Vikings, cosa c'è di vero? I personaggi reali che hanno ispirato la serie

A ispirare Vikings è stata la mitologia e storia norrena. Protagonisti dell'historical drama sono Ragnar e i suoi figli di cui, tra storia e leggende, troviamo tracce in saghe e manoscritti.

History, Amazon Prime Video, Netflix Il cast di Vikings

Creata e scritta da Michael Hirst, Vikings è stata prodotta dal 2013 al 2020 per 6 stagioni, appassionando milioni di spettatori in tutto il mondo che si sono immersi nella mitologia e storia norrena del IX secolo d.C.

Protagonista indiscusso della serie è Ragnar Lothbrok (Travis Fimmel), insieme alla shieldmaiden Lagertha (Katheryn Winnick) e poi ai figli che hanno raccolto il suo testimone: Björn (Alexander Ludwig), Ivar (Alex Høgh Andersen), Ubbe (Jordan Patrick Smith) e Hvitserk (Marco Ilsø), tra questi.

Non tutti sanno che la trama di Vikings ha un fondo di verità: la storia è, infatti, un po’ romanzata, ma comunque basata sulla vita di alcuni personaggi storici realmente esistiti. Kattegat, invece, è il nome di uno stretto tra Danimarca e Svezia e la cittadina dell'historical drama è ispirata a quella danese di Ribe.

Cosa c’è di vero in Vikings, dunque? Ecco alcuni dei tanti personaggi reali della serie.

  1. Ragnar Lothbrok
  2. Lagertha
  3. Björn
  4. Ivar
  5. Rollo
  6. Floki

1 - Ragnar Lothbrok

History, Amazon Prime Video, NetflixPrimo piano di Travis Fimmel

Interpretato da Travis Fimmel, Ragnar Lothbrok – conosciuto anche come Ragnarr Sigurðsson, Ragnarr Loðbrók e Ragnar Lodbrok - viene dipinto come un guerriero assetato di conoscenza, che riesce a farsi strada diventando Re di Kattegat con le sue sole forze. A differenza degli altri Vichinghi, si interessa a ciò che non conosce e ama navigare verso terre lontane, riuscendo a sbarcare in Inghilterra e in Francia.

Affascinato da culture diverse dalla sua, Ragnar è ambizioso e aperto mentalmente nei confronti degli altri popoli. Sposato prima con Lagertha e poi con Aslaug (Alyssa Sutherland), ha diversi figli: Björn, Gyda (Ruby O'Leary), Ubbe, Hvitserk, Sigurd e Ivar. Dopo la sua morte – avvenuta per mano di Re Aelle - Ragnar continua a essere ricordato tramite le gesta dei suoi figli.

Il personaggio si ispira all’omonimo Ragnar Lothbrok – nato dopo il 766 e morto nell’865 - che assediò, nell’845, Parigi: quest’ultimo - realmente esistito - potrebbe aver dato vita alla dinastia dei Châtillon di Champagne, restando in Francia. Della storia di Ragnar, ad ogni modo, ci sono diverse versioni che troviamo in alcune saghe in cui si racconta che ebbe molti figli e fu sposato tre volte (con Lagertha la prima volta e con Aslaug la terza volta).

Le sue gesta sono narrate nella Saga di Ragnarr Loðbrók (Ragnarssaga loðbrókar), nel Racconto dei figli di Ragnarr (Ragnarssona þáttr) e nel libro nono del Gesta Danorum di Saxo Grammaticum. Pare fosse jarl alla corte di Re Horik I - sovrano di Danimarca realmente esistito e ucciso, nella seconda stagione della serie, da Ragnar – o una fusione di diverse figure come quella del figlio del Re svedese – e poi anche danese - Sigurðr Hringr.

Nonostante ciò, sembra che alcuni eventi – pur avendo riscontri storici – siano distanti tra loro nel tempo, per cui pare impossibile che siano stati vissuti dalla stessa persona; gli storici tendono, quindi, a credere che la storia di Ragnar racchiuda in sé diverse leggende e avvenimenti derivati da più figure storiche (come quella di un re che lottò contro Re Harald Klak o di Lothbrocus, a capo della Grande Armata Danese che nell’865 invase l'Inghilterra).

2 – Lagertha

History, Amazon Prime Video, NetflixPrimo piano di Katheryn Winnick

Prima moglie di Ragnar e madre di Björn e Gyda, Lagertha (Katheryn Winnick) è una shieldmaiden che va avanti con le proprie forze anche dopo il tradimento del marito, riuscendo a diventare persino Regina di Kattegat.

A ucciderla, nell’episodio 6x06 La morte e il serpente (Death and the Serpent), è uno dei figli di Ragnar avuti da Aslaug: in preda alle allucinazioni, Hvitserk la pugnala.

Nominata nelle saghe prima citate, Lagertha pare abbia governato quella che oggi è la Norvegia e che non sia stata la madre di Björn.

History, Amazon Prime Video, NetflixPrimo piano di Katheryn Winnick
Lagertha è una shieldmaiden

Secondo il racconto del Gesta Danorum di Saxo Grammaticum, il Re di Svezia Frø invase la Norvegia e rinchiuse le donne – tra cui Lagertha – fino all’arrivo di Ragnar che giunse per vendicare la morte del nonno. Lagertha combatté al suo fianco, facendolo innamorare: i due si sposarono ed ebbero due gemelle e un maschio, ma divorziarono quando l’uomo si innamorò di Thora Borgarhjört (figlia di Re Herrauðr).

