaume e la sua fidanzata rimangono a spiegare la carneficina alla polizia. Evidentemente, alla fine tutto si risolve, perché Nora va a prendere Alice dal "posto sicuro" dove l'ha lasciata Fred e la porta a conoscere Guillaume per costruire quella che sembra una nuova famiglia.

Ma l'happy ending è solo apparente. Guillaume ha scelto di vivere (?) con una donna che gli ha mentito per due anni. Ma soprattutto, ha ucciso il proprio fratello, che altri non è che il padre della bambina che ha adottato (a quanto sembra). Inoltre, Fred è diventato un criminale e un assassino probabilmente anche per causa sua. E ultimo dei paradossi, se il fratello non avesse salvato Nora (dal marito violento e dalla vendetta di Kesler), Guillaume sarebbe solo.

I concetti di "innocenza" e di "colpa" in Svaniti nel nulla si muovono su un confine molto sottile e sono indissolubilmente legati...

La storia di Fred, Judith e Nora

A dare inizio alla catena di eventi di Svaniti nel nulla è Fred. Ma da molto prima dell'omicidio di Sonia. Il padre si aspettava molto, troppo, da lui e ha finito per spingere il figlio maggiore a ribellarsi e imboccare una strada di (auto)distruzione. 

Fred inizia a spacciare con Kesler quando fa le superiori. I due coinvolgono nei loro traffici l'emarginato Jo Ostertag e proprio una distorta e malata dimostrazione di "amicizia" e "lealtà" nei confronti dello sfortunato ragazzino porta Fred a commettere un omicidio.

L'intervento del ricco e potente padre permette al giovane di evitare il carcere, ma rende ancora più pieno di odio e violenza il rapporto tra lui e il genitore. Alla fine, Fred si ribella completamente al padre e mette in piedi un'organizzazione dedita allo spaccio di droga con Kesler e Jo Ostertag.

Nel mentre, il giovane si innamora di una prostituta di nome Judith Conti e la mette incinta. Ma le cose iniziano ad andare male. La polizia lo scopre e lo arresta e Fred vende i suoi soci in cambio dell'immunità. Solo che Sonia manda all'aria i suoi piani. Così, quando Jo Ostertag gli spara, l'uomo lascia credere di essere morto e scappa con Judith (facendo infuriare il protettore della giovane, Louis Menighetti).

Magali Bragard/NetflixSvaniti nel nulla: Nora
La Judith di Guillaume in realtà si chiama Nora ed è una donna in fuga da un marito violento

I due iniziano una vita clandestina con la figlia, Alice, e incontrano Nora in Italia. La futura fidanzata di Guillaume è in fuga da un marito violento e finisce con il fare amicizia con la coppia e la bambina. Il bizzarro rapporto continua fino a che l'uomo rintraccia Nora e cerca di aggredirla. L'intervento di Fred scongiura il peggio per la donna, ma costa la vita al marito.

In qualche modo, Fred e Nora si liberano del corpo e l'uomo dà alla donna i documenti di Judith. Fred la invita a tornare in Francia, dal momento che per lei non c'è più pericolo, e Nora decide di cercare Guillaume per via dei racconti pieni di affetto e stima del fratello. 

I due si innamorano, ma un passo falso di Fred e della vera Judith costringe Nora a "svanire nel nulla". Fred avvisa la donna che Kesler li ha trovati e ha ucciso Judith. Di conseguenza, Nora deve farsi una nuova identità e fuggire. Non solo perché ha un legame con lui ed è un possibile bersaglio di Kesler, ma anche perché è "complice" dell'omicidio del marito.

La morte di Fred (e di Judith) libera di fatto Nora del suo ingombrante passato e la mette nella condizione di ricominciare da capo. La donna non deve spiegare neanche il suo rapporto con Alice, dal momento che la bambina è la nipote del suo fidanzato (e probabilmente futuro marito).

La storia di Jo Ostertag

Jo Ostertag è una presenza inquietante ed enigmatica e sembra a lungo il villain della storia. Ma la verità è che l'uomo è sempre stato una vittima. Dei bulli della scuola, del padre e anche dei suoi "amici", Kesler e Fred. Quest'ultimo, in particolare, ha segnato in maniera indelebile la sua esistenza. Per ben due volte.

Nel tentativo di "vendicare" l'onore di Jo Ostertag, Fred uccide il bullo che lo perseguita. Di fronte alla tragedia, il ragazzino chiama il padre e l'uomo stringe un accordo con il genitore dell'amico. Jo Ostertag è un emarginato e non ha davanti sé un futuro radioso come quello di Fred. Di conseguenza, il signor Lucchesi "compra" l'innocenza del proprio figlio pagando il padre di Jo Ostertag perché testimoni che è stato lui a uccidere il ragazzino che gli dava il tormento.

Jo Ostertag inizia a perdere i capelli per lo shock e finisce in un carcere minorile, dove rimane per 10 anni. Quando esce, ad attenderlo ci sono Kesler e Fred, che gli fanno capire di avere grandi piani. Ma l'ex galeotto ha prima da fare una cosa. Il giovane torna alla squallida roulotte dove vive ancora il padre, guarda l'auto lussuosa che gli è costata 10 anni di prigione e soffoca il genitore nel sonno.

Magali Bragard/NetflixSvaniti nel nulla: Jo Ostertag
Vittima o carnefice? Oppure entrambi? Chi è davvero Jo Ostertag?

In seguito milita nella Legione Straniera e poi torna a "lavorare" con Kesler e Fred. Nell'attività con i due, Jo Ostertag si trova a stare a stretto contatto con Sonia (della quale si è invaghito anni prima, quando l'ha vista con Guillaume a una festa) e i due finiscono con innamorarsi.

È proprio la loro relazione a costare la vita alla ragazza. Quando Fred cerca di convincere Sonia a tradire i soci, la giovane avvisa Jo Ostertag. Ma l'uomo non fa in tempo ad arrivare e impedire che Fred la uccida.

L'"innocenza" di Jo Ostertag (almeno, nella morte di Sonia) spiega anche perché l'uomo non spara a Guillaume in quella tragica notte e gli rivolge uno sguardo indecifrabile. Negli occhi di Jo Ostertag c'è la consapevolezza che il fratello di Fred soffrirà (come lui) e lo riterrà responsabile della morte della donna che entrambi hanno amato. Ma c'è anche rabbia. Rabbia per quei due fratelli che non solo hanno tutto, ma hanno anche preso quel poco che aveva lui.

Alla fine, Jo Ostertag ottiene la sua vendetta. Fred muore e a ucciderlo è Guillaume, che dovrà fare i conti per sempre con la responsabilità di avere sparato al fratello e con il senso di colpa di avere contribuito a farlo diventare quello che è diventato. Forse, in parte.

Le domande senza risposta di Svaniti nel nulla

Svaniti nel nulla risponde alle domande principali della storia, ma ne lascia anche molte senza risposta. Più in generale, l'adattamento francese del romanzo di Harlan Coben percorre un gran numero di strade che nella maggior parte dei casi sembra non portare da nessuna parte. A partire dalla storia di Inès.

La bambina è la principale testimone della morte della sorella e il ricordo della notte dell'omicidio la perseguita a lungo. Così come la somiglianza con Sonia. Ma in definitiva, la sua storia sembra non avere né capo né coda. Il cellulare della sorella (sepolto in giardino) potrebbe rivelare che l'ultima chiamata di Sonia è stata per Jo Ostertag. Invece, fornisce un collegamento con Judith Conti (quella "vera") che porta a rintracciare una ex coinquilina di Sonia durante l'Erasmus a Barcellona.

Tale Charlotte Castro racconta di come la ragazza sia finita in cattive compagnie, ma in una maniera abbastanza inutile e che crea pure un "bug" nella trama. Dalle parole della donna, sembra che Sonia e Judith facciano amicizia perché sono coinquiline e che Judith la faccia entrare nel suo "giro", che è poi quello di Fred. Ma nell'episodio 5x01 è Fred che riconosce Sonia mentre lavora come barista e le presenta la sua fidanzata, Judith.

Magali Bragard/NetflixSvaniti nel nulla: Inès
Inès sembra un personaggio chiave e forse lo è, ma la sua storia finisce per essere liquidata in maniera superficiale

Il legame tra Inès e la sorella è un altro elemento che sembra dovere avere un grande peso, allo stesso modo della tensione tra la ragazza e Guillaume. Ma entrambe le storyline vengono liquidate in maniera sbrigativa. Alla fine, la sensazione è che tutta la vicenda di Inès sia funzionale al colpo di scena finale, quando Fred ripete le stesse parole che ha detto la notte in cui ha ucciso Sonia e che Inès ha sentito e ha riferito a Guillaume.

I fatti sono confusi anche nel caso di quella che dovrebbe essere la storia principale, ovvero la vicenda di Fred e Judith. Quando si conoscono i due? E come vivono la "latitanza"? Il detective assunto dalla madre di Guillaume dice che Fred è stato visto in Italia e in Montenegro e che è coinvolto in una serie di rapine. Ma con chi? Ha agito da solo o con una banda? E perché ha deciso di tornare in Francia con Judith e Alice, con il rischio altissimo di essere scoperto da Kesler (come accade) proprio per il suo coinvolgimento con gli ambienti criminali?

Inoltre non è chiaro quale sia il "luogo sicuro" dove Fred ha nascosto la figlia e come faccia Nora a rintracciare la ragazzina e a portarla a Nizza da Guillaume. È stato Fred a rivelare al fratello dov'era prima di morire? Nora l'ha sempre saputo? 

In ultimo rimane il mistero del destino di Jo Ostertag. L'uomo è fuggito e non si sa cosa farà. Anche se, probabilmente, Guillaume è al sicuro. Jo Ostertag cercava vendetta su Fred e la morte dell'ex socio per mano del fratello gli ha dato tutto quello che voleva. E forse anche di più.

  • La miniserie Svaniti nel nulla è disponibile in streaming su Netflix.

  • La serie Netflix Svaniti nel nulla è composta da 5 episodi.

  • Svaniti nel nulla è un adattamento originale Netflix del romanzo con lo stesso titolo di Harlan Coben ed è stato concepito come una miniserie autoconclusiva. Di conseguenza, è poco probabile che avrà una stagione 2.

    D'altra parte, nulla vieta che lo streamer decida di fare proseguire la storia in qualche modo, se Svaniti nel nulla avrà successo.

    Per il momento, Netflix non ha rilasciato comunicati ufficiali. 

NoSpoiler seleziona in modo indipendente i gadget e servizi che ti proponiamo in queste pagine e potrebbe ricevere una piccola quota (senza costi aggiuntivi per te) nel caso di acquisto tramite i link proposti.

Leggi anche

      Cerca