Midnight Mass: il finale della serie TV horror di Netflix, spiegato

È Apocalisse il titolo dell'ultimo episodio di Midnight Mass: qual è il suo significato e quali sono i riferimenti letterari ai quali Mike Flanagan potrebbe essersi ispirato.

Netflix Erin Green

Mike Flanagan ha realizzato molto probabilmente quella che è da considerarsi - al momento - la sua opera più ambiziosa ossia Midnight Mass. La serie TV mystery/horror disponibile su Netflix è composta da 7 episodi ambientati sull'isola di Crockett Island, dove vive una comunità molto devota al Dio cristiano.
Ecco quindi, per chi ha già visto la serie, la spiegazione dell'intenso finale di Midnight Mass punto per punto:

Cosa succede nel finale di Midnight Mass

La trama della serie ruota attorno all'interpretazione dei testi sacri e alla loro applicazione alla vita reale. In Midnight Mass Padre Paul - che in realtà è un giovane Monsignor Pruitt - interpreta quella che per tutti sarebbe una maledizione (si trasforma in un vampiro) in una benedizione divina, scambiando persino il suo carnefice (il vampiro alato) per un angelo benefattore.

La devozione di Padre Paul verso Dio è assoluta. Lui ci crede così ciecamente che non vede il male in quello che gli è accaduto. Allora Padre Paul porta con sé sull'isola la sua esperienza "divina" (che comprende anche il vampiro originale) convinto davvero di poter fare del bene alla sua comunità.

Messa dopo messa, Padre Paul fa ingerire - a insaputa dei credenti - il sangue del vampiro alato mischiandolo al vino della comunione. Ciò trasforma gli umani in potenziali vampiri. Al fine di concludere il passaggio umano/vampiro e conquistare la vita eterna è necessario morire per resuscitare. Il parallelismo utilizzato da Mike Flanagan è quello della Pasqua ossia della resurrezione di Cristo dopo la morte in croce.

Stasera verremo messi alla prova, solo un po', ma verremo messi alla prova come Gesù.

NetflixPadre Paul
Padre Paul rivela tutta la verità sul suo viaggio ai fedeli

Quindi per la messa di Pasqua che si svolge a mezzanotte (da qui il titolo della serie), Pruitt e la sua collaboratrice Bev hanno intenzione di chiedere ai praticanti presenti in chiesa un atto di fede: ingerire del veleno per topi al fine di morire per poi resuscitare qualche minuto dopo.

La maggior parte dei presenti segue il consiglio del prete poiché la loro mente è ormai condizionata da ciò che hanno visto (il miracolo di Leeza per esempio) e da ciò che il prete gli ha ripetuto incontro dopo incontro utilizzando suggestivi versi della Bibbia accuratamente scelti. Inoltre, la presenza in chiesa del vampiro/angelo alato ha "illuminato" i fedeli.

Un angelo del Signore si presentò davanti a loro. Essi furono presi da grande spavento.

NetflixUn demone con la tunica del prete
Il demone vampiro si mostra ai fedeli nel sesto episodio di Midnight Mass

Padre Paul però non ha parlato degli "effetti collaterali" di questa pratica religiosa: sete di sangue e morte nel caso in cui ci si esponesse ai raggi del sole. La fame inarrestabile dei presenti trasformati fa scattare il caos all'interno della chiesa: figli che mangiano i propri genitori e mariti che succhiano il sangue dalle loro consorti!

Così si conclude il sesto episodio - intitolato Atti degli apostoli - che vive nel parallelismo tra i racconti dei viaggi dell'apostolo Paolo (ciò spiega la scelta del nome nuovo di Pruitt) e quelli di Padre Paul in Terra Santa. Inoltre, così come accade per Paolo negli Atti degli apostoli, anche a Crockett Island aumenta la volontà dei discepoli di diffondere il verbo.

NetflixPadre Paul in chiesa
Padre Paul chiede di avere fede

Il settimo episodio è invece intitolato Apocalisse, che dall'origine greca significa "rivelazione". La rivelazione nella Bibbia è data dal manifestarsi di Dio alla fine dei tempi. In questo episodio i vivi scappano dai vampiri affamati di sangue ma tra questi c'è una importante distinzione: alcuni vampiri decidono di trattenersi e di non bere sangue altrui.

Ciò vuol dire che più delle parole conta il modo di comportarsi. Bev, per esempio, sembrerebbe la più religiosa e devota di tutti, ma è l'ultima a seguire la corretta via della fede: uccide ed è cattiva con chi non le offre un tornaconto. Al contrario i coniugi Flynn o la signora Gunning (madre della dottoressa Sarah) decidono di placarsi e di comportarsi bene, così come lo sono stati in vita.

Questo modo di mostrare la propria vera natura dimostra che ciò in cui ha creduto padre Paul era un male e non un bene: non una vita eterna ma una maledizione eterna. A dimostrazione di ciò lo stesso padre Paul si discosta dai nuovi vampiri assetati di sangue e chiede scusa per il suo operato.

NetflixL'attrice Alex Essoe
La ringiovanita signora Gunning

La canzone di Ed e Annie Flynn

Quando Annie riabbraccia suo marito Ed alla fine dell'ultimo episodio di Midnight Mass, lei intona una canzone che poi canteranno tutti gli abitanti dell'isola. Il momento è molto emozionante perché tutti si rendono conto che non appena arriverà l'alba, tutti in quanto vampiri moriranno per davvero.

Il brano scelto da Flanagan è Nearer, My God, to Thee ovvero un inno cristiano che si basa sul sogno di Giacobbe, narrato nel Libro della Genesi.
Nel suo sogno Giacobbe ha raccontato di aver visto una scala dalla quale gli angeli salivano e scendevano dal cielo alla Terra e viceversa. Nearer, My God, to Thee è considerata una canzone di addio. Infatti il brano parla della vicinanza a Dio e chi lo canta chiede al Signore la pace.

Curiosità: questa stessa canzone è stata usata da James Cameron nel film Titanic. La leggenda vuole che i musicisti nei loro ultimi istanti, prima di affondare, suonarono proprio questo brano:

Il discorso di Erin Greene

Che succede quando moriamo?

Erin Green risponde alla domanda con un discorso lungo, articolato e complesso. Lei dice che il corpo è uno spazio vuoto come un contenitore. Dice che siamo fatti di energia, che esistiamo prima e dopo la vita. E questa è fatta di immagini e ricordi. Tutto si basa sull'energia che nella vita fluisce nel nostro corpo e accende con tanti piccoli fulmini i neuroni del cervello. Tutto ciò ci restituisce immagini e ricordi.

NetflixErin Green sta morendo
Erin Green

Quando moriamo questa energia lascia il corpo morente e si trasferisce altrove, in qualche altra galassia nell'universo infinito. Ognuno di noi è quindi una parte di qualcosa di più grande. Poi, nel suo discorso, Erin si riferisce ai sogni:

Noi siamo quel cosmo che sogna se stesso. È un semplice sogno che credo sia la mia vita ogni volta, ma me lo dimentico puntualmente. Dimentico sempre i miei sogni.

Sostanzialmente Flanagan mette in gioco la reincarnazione di una energia vitale che non muore mai. Questa energia trasporta con sé il sogno (l'insieme di immagini e ricordi) nel prossimo "contenitore" da far vivere.

In questo contesto vale la pena ricordare una famosa frase di William Shakespeare scritta nell'opera teatrale dal titolo La Tempesta:

Anche noi siamo fatti della materia di cui sono fatti i sogni e la nostra breve vita è circondata da un sonno.

Il parallelismo con il drammaturgo inglese non sembra essere un caso, dato che quest'ultimo ha scritto, ne Il Mercante di Venezia, che le nostre anime sono immortali e racchiuse in un "rozzo contenitore di fango".

NetflixErin Green sorridente
Erin parla con Riley

Che fine ha fatto la creatura?

Questa spiegazione del finale di Midnight Mass si conclude con un punto interrogativo che non ha risposta: che fine ha fatto la creatura alata?

Ebbene alla fine dell'ultimo episodio il vampiro sta cercando di scappare dall'isola, che non offre riparo dal sole. Le ali del vampiro sono lacerate e ciò dovrebbe rallentare il suo volo come dice il giovane Warren Flynn (salvo sulla sua canoa insieme a Leeza). Purtroppo però lo spettatore non riesce a capire se il vampiro riesce a salvarsi in qualche modo o se muore incenerito dai raggi del sole.

Ovviamente non vi è risposta ma si può pensare che Mike Flanagan abbia "lasciato aperta una porticina" per una eventuale seconda stagione di Midnight Mass. Al momento non c'è alcun comunicato ufficiale in merito, ma - qualora si fosse salvato - il vampiro potrebbe raggiungere un altro posto e dare vita a una nuova storia.

Leggi anche

      Cerca