La shieldmaiden fu di aiuto all’ex-marito nel sedare una guerra civile in Danimarca. Lagertha si risposò e uccise il marito, riuscendo a governare la Norvegia da sola.

3 – Björn

History, Amazon Prime Video, NetflixPrimo piano di Alexander Ludwig

Nella serie, Björn (Alexander Ludwig) è il figlio di Ragnar e Lagertha e ha diverse mogli e figli. Come il padre, è intelligente, amante dell’esplorazione e in cerca di fama: è durante una battaglia contro i Sassoni che ottiene il nome di Ironside, Björn la Corazza.

Il personaggio di Björn è ispirato all’omonimo re svedese capostipite del Casato di Munsö, vissuto tra la fine del VIII secolo e il IX secolo, non figlio di Lagertha ma di Aslaug.

Descritto come un guerriero spietato e abilissimo, sembra abbia viaggiato fino in Francia e in Italia e ucciso Re Aelle per vendicare la morte del padre (che pare abbia fatto uccidere realmente quest’ultimo in una fossa di serpenti, come visto in Vikings).

4 – Ivar

History, Amazon Prime Video, NetflixPrimo piano di Alex Høgh Andersen

Interpretato da Alex Høgh Andersen, Ivar è - senza alcun dubbio - il figlio di Ragnar più interessante. Soprannominato “Senz’ossa” perché nato con una malformazione che non gli permette di camminare, ha un’infanzia difficile per i forti dolori e le mortificazioni che è costretto a subire dai fratelli.

La sua rabbia si trasforma in odio e crudeltà. Sognando di dimostrare a tutti di essere qualcuno, diventa tiranno di Kattegat (da cui poi è costretto a scappare, quando Björn la conquista). Astuto e molto intelligente e dopo aver fatto tanto male nella sua vita, trova redenzione in Inghilterra dove salva il fratello Hvitserk e pone fine alla guerra contro Alfred sacrificando la propria vita.

Ívarr Ragnarsson nacque in Norvegia e morì in Inghilterra nell’870 o 873. Nell’autunno dell’865, guidò insieme ai fratelli la Grande Armata Danese per invadere l’Anglia orientale, in seguito all’uccisione del padre Ragnar da parte di Re Aelle (proprio come avvenuto in Vikings): non ebbero successo, ma riuscirono a conquistare York e, in un nuovo attacco, catturarono Aelle e lo sottoposero all’aquila di sangue.

Di Ivar si dice che fosse bello, un eccellente stratega, forte, carismatico e il più abile guerriero tra i figli di Ragnar.

Stando a quanto riportato nelle saghe, Ivar era il pimogenito di Ragnar e Aslaug e – secondo studi recenti, come quello del dottor Knud Stakemann Seedorff del 1949 – pare soffrisse di una forma di osteogenesi imperfetta.

5 – Rollo

History, Amazon Prime Video, NetflixClive Standen e Travis Fimmell

Interpretato da Clive Standen e fratello di Ragnar in Vikings, Rollo – conosciuto anche come Rollone - non aveva alcuna parentela con quest’ultimo, ma è realmente esistito: era, infatti, il Duca di Normandia.

Vero vichingo – sembra fosse danese, nato tra l’845 e l’860 e morto nel 932 – condusse molte razzie prima di approdare in Francia, dove si convertì al Cristianesimo, si sposò con Poppa di Bayeux - figlia del conte franco di Rennes e di Bayeux - e diede vita alla Casa di Normandia. In seguito, sposò Gisela, figlia di Carlo il Semplice, ma con lei non ebbe figli.

Guglielmo I il Conquistatore e i re normanni di Inghilterra – tra cui Guglielmo II ed Enrico I – sono discendenti diretti di Rollo, mentre per via materna lo sono i re Plantageneti (da Enrico II a Riccardo III).

Rollo e Ragnar Lothbrok, però, non si conobbero mai: quest’ultimo sarebbe, infatti, morto nell’865 e Rollo sarebbe nato appena nell’845.

6 – Floki

History, Amazon Prime Video, NetflixPrimo piano di Gustaf Skarsgård

Migliore amico di Ragnar, costruttore di navi e uomo particolarmente eccentrico e devoto agli Dei, Floki (Gustaf Skarsgård) è un abile navigatore che scopre una terra disabitata: l’Islanda. Credendo di aver trovato la terra degli Dei, nella serie, Floki vi porta alcuni coloni.

Nella realtà, Floki era il navigatore vichingo Hrafna-Flóki Vilgerðarson, nato nell’830 e morto nell’890. Come in Vikings, fu il primo a raggiungere l’Islanda insieme alla propria famiglia – la sua storia si trova tra le pagine del manoscritto Landnámabók – dove continuò a vivere nostante le difficoltà e vi morì.

Molti altri personaggi di Vikings sono ispirati a persone realmente esistite: basti pensare al Re del Wessex e di Mercia Aethelwulf (Moe Dunford), al Re del Wessex Alfredo il Grande (Ferdia Walsh-Peelo) che aveva protetto il regno dalle invasioni vichinghe o ad Athelstan (George Blagden) che nella serie è un monaco anglosassone ma, nella realtà, era il nipote di Alfredo.

Da non dimenticare, inoltre, i figli di Ragnar tra cui anche Ubbe (Jordan Patrick Smith), Hvitserk (Marco Ilsø), Sigurd (David Lindström) e persino Halfdan (Jasper Pääkkönen), che non era quindi fratello di Harald (Peter Franzén) come in Vikings ma suo padre: Harald, inoltre, è stato il primo Re di Norvegia, dove regnò dall’872 al 930 d.C.

Leggi anche

      Cerca