Sweet Girl: la spiegazione del finale del film con Jason Momoa

Sweet Girl racconta la battaglia di Ray Cooper contro la casa farmaceutica colpevole di aver ritirato dal commercio il farmaco che avrebbe potuto salvare la vita a sua moglie. Ecco come si conclude il film con protagonista Jason Momoa.

Netflix Jason Momoa e Isabela Moner, protagonisti di Sweet Girl

Approdato su Netflix il 20 agosto 2021, Sweet Girl è il revenge thriller con protagonista la star di Aquaman, Jason Momoa, che racconta della lotta di Ray Cooper contro la casa farmaceutica BioPrime, colpevole di aver ritirato dal mercato un farmaco che avrebbe potuto salvare la vita di sua moglie Amanda.

Ray vuole ottenere giustizia per la tragedia capitata alla donna che amava, ed è disposto a tutto pur di farla pagare a chi ritiene responsabile della sua morte. Così si trova così coinvolto insieme a sua figlia Rachel in un'escalation di violenza e distruzione che non si fa mancare momenti adrenalinici, azione e colpi di scena.

La trama di Sweet Girl

Quando un tumore colpisce Amanda Cooper, suo marito Ray fa di tutto per pagare le spese delle sue cure mediche. Le speranze che guarisca sono riposte tutte in un nuovo farmaco della BioPrime che, tuttavia, viene improvvisamente ritirato dal commercio.

Nel giro di poco tempo, la morte di Amanda sopraggiunge e Ray giura in diretta TV che il responsabile dell'azienda, Simon Keeley, ne pagherà le conseguenze... con la sua stessa vita.

Ray viene così contattato da un giornalista chiamato Martin Bennett, che gli rivela di essere a conoscenza dei loschi affari della BioPrime. Durante un incontro in metropolitana, tuttavia, Bennett viene brutalmente ucciso, e Ray è costretto a fuggire insieme a sua figlia (che l'aveva precedentemente seguito di nascosto).

Qualche tempo dopo, Ray riesce a incontrare Keeley, che, però, si dichiara innocente per quanto accaduto ad Amanda, affermando di essere semplicemente il volto della società farmaceutica e di rispondere al presidente Vinod Shah. Ray non vuole sentire ragioni e lo uccide, fuggendo con Rachel alla volta del suo prossimo obiettivo: lo stesso Shah.

Sulla scena compare un nuovo personaggio, il sicario Amos, colpevole dell'omicidio di Bennett, che rivela a Ray che a capo di tutto c'è la senatrice Diana Morgan, la cui campagna prevedeva una partnership proprio con BioPrime.

Mentre partono alla ricerca della Morgan, Ray e Rachel vengono scovati dalle autorità: durante un inseguimento, un detective dell'FBI raggiunge Ray sul tetto di un edificio, e qui tutti i nodi vengono al pettine.

La spiegazione del finale

La detective Sarah Meekker cerca di convincere Ray ad arrendersi, ed è allora che il film ribalta quanto raccontato fino a quel momento facendoci sapere, tramite un montaggio che ripercorre i momenti salienti della storia, che dietro alle azioni di Ray c'è sempre stata Rachel.

Anche se vediamo il volto di Jason Momoa per tutto il tempo, scopriamo che il suo personaggio è morto in metropolitana all'inizio del film, e che Rachel, narratrice inaffidabile, ha agito da sola da quel momento in avanti.

NetflixRachel realizza di non essere Ray

Per tutto il tempo trascorso dalla morte di suo padre, Rachel ha immaginato di essere lei stessa Ray, e attraverso i flashback che spiegano come stanno realmente le cose, scopriamo che è stata lei stessa a cercare vendetta per sua madre.

A quel punto Rachel viene sedata e portata in ambulanza. Una volta ripresasi, scova Morgan e la costringe a confessare tutto minacciandola con un coltello: la senatrice rivela di essersi inizialmente schierata contro BioPrime, ma di aver chiuso un occhio dopo essersi fatta corrompere dalla possibilità di candidarsi al Senato della Pennsylvania, accettando il ritiro del farmaco che avrebbe potuto salvare Amanda, e assumendo Amos come sicario per liberarsi di tutti coloro i quali minacciavano di far trapelare la verità.

Rachel contempla l'idea di uccidere Morgan, ma sceglie invece di registrare la sua confessione e di inviarla a Meeker. In questo modo, la ragazza rompe la spirale di violenza iniziata dalla morte di sua madre e si lascia alle spalle i propositi di vendetta che l'avrebbero psicologicamente distrutta.

Leggi anche

      Cerca