Shang-Chi e la leggenda dei Dieci Anelli: le creature mitologiche presenti nel film

Tutte le creature mitologiche di Ta Lo in Shang-Chi e la leggenda dei Dieci Anelli affondano le proprie radici nel folklore cinese. Scoprile tutte nella nostra guida.

Marvel Studios/Disney Un poster di Shang-Chi e la leggenda dei Dieci Anelli

L'ultimo film Marvel distribuito al cinema è Shang-Chi e la leggenda dei Dieci Anelli.

La pellicola, similmente a quanto già accaduto con Black Panther, esplora una cultura lontanissima da quella americana, con tutte le sue tradizioni e leggende.

Shang-Chi e la leggenda dei Dieci Anelli cerca di esplorare diversi elementi della tradizione orientale, incluse le creature mitologiche del folklore cinese.

Queste mistiche creature hanno catturato la nostra attenzione fin dalla loro prima apparizione sullo schermo, quando ci hanno dato il benvenuto nel regno di Ta Lo.

Andiamo allora alla scoperta del simpatico dijiang, del dragone e di tutti gli essere fantastici che abbiamo visto sullo schermo!

Dijiang

Marvel Studios/DisneyIl dijiang in Shang-Chi e la leggenda dei Dieci Anelli
Il dijiang fa ritorno a Ta Lo

Il primo animale fantastico di cui facciamo la conoscenza è Morris, un esserino senza testa, con sei zampe e due paia d'ali che fa da guida a Shang-Chi, Katie, Trevor Slattery e Xialing quando giunge il momento di varcare i confini del regno di Ta Lo.

La creatura, che inizialmente Trevor pensa essere frutto della sua immaginazione, è basata su un dio primordiale chiamato il Divino Di Jiang o, semplicemente, Dijiang.

Il suo nome appare in un antico testo cinese, risalente al 400 a.C. circa, dal titolo Shan Hai Jing, Libro dei monti e dei mari.

Il volume, oltre a descrivere la geografia della Cina è una sorta di bestiario che elenca e descrive un'ampia varietà di creature mitiche che era possibile incontrare nel paese durante il periodo degli stati combattenti.

Fenghuang

Marvel Studios/DisneyUn'immagine delle fenghuang in Shang-Chi e la leggenda dei Dieci Anelli
Una coppia di fenghuang in Shang-Chi e la leggenda dei Dieci Anelli

All'interno dello stesso testo troviamo la descrizione di un'altra creatura presente in Shang-Chi e la leggenda dei Dieci Anelli. Si tratta della fenghuang, una sorta di fenice, il volatile infuocato che tanto ricorda il digimon Birdramon e che il protagonista del film e i suoi amici osservano sbalorditi al loro arrivo nella dimensione di Ta Lo.

Nella mitologia cinese, la creatura governa su tutti gli altri uccelli ed è un ibrido tra diverse specie. Le fenghuang sono antichissime, fanno parte della mitologia cinese da oltre 8mila anni e sono simbolo di fortuna, virtù e dell'unione di Yin e Yang.

Huli jing

Marvel Studios/Disneyun branco di Huli jing Shang-Chi e la leggenda dei Dieci Anelli
Le volpi a nove code in Shang-Chi e la leggenda dei Dieci Anelli

La più nota delle bestie che dimorano nel regno di Ta Lo è la huli jing, la volpe a nove code che in Italia abbiamo conosciuto attraverso la mitologia giapponese col nome di kitsune (siamo entrati in contatto col la leggenda della volpe a nove code in Naruto e nel secondo ciclo di romanzi de Il Diario del Vampiro).

Come le creature precedenti, anche le huli jing sono descritte nel classico Libro dei monti e dei mari. Secondo la leggenda, nutrirsi di una huli jing proteggerebbe contro il veleno degli insetti. Nell'immaginario collettivo, la mistica volpe è un essere dispettoso portatrice di sventure o annunciatrice di buone novelle.

Si dice, inoltre, che raggiunti i mille anni d'età, l'huli jing possa ascendere al cielo e divenire una divinità.

Shishi

Marvel Studios/DisneyGli shishi proteggono i luoghi sacri in Shang-Chi e la leggenda dei Dieci Anelli
Gli shishi lottano accanto al popolo di Ta Lo

Enormi leoni fanno la guardia alle antiche costruzioni di Ta Lo in Shang-Chi e la leggenda dei Dieci Anelli. Anche questo dettaglio presente nella pellicola di Destin Daniel Cretton è tratto dai miti cinesi.

Si ritiene che gli shishi, o cani-leone, siano creature giunte in Cina durante la dinastia Han (tra il 206 a.C.-220 d.C.) grazie al commercio e agli scambi lungo la Via della Seta.

Sono divenute via via più importanti nella tradizione cinese con l'affermarsi del buddhismo. Gli shishi hanno assunto così il ruolo di protettori della verità, uno dei fondamenti della religione.

Le creature sono quindi state scolpite nella pietra a protezione dei palazzi reali.

Anche in Shang-Chi e la leggenda dei Dieci Anelli svolgono lo stesso ruolo: proteggono infatti un ruolo sacro.

Qilin/Longma

Marvel Studios/DisneyLa chimera di Shang-Chi e la leggenda dei Dieci Anelli
La creatura è un ibrido tra qilin e longma

Quando Shang-Chi, Katy, Xialing e Trevor attraversano la cascata che li conduce a Ta Lo, incontrano delle chimere che Trevor Slattery definisce “strani cavalli”. Gli esseri in questione hanno infatti corpo equino ricoperto di scaglie di drago e testa dalle sembianze di drago.

Si tratta di creature simili ai qilin, o unicorni cinesi, esseri mitologici antichissimi, citati per la prima volta nel Commentario di Zuo, risalente al V secolo a.C.
Nelle leggende, si racconta che i qilin fossero compagni delle divinità e che la loro presenza segnalasse l'arrivo di un essere immortale o l'ascesa di un grande sovrano benevolo.

Si dice che una coppia di qilin sia apparsa all'imperatore giallo Huangdi nel 2697 a.C. e che Wu di Han ne catturò uno nel 122 a.C.
Così i qilin hanno contribuito a consolidare la credenza secondo cui l'imperatore discendesse da una divinità.

Nel mito, i qilin hanno il corpo di un cervo, la testa di un cavallo e la coda di bue. Le caratteristiche delle creature in Shang-Chi e la leggenda dei Dieci Anelli presentano similitudini con i longma, leggendari cavalli alato il cui corpo è ricoperto di scaglie di drago. La presenza di un logma è simbolo dell'ascesa di un sovrano saggio e giusto.

Drago

Marvel Studios/DisneyIl drago protettore in Shang-Chi e la leggenda dei Dieci Anelli
Il Grande Protettore appare a Shang-Chi per lottare contro i divoratori di anime

La più popolare e universalmente riconoscibile creatura mitologica cinese è il drago. Nell'antica cultura cinese, i draghi erano associati al potere divino e l'imperatore, considerato figlio del cielo, era solito circondarsi di incisioni, affreschi e sculture che li raffiguravano.

Se nella cultura occidentale il drago è spesso sinonimo di potere del fuoco, nella tradizione cinese simboleggia il cielo e l'acqua. I draghi sono responsabili del turbinio dell'acqua, dello scorrere dei fiumi e delle cascate. Alcuno, come i leggendari Re Draghi, riescono ad assumere sembianze umane e sono responsabili della pioggia.

Il drago è, nella cultura cinese, simbolo di potere, virtù, saggezza, forza e fortuna ancora oggi.

Simboli del drago sono usati quotidianamente in Cina, soprattutto in ambito architettonico.

Noti sono infatti i cosiddetti Cancelli del Drago, delle aperture poste lungo le facciate degli edifici (ci riferiamo in particolare ai grattacieli di Hong Kong) che permetterebbero il passaggio degli esseri mitologici e il conseguente rilascio di energia positiva.

Leggi anche

      Cerca