Frammenti dal passato - Reminiscence: cosa rivela il finale sulla linea temporale del film

Nel finale di Frammenti dal passato - Reminiscence la linea temporale del film viene sostanzialmente riscritta: cosa e vero e cosa è ricordo nella storia di Nick?

Warner Bros Nick e Watts pronti a far rivivere un ricordo

Se amate il cinema di Christopher e Jonathan Nolan, la trama di Frammenti dal passato - Reminiscence sembrerà un ritorno a casa: non a caso il secondo è coinvolto come produttore nel film Warner Bros diretto dall'esordiente Lisa Joy, insieme a un gruppetto di storici produttori e collaboratori delle menti dietro Tenet e Inception. 

Il merito dell'intricata tela temporale tessuta dal film va però a Lisa Joy, che come sceneggiatrice ha collaborato alla complessa storia alla base di Westworld e qui non solo dirige ma scrive l'intera sceneggiatura. Frammenti dal passato - Reminiscence è un film ambientato in un futuro figlio delle preoccupazioni attuali in ambito climatico ed economico, ma che ha al suo centro un tema intrinseco dell'essere umano: la memoria che condiziona il presente e il futuro delle persone. Grazie a una particolare tecnologia, in Frammenti dal passato le persone possono rivivere all'infinito e con grande realismo i momenti più belli della loro vita. 

La nostalgia però non è priva di pericoli e insidie, come scopre Nick Barrister (Hugh Jackman) nell'inseguire il ricordo di Mae (Rebecca Ferguson), la femme fatale che gli ha rubato il cuore. Alla luce del finale del film, l'intera storia va riletta alla luce di una linea temporale inaspettata; il fattore forse più nolaniano della pellicola. Ecco come si conclude Frammenti dal passato - Reminiscence e come va interpretato il finale. 

Frammenti dal passato - Reminiscence è un loop perpetuo di ricordi

La scena chiave di Frammenti dal passato - Reminiscence è quella in cui Nick racconta a Mae il mito di Orfeo ed Euridice, che ben si adatta alla loro storia d'amore. Mae infatti gli ha chiesto di raccontagli una storia a lieto fine, ma Nick le ha risposto che nel finale di qualcosa è intrinseca la tristezza. La donna gli ha allora chiesto di raccontarle una felice, fermandosi a metà per evitare il triste epilogo. Nick quindi ha raccontato il celebre mito greco dell'uomo disposto a scendere negli Inferi pur di salvare l'amata Euridice, riportandola in vita. Il mito si conclude tragicamente, perché Orfeo si volta a guardare l'amata contro gli ordini di Ade ed Euridice viene inghiottita di nuovo nell'Aldilà. Nick però si ferma alla scena in cui Orfeo la ritrova nell'Adilà. 

Warner BrosNick in un Miami allagata
Nick come Orfeo s'inoltra negli inferi di Miami per ritrovare Mae

È esattamente quello che succede in Frammenti dal passato - Reminiscence: il film come ci viene raccontato è un lungo loop di ricordi che Nick sta rivivendo, immerso nella vasca d'acqua e con il sensore neuronale applicato alla testa. Lo prova il fatto che la sua voce fuori campo all'inizio del film dice esattamente le stesse parole con cui si chiude il lungometraggio. 

Per aver "bruciato" il poliziotto corrotto che ha ucciso Mae, condannandolo a rivivere per sempre il momento in cui è stato sfregiato da Joe, Nick deve affrontare una dura sentenza giudiziaria. Infatti "bruciare" una persona sottoposta a interrogatorio con questa tecnica è un grave reato, ancor peggiore dell'omicidio. L'amica procuratrice Avery riesce però ad ottenere per lui di poter scontare la pena nel suo studio. Nick decide quindi di vivere nel passato, rivivendo all'infinito tutta la storia d'amore con Mae, fino alla scoperta della verità. 

La redenzione di Mae

Mae era dipendente dalla droga baca. La cantante è fuggita da New Orleans portandone con sé un grosso quantitativo sottratto al boss Joe. Il suo tirapiedi però è riuscito a rintracciarla a Miami. L'uomo, sfregiato da Joe per aver a sua volta sottratto dello stupefacente, propone a Mae un accordo. Se saprà sedurre Nick e ottenere le memorie che provano che il figlio di Elsa Carine è erede dei Sylvan, avrà la sua fetta di bottino e rimarrà al sicuro da Joe. 

Warner BrosMae e Nick abbracciati
Mae si era davvero innamorata di Nick, nonostante l'inganno iniziale

Mae deve quindi sedurre Nick per rubargli le memorie di Elsa. Finisce però per innamorarsi davvero di Nick e voler diventare la donna che lui pensa sia, giusta e buona. Per redimersi salva la vita al figlio di Elsa e affronta la morte per overdose pur di non rivelare dove sia. Le ultime parole d'amore che rivolge a Booth sono in realtà dirette a Nick, perché Mae confida che lui la cercherà ovunque, anche nei ricordi del poliziotto corrotto. 

Il film si conclude con Nick invecchiato, ancora nella vasca, immerso nel loop eterno dei ricordi. A prendersi cura di lui è Watts, che ha seguito il suo consiglio e ha riallacciato i rapporti con la figlia. È lei a raccontare la storia di Nick alla sua nipotina. 

  • Nick brucia i ricordi di Booth per punirlo di aver ucciso Mae e per questo viene condannato, ma Avery ottiene per lui uno sconto di sentenza: passerà la sua vita immerso nei ricordi di Mae, nel suo studio. 

    Anni dopo, Watts torna a trovarlo insieme alla nipotina: entrambi sono invecchiati. Nick è ancora immerso nel loop temporale dei ricordi. 

    L'intero film racconta il loop stesso dopo che questo è già venuto, come provano le parole di Nick a inizio film, identiche a quelle pronunciate alla fine della pellicola. 

  • Le reminescenze (traduzione del titolo del film con Hugh Jackman) sono i ricordi del nostro passato che riusciamo a rievocare, ma solo in forma vaga e confusa. Sono ricordi quasi dimenticati. 

    Un termine in linea con la lotta disperata di Nick per trovare la verità nei suoi ricordi di Mae. 

  • No, è morta di overdose per non rivelare a Booth dove avesse nascosto il ragazzino figlio di Elsa Carine e del magnate Sylvan. 

  • Il mito greco rispecchia la storia di Nick e Mae. Così come Orfeo va negli Inferi per salvare Euridice ma la perde per essersi voltato prima di aver raggiunto la terra dei vivi, così Nick s'immerge nei ricordi e nell'inferno delle zone allagata di Miami per salvare Mae, che però è già morta. 

    Nel suo immergersi nei ricordi di Mae, Nick non le apre la porta quando lei lo va a cercare. A metà film lo vediamo mandare via qualcuno che bussa alla porta del suo studio, mentre rivive i ricordi di Mae. Solo più tardi scopriremo che quel qualcuno era proprio Mae. 

Leggi anche

      Cerca