Sette film da vedere per conoscere Tony Leung, l'attore che interpreta il Mandarino in Shang-Chi

Tony Leung è un volto nuovo per gli amanti dei cinecomics, ma un attore amatissimo dai cinefili e dagli estimatori del cinema orientale: ecco 7 film da recuperare per scoprire il talento del nuovo Mandarino del MCU.

Sette film da vedere per innamorarsi di Tony Leung, il nuovo Mandarino del MCU Tony Leung nei panni del Mandarino

Classe 1962, nato e vissuto a lungo a Hong Kong, sposato con l'attrice Carina Lau e attore feticcio del regista Wong Kar-wai. Se per i fan del mondo Marvel e dei cinecomics il volto di Tony Leung è sconosciuto, l'attore è una celebrità di rara magnitudo in Asia e tra i cinefili di mezzo mondo. Il merito va al suo fascino ma soprattutto al suo incredibile talento: nella sua lunga carriera, il nuovo Mandarino ha inanellato performance davvero eccezionali, conquistandosi il favore della critica. 

A tutt'oggi è considerato uno dei più valenti interpreti internazionali viventi. Non sorprende dunque che la critica ne abbia elogiato il lavoro nei panni del Mandarino in Shang-Chi e la leggenda dei dieci anelli, dove riesce a dare spessore e umanità al ruolo del cattivissimo Mandarino, signore della guerra immortale, vedovo inconsolabile e padre con un difficile rapporto con la prole. 

Se siete rimasti irretiti dal suo fascino e dalla sua bravura, urge un recupero della sua filmografia, ricchissima di pellicole memorabili, che spaziano su più generi diversi. A seguire ne trovate cinque (più due alternative) molto belle e di facile reperibilità. Non sono necessariamente le migliori o le più famose, ma costituiscono un ottimo punto di partenza per scoprire il talento di questo interprete.

In the Mood for Love

Non si può che partire da qui, dal capolavoro di Wong Kar-wai (di recente tornato al cinema per il ventennale dalla sua presentazione a Cannes) e ruolo più celebre dei suoi attori feticcio Maggie Cheung e Tony Leung. Un film considerato uno dei maggiori capolavori degli ultimi 20 anni, già annoverato tra i classici della storia del cinema, 

Ambientato nella Hong Kong degli anni '60, In the Mood for Love racconta la storia di due vicini di casa che si rendono conto che i rispettivi coniugi hanno una tresca e li stanno tradendo. Decisi a non compiere lo stesso errore, i due passano sempre più tempo insieme, immaginando come gli amanti abbiano cominciato a tradirli e cominciando a scrivere un romanzo insieme. Impossibile non sospirare di fronte a un Tony Leung in versione gentiluomo perseguitato a un pessimo tempismo, sul cui cuore grava un segreto inconfessabile. Se vi è piaciuto, consiglio di recuperare anche il quasi sequel 2046. 

Hard Boiled

Se amate il genere action, consiglio invece di rivolgersi a John Woo e al suo Hard Boiled, l'ultimo film del regista girato ad Hong Kong prima del suo sbarco a Hollywood, che vede tra i protagonisti propri Tony Leung. 

Hero 

All'epoca fu una hit anche in Italia e ancor oggi si guarda con piacere Hero (2002), film che prova quanto Tony Leung abbia sviluppato negli anni familiarità con le convenzioni e i combattimenti in stile wuxia (proprio come quelli di Shang-Chi). 

Diretto dal leggendario regista cinese di Lanterne Rosse e Non uno di meno Zhang Yimou, Hero è un patinatissimo racconto d'amore e arti marziali che vede ricongiungersi l'iconica coppia formata da Leung e Maggie Cheung, al fianco di super star cinesi come Zhang Ziyi e Jet Li. Anche in questo film Tony Leung interpreta un uomo in lotta con i suoi sentimenti, ma anche con un'orda di assassini nella Cina ancora di divisa tra signori della guerra, dove qualcuno però sogna già l'unificazione. 

La caratteristica più memorabile del film è che la storia è divisa in vari capitoli, che esplorano diverse versioni della storia: ciascuno di questi spezzoni è codificato da uno specifico colore

Lussuria - Seduzione e tradimento

Se volete vedere Tony Leung nei panni di un antagonista o se siete rimasti irretiti dal suo fascino e volete lasciarvi sedurre ancor di più, il film giusto per voi è Lussuria - Seduzione e tradimento, il lungometraggio di Ang Lee del 2007 che scatenò un vero putiferio in Cina (e non solo). Il motivo del contendere? Le tante scene di nudo e gli intercorsi sessuali tra il protagonista e l'attrice Tang Wei. 

Tratto dal romanzo di Zhang Ailing, il film vede Tony Leung interpretare il crudele capo dei servizi segreti al soldo dei giapponesi nella Shanghai degli anni '40. Una giovane universitaria si fingerà una sofisticata signora dell'alta società per avvicinarlo, sedurlo e tentare di ucciderlo. 

Happy Together

Considerando la quantità e la qualità dei film realizzati dal duo Wong Kar-wai & Tony Leung, è lecito elencare almeno due film del regista di Hong Kong. Difficile sceglierne uno solo, ma a mio avviso merita una menzione uno dei film queer più intensi e riusciti mai realizzati: Happy Together, che vede Tony Leung recitare al fianco dei bravissimi Leslie Cheung e Chan Cheng.

Il film, girato nel 1997, è ambientato in Argentina, dove una coppia di spiantati amanti asiatici cerca un nuovo inizio per un rapporto corroso dalla gelosia e dalla volontà di possesso. Migrazione, amore, sesso, solitudine e rimorso: tanti sentimenti che si avvolgono come in un triste tango, per un film coraggiosissimo (considerando dove e quando è stato girato) e punto di riferimento per tante pellicole queer successive. 

Una valida alternativa per i fan delle arti marziali e di Bruce Lee è The Grandmaster dello stesso regista: il film è ispirato alla vita di Bruce Lee e vede per protagonista proprio Tony Leung.

NoSpoiler seleziona in modo indipendente i gadget e servizi che ti proponiamo in queste pagine e potrebbe ricevere una piccola quota (senza costi aggiuntivi per te) nel caso di acquisto tramite i link proposti.

Leggi anche

      Cerca