Il liceo Voltaire, tutto quello che devi sapere sulla prima serie francese di Prime Video

È la storia di un passaggio cruciale nella storia di Francia – le prime classi miste maschili e femminili – raccontata al Lycée Voltaire di Saint-Jean-d'Angély nel 1963: ecco quello che c'è da conoscere sull'Original in arrivo sulla piattaforma streaming.

Amazon Prime Video Le tre giovani protagoniste della serie francese Voltaire High

Il conservatorismo delle scuole "single sex" (quelle esclusivamente femminili, a differenza delle "co-ed" che ammettono entrambi i sessi) e la rivoluzione delle prime classi miste sono al centro di Il liceo Voltaire, la prima serie TV 100% francese di Amazon Prime Video.

Quella creata da Marie Roussin è una irriverente comedy di costume che ha riscosso un incredibile successo in patria non appena è stata pubblicata sulla piattaforma streaming del colosso dell'e-commerce.

D'altronde se oggi la coeducazione viene data quasi per scontata, non era affatto così nella prima metà del Novecento, quando veniva "condannata" dalla Chiesa e poco praticata nei Paesi cattolici. Mixte (questo l'eloquente titolo originale) racconta questo universo sconosciuto: le trasformazioni dell'educazione di genere nel passaggio critico degli anni Sessanta.

Amazon Prime VideoIl poster della serie Il liceo Voltaire
Il poster della serie

La trama

Il liceo Voltaire è ambientata nella Francia del 1963, lo stesso anno in cui in Italia viene approvata la cosiddetta educazione mista con la riforma scolastica che introduce la "media di tutti". In Francia il "mixté" è adottato sin dagli anni Cinquanta, ma è soltanto con il decreto Berthoin del 1959 (dal nome di Jean Berthoin, il ministro dell'Istruzione del governo De Gaulle) che sono formalizzate le classi miste con ragazze e ragazzi. Il decreto diventa attuativo nel 1963 per i licei e nel 1976 in tutte le superiori.

Al Lycée Voltaire di Saint-Jean-d'Angély, piccolo e sonnolento comune nella Nouvelle-Aquitaine, succede qualcosa di simile: il liceo, che fino ad allora accoglie esclusivamente maschi, diventa misto con i ragazzi affiancati per la prima volta da un gruppo di undici ragazze. La novità è abbastanza sconvolgente per l'epoca e l'anno accademico si presenta subito pieno di rivelazioni e sorprese, tanto per il personale quanto per gli alunni. Eppure siamo ancora lontani dal Sessantotto, che metterà in profonda crisi l'autoritarismo di chi siede dietro la cattedra.

Amazon Prime VideoIl cast della serie TV Il liceo Voltaire
La prima classe mista del Lycée Voltaire di Saint-Jean-d'Angély

Se il preside è attratto da questa "strana" esperienza di diversità, a non esserne tanto convinto è il direttore didattico Paul Bellanger, che con la moglie Jeanne, l'infermiera della scuola, sarà presto chiamato a fronteggiare gli imprevisti della convivenza: le "eccitanti" lezioni di ginnastica e i fuochi d'artificio ormonali, l'elezione dei capiclasse e i lavori in coppia, gli episodi di bullismo, omofobia e misoginia, le inevitabili cotte tra banchi e corridoi.

Al centro della storia c'è la giovane Michèle, una delle undici studentesse del Voltaire, figlia di una coppia di macellai, nipote del direttore Bellanger e sorella di Jean-Pierre, il bello della scuola. Michèle ha una passione per la compagna Simone, arrivata da poco dall'Algeria, e non sopporta di essere trattata come una ragazzina: il suo spirito ribelle sconvolgerà le certezze e le abitudini di tutta la famiglia. Attorno a lei gravitano gli altri adolescenti dell'istituto – dall'affascinante e misteriosa Annick al dolce e imbranato Henri – e il variegato "parco professori".

Il cast

La protagonista Michèle Magnan è interpretata da Léonie Souchaud, già vista in Come sono diventato un supereroe, La forêt de mon père e Il viaggio di Fanny. Il direttore didattico Paul Bellanger ha invece il volto di Pierre Deladonchamps, vincitore del César come migliore promessa maschile per Lo sconosciuto del lago di Alain Guiraudie e apprezzato in Le fils de Jean di Philippe Lioret e Madame Claude di Sylvie Verheyde.

Accanto a volti noti del cinema francese quali Anne Le Ny, Maud Wyler, François Rollin, Gérard Laroche e Christophe Kourotchkine, spiccano giovani attori già visti in altre serie, come Alexandre Desrousseaux, Vassili Schneider, Gaspard Meier-Chaurand e Lula Cotton-Frapier. Ecco il cast principale di Il liceo Voltaire ed i rispettivi personaggi.

  • Léonie Souchaud: Michèle Magnan
  • Anouk Villemin: Simone Palladino
  • Nina Meurisse: Camille Couret
  • Lula Cotton-Frapier: Annick Sabiani
  • Nathan Parent: Henri Pichon
  • Baptiste Masseline: Jean-Pierre Magnan
  • Gaspard Meier-Chaurand: Alain Laubrac
  • Alexandre Desrousseaux: André Hilbert
  • Pierre Deladonchamps: Paul Bellanger
  • François Rollin: il preside Jacquet
  • Maud Wyler: Jeanne Bellanger
  • Anne Le Ny: Hélène Giraud
  • Nina Meurisse: Camille Couret, l'insegnante di inglese
  • Margot Bancilhon: Denise
  • Amira Casar: Irène
  • Gérald Laroche: Louis Douillard
  • Vassili Schneider: Joseph Descamps
  • Christophe Kourotchkine: Gérard Magnan
Amazon Prime VideoIl poster con il cast principale della serie Il liceo Voltaire
Il poster con il cast principale della serie

I registi e la showrunner

La prima stagione di Il liceo Voltaire è composta da 8 episodi della durata compresa tra i 34 e i 43 minuti. La regia è affidata ad Alexandre Castagnetti (il regista delle commedie Love Is in the Air - Turbolenze d'amore, Tamara e La colle e del fantasy Il mistero di Arkandias) e ad Edouard Salier, l'autore dell'acclamato corto Habana, della commedia Cabeza Madre e co-regista del documentario Africa Mia, dedicato a Las Maravillas de Mali, gli inventori della musica afro-cubana. Dietro Mixte c'è la sceneggiatrice e showrunner Marie Roussin, creatrice della serie interattiva Cut, head writer di Les Bracelets Rouges (la versione francese di Braccialetti rossi) e parte della writers' room di Lupin.

L'obiettivo della Roussin è raccontare senza filtri lo "choc" delle scuole miste e l'ambiente ostile per le donne, attraverso una serie storica ma con temi tuttora contemporanei, a partire dal ruolo femminile e il sessismo quotidiano e dal tabù delle relazioni omosessuali. L'approccio è leggero e lo spirito vintage – scenografie e costumi sono curati nei minimi dettagli – si sposa con un velo di malinconia. La colonna sonora "retro rock" spazia dai Jet a Beth Ditto (l'ex cantante dei Gossip) passando per Petula Clark, X e Alexandra Savior, la cantante lanciata da Alex Turner, il frontman degli Arctic Monkeys.

Marie Roussin spiega in un'intervista all'Huffington Post che Il liceo Voltaire è ispirato alla sua stessa esperienza di studentessa nelle prime scuole miste francesi.

Ci sono molte situazioni nella serie che derivano direttamente dalla mia esperienza personale, perché in effetti sono stata educata in modo anomalo in una scuola per ragazzi. Io l'ho sperimentato alle elementari, ma ovviamente è più ricco trasporre questi ricordi ai tempi del liceo, quando sei adolescente e stai lavorando sul tuo rapporto con gli altri.

La serie mostra in maniera anche ruvida che l'accoglienza delle ragazze non è stata delle più calorose. I rapporti intergenerazionali cominciano a cambiare pure all'interno delle famiglie.

Il sessismo, tuttavia, era presente ovunque, tanto che la questione femminile si adatta perfettamente all'attualità.

L'onore della famiglia, che dipende dall'eventuale verginità o irreprensibilità delle giovani donne, è ancora sconcertante, specie perché abbastanza contemporanea.

L'uscita

Tra racconto di formazione e teen drama, Mixte è un vero e proprio tuffo nella Francia degli anni Sessanta. La ricetta è semplice: amore, risate e un pizzico di dramma. Trasmessa in patria dal 14 al 21 giugno 2021, Il liceo Voltaire arriva in Italia su Prime Video da venerdì 10 settembre.

Leggi anche

      Cerca