Qual è la stagione più inquietante di American Horror Story?

É un dato di fatto: American Horror Story ha rivoluzionato il mondo della TV. Dieci le stagioni prodotte fino ad ora, ma quale potrebbe essere la più bella? Abbiamo selezionato per voi cinque storie horror da non perdere e da (ri)vedere

F/X Qual è la stagione più bella di American Horror Story?

Lo scorso 25 agosto, la saga horror americana creata da Ryan Murphy ha festeggiato i suoi primi 10 anni di attività. La serie cult, infatti, è tornata in TV con gli episodi inediti della decima stagione, dal titolo Double Feature. Rispetto alle annate precedenti, il nuovo ciclo di American Horror Story sarà diviso in due parti e con due storie differenti. Al centro del racconto ci sono squali, sirene, alieni e mostri marini in un chiaro omaggio ai film degli anni ’40 e ’50. Un’altra idea folle per il celebre Ryan Murphy che, con la sua American Horror Story, ha – per davvero – rivoluzionato il mondo della TV

Dieci anni, dieci stagioni e un franchise che si espande a vista d’occhio: Ryan Murphy è un vero e proprio Re Mida per la TV di oggi. Ma, tra le tante storie raccontate in questa ultima decade, quale potrebbe essere la più bella e la più inquietante? Abbiamo selezionato le 5 American Horror Story da (ri)vedere senza se e senza ma. 


American Horror Story: Hotel 

È stata la stagione della svolta. La prima senza l’iconica Jessica Lange che per quattro lunghi anni è stata la musa di Murphy. Al suo posto è stata scelta una leggendaria Lady Gaga in un ruolo che le è valso anche un Golden Globe nel 2016. Una stagione ricca di star, di citazioni e di tanti brividi stregati che ha stigmatizzato il mito di American Horror Story una volta per tutte. 

F/x5 le stagioni più belle di American Horror Story

La storia (corale) è ambientata nei giorni nostri, a Los Angeles, in un albergo chiamato Hotel Cortez. Abitato da losche figure, sia umane che terrene, tutte sono ammaliate da La Contessa, una donna carismatica e dall’oscuro passato che da tempo vive nella suite. Una storia che si cuoce a fuoco lento e che implode solo verso la fine, quando si alza il velo sulla misteriosa Contessa.


American Horror Story: Apocalypse 

Doveva essere la stagione della rivalsa, dopo un paio di anni di insuccessi e critiche feroci. La stagione 8 non è di certo esente da difetti, ma convince perché è stata capace di intrecciare a se tutta la mitologia di American Horror Story. Infatti, questa è stata soprannominata la stagione crossover e funge anche da sequel diretto per Murder House

F/xTutto su American Horror Story

La vicenda racconta di una sconvolgente esplosione nucleare che ha decimato quasi tutta la razza umana. I sopravvissuti vivono nel sottosuolo e “La Cooperativa” seleziona i giovani che sono ancora vivi  per cercare di salvaguardare ciò che resta della razza umana. L’evento però non è stato una casualità, ma ha radici ben più profonde. Pauroso, intenso e adrenalinico, la stagione 8 di American Horror Story convince proprio perché si sofferma sulle debolezze e sulla corruttibilità dell’animo umano, omaggiando i fan più affezionati con una storia folle e bizzarra.


American Horror Story: Asylum 

Un ospedale infestato, un demone assetato di sangue e di vendetta, una storia umana e drammatica di maltrattamenti reiterati nel tempo. Pareva impossibile scrivere un secondo capitolo degno di nota dopo il successo di Muder House, ma Ryan Murphy con Asylum ha superato se stesso. 

In onda in America dal settembre del 2012, la serie è ambienta nel 1964 nel manicomio di Briacliff, diretto da Suor Jude. Sono tanti i pazienti che abitano l’ospedale, ognuno con le sue colpe da espiare. Una giornalista si finge una paziente per rivelare cosa succede al Briacliff, ma anche lei verrà risucchiata in quel mondo dove alberga un potere oscuro e impossibile da combattere. Di rara bellezza e crudeltà, la seconda stagione della serie TV si cimenta in una storia intra-generazionale, alzando il velo su quanto accadeva nei manicomi ad inizio degli anni ’60.


American Horror Story: Coven 

Pop, cool e assolutamente dissacrante. All’apice della sua vena creativa, Murphy compie il salto di qualità e con la terza stagione racconta i meccanismi di una scuola per giovani streghe, tra inganni, amori e terribili maledizioni. Emma Roberts e Katy Bates sono le aggiunge eccellenti al cast. 

F/xAmerican Horror Story torna in Tv

In una scuola di magia diretta da Cordelia Foxx, si alternano le vicende personali di un gruppo di giovani, ognuna di loro alle prese con la conoscenza delle proprie arti sovrannaturali. In parallelo, prende forma una lotta per il potere all’interno della scuola, nel momento in cui Fiona, madre di Cordelia, deve eleggere la nuova Suprema. La serie, seppur con qualche limite, regala una storia ampia e complessa di un rapporto malato e perverso tra madre e figlia. 


American Horror Story: Muder House 

F/XLe stagioni più inquinanti di American Horror Story

Non poteva essere diversamente. La prima e inimitabile stagione di American Horror Story entra per diritto in questa top five. È stata la prima in tutto. Non solo perché ha sdoganato l’horror psicologico in TV, ma perché è stata la prima serie antologica che è apparsa nel piccolo schermo. Un espediente che ha permesso poi allo show di crescere e di imporsi come un vero e proprio fenomeno di costume. 

Al centro del racconto, che corre avanti e indietro nel tempo, c’è la storia della famiglia Harmon che si trasferisce in una villa di Los Angeles, in cui una coppia di omosessuali è morta in circostanze misteriose. Piano piano e a proprie spese, la famiglia scopre che quella villa non è che una sorta di Purgatorio per gli spiriti di morte violenta. 

NoSpoiler seleziona in modo indipendente i gadget e servizi che ti proponiamo in queste pagine e potrebbe ricevere una piccola quota (senza costi aggiuntivi per te) nel caso di acquisto tramite i link proposti.

Leggi anche

      Cerca