10 thriller erotici da vedere su Prime Video se ti è piaciuto The Voyeurs

Il film di Michael Mohan (il regista di Everythings Sucks!) con Sydney Sweeney, Justice Smith, Ben Hardy e Natasha Liu Bordizzo esplora la sessualità più torbida e morbosa: ecco altri 10 titoli simili da recuperare sulla piattaforma streaming.

Amazon Studios Ben Hardy e Natasha Liu Bordizzo in una scena del film The Voyeurs

È disponibile dal 10 settembre per gli abbonati di Amazon Prime Video il terzo lungometraggio di Michael Mohan, The Voyeurs. Il regista di Everything Sucks! si confronta con una materia bollente: i meandri della sessualità morbosa e il rapporto tra realtà e apparenza.

La storia di The Voyeurs ha per protagonisti Pippa (Sydney Sweeney) e Thomas (Justice Smith), una giovane coppia che si è appena trasferita in un loft di lusso di Montréal. Dalla loro finestra sul cortile ammirano la strana coppia che vive dall'altra parte della strada: il fotografo Seb (Ben Hardy) e la modella Julia (Natasha Liu Bordizzo).

I due non si fanno problemi a consumare amplessi selvaggi davanti alle finestre illuminate del loro elegante appartamento. Inizialmente titubanti e poi incuriositi, Pippa e Thomas si mettono a spiare Seb e Julia mentre fanno sesso. Questo voyeurismo estremo fa riesplodere in loro la passione, ma li mette pure in pericolo quando scoprono che il vicino fa l'amore anche con altre donne che non sono sua moglie.

The Voyeurs è un thriller erotico (dal finale scioccante) che offre allo spettatore parecchie sequenze di sensuale sesso esplicito. Il genere, d'altronde, ritorna ciclicamente in auge dagli anni Settanta e negli ultimi tempi è diventato di tendenza sulle piattaforme di streaming, a partire dal successo di 365 giorni: ecco allora una selezione di 10 film simili da (ri)vedere su Prime Video dedicata ai fan di Pippa e Thomas, e non solo.

Inserzione pericolosa

Bridget Fonda è Allie, una donna in carriera alla ricerca di una nuova coinquilina per il suo loft di Manhattan da quando ha scoperto che il suo futuro marito se la fa ancora con la ex. All'annuncio risponde Hedra (Jennifer Jason Leigh), una ragazza apparentemente tranquilla che si rivela in realtà una pericolosa e ossessiva manipolatrice. Tra Hitchcock e Bergman, Barbet Schroeder costruisce un torbido thriller sui corpi di due dive all'epoca davvero rivali in amore (per Eric Stoltz).

Unfaithful - L'amore infedele

Adrian Lyne è il regista di Attrazione fatale e in questo remake di Stéphane, una moglie infedele di Chabrol solletica ancora l'eccitazione del pubblico con l'erotismo patinato del bellissimo trio di protagonisti, composto da Richard Gere, Diane Lane e Olivier Martinez. I primi due sono una ricca coppia di New York, Edward e Connie, sconvolta dall'incontro di lei con il misterioso Paul. L'avventura extraconiugale si trasforma presto in un'ossessione dalla quale è difficile uscire.

Sex Crimes - Giochi pericolosi

Il prof di un liceo (Matt Dillon) è accusato di stupro da due studentesse problematiche, Suzie (Neve Campbell) e Kelly (Denise Richards). Sul caso indaga il detective Ray (Kevin Bacon), che scopre come tutti abbiano più di un segreto da nascondere. La torrida scena di sesso a tre stuzzica le fantasie erotiche degli spettatori a distanza di anni: non a caso quello di John McNaughton (il regista di Henry - Pioggia di sangue) è un cult assoluto dei Novanta.

Pola X

La relazione tragica e romantica di Pierre (Guillaume Depardieu), un ragazzo dal rapporto vagamente incestuoso con la mamma Marie (Catherine Deneuve) e prossimo alle nozze con la fidanzata Lucie (Delphine Chuillot), con Isabelle (Yekaterina Golubeva), la giovane donna incontrata nella foresta che dice di essere sua sorella, abbandonata anni prima dal padre. Nel suo quarto "scandaloso" lungometraggio, vagamente ispirato a Pierre o delle ambiguità di Herman Melville, Leos Carax rivisita il mélo classico a suon di rock e sequenze hard girate "dal vero".

Amantes

Nella Madrid del 1950, in pieno regime franchista, Paco (Jorge Sanz) cerca un lavoro per sposare la fidanzata ancora vergine Trini (Maribel Verdú). Trova impiego in una fornace, ma soprattutto affitta una stanza nella pensione di Luisa (Victoria Abril, premiata con l'Orso d'argento come migliore attrice alla Berlinale per la sua performance), una vedova provocante e ninfomane con la quale intreccia un legame carnale. Un mélo nero firmato dal veterano Vicente Aranda, che per raccontare questo torrido triangolo amoroso mescola noir ed erotismo spinto.

Rivelazioni

La coppia Michael Douglas e Demi Moore torna a ruggire in questo thriller (più politico che erotico) di Barry Levinson, basato sul romanzo di Michael Crichton. Il frullato è "sex, power & computers": un dirigente di una grossa società hi-tech denunciato di stupro da una collega con cui ha avuto una relazione dieci anni prima. La colonna sonora è di Ennio Morricone, gli effetti visivi della Industrial Light & Magic.

Secretary

Lee (Maggie Gyllenhaal) è una donna imbranata e maldestra che viene assunta come segretaria da un "dominante" uomo d'affari chiamato Mr. Grey (James Spader). Oltre il lavoro, tra i due si sviluppa subito un rapporto di passione e sottomissione. Rivelazione al Sundance del 2002, il secondo film di Steven Shainberg (il regista di Fur - Un ritratto immaginario di Diane Arbus e Rupture) è una black comedy deviata e sadomasochistica, carica di tensione erotico-emotiva.

Sliver

Il regista Phillip Noyce e lo sceneggiatore Joe Eszterhas portano sugli schermi il romanzo di Ira Levin: la storia di Carly (Sharon Stone), una 30enne single che si trasferisce nell'esclusivo 113, un grattacielo di New York dove gli inquilini – il designer di videogiochi Zeke (William Baldwin), lo scrittore Jack (Tom Berenger), la modella Vida (Polly Walker) e il docente Gus (Keene Curtis) – sono sorvegliati dalle telecamere di sicurezza e dove avvengono strane morti sospette. La suspense non è ai massimi livelli, ma la Stone si lascia andare ad intensi exploit erotici.

Basic Instinct

Il film di Paul Verhoeven che ha garantito a Sharon Stone lo status di sex symbol senza tempo e femme fatale per eccellenza. Il mito degli anni Novanta non si è scalfito con lo scorrere del tempo, nonostante l'attrice abbia sostenuto che la scena delle gambe accavallate sia stata girata con l'imbroglio e che sul set le venne chiesto di avere rapporti sessuali veri. Il regista olandese ha replicato che non c'è stato alcun inganno: la ripresa delle sue parti intime non solo era concordata, ma basata sull'episodio vero di una donna che Verhoeven aveva incontrato quando era studente all'università di Leiden.

Cherry

Dramma generazionale zeppo di scene piccanti questo dell'australiano Stephen Elliott. Angelina (Ashley Hinshaw) è una ragazza di provincia piena di problemi, che con l'amico Andrew (Dev Patel) si trasferisce a San Francisco per allontanarsi dalla madre alcolizzata e il padre violento. A Frisco diventa Cherry quando la regista Margaret (Heather Graham) la introduce nel mondo del porno.

L'incontro con l'avvocato cocainomane Frances (James Franco) fa cadere Angelina in una spirale di perdizione, prima dell'inevitabile lieto fine. La sceneggiatura del film di Elliott è ispirata alla vera storia di Lorelei Lee, porn performer che ha denunciato i lati oscuri del mondo del cinema per adulti e si è battuta in difesa del pornodivo John "Buttman" Stagliano, processato per oscenità a causa del film Milk Nymphos. "I porno sono così – ha detto la Lee in un'intervista al magazine Salon –. Non li faccio per essere scioccante o provocatoria. Li faccio per il pubblico che li cerca. C'è una comunità di persone che trova questi film sexy, erotici, gioiosi e persino belli. Se non vi piacciono, non guardateli".

Leggi anche

      Cerca