Host batte tutti: è primo nella classifica dei 30 horror più spaventosi di sempre

La lista di "Science of Scare Project" basata sul battito cardiaco medio del pubblico è stata aggiornata al 2021 e – sorpresa! – in vetta balza il britannico Host di Rob Savage, l'Original di Shudder girato via Zoom in pieno clima da paranoia Covid.

Shudder/Shadowhouse Films Haley Bishop in una scena del film Host

Qual è il film horror più spaventoso di tutti i tempi? Domanda impossibile. Da qualche tempo, tuttavia, i ricercatori di "Science of Scare Project" tentano di dare una risposta (più o meno) scientifica al quesito. Broadbandchoices, comparatore di prezzi britannico nei settori mobile, TV e internet, assolda ogni anno un team di specialisti per stilare una speciale classifica dei titoli più paurosi di sempre "secondo la scienza".

Il metodo usato, in questo caso, è la frequenza media del battito cardiaco, e la sua accelerazione. L'esperimento ha invitato 250 "vittime" a guardare i 40 film horror "più spaventosi del mondo", selezionati tra la lista del 2020, i "best of" della critica e i titoli più apprezzati nelle raccomandazioni di Reddit, incluse le uscite degli ultimi 18 mesi.

Gli spettatori del campione, "rinchiusi" nelle "screaming rooms", sono stati monitorati per oltre cento ore. È stato quindi possibile stabilire in modo "scientifico" quali scene abbiano fatto sobbalzare sulla poltrona e schizzare il battito cardiaco oltre la media standard di 64 Bpm. A sorpresa, il film horror più spaventoso di sempre, al primo posto, non è più Sinister di Scott Derrickson – "vincitore" nel 2020 – ma Host di Rob Savage.

ShudderIl poster del film Host di Rob Savage
Host di Rob Savage è davvero il film horror più spaventoso di sempre?

Produzione indipendente di Shadowhouse Films, Host è un Original di Shudder, la piattaforma di AMC Networks (non ancora disponibile in Italia) completamente dedicata a horror, thriller, soprannaturale e fantascienza. Passato in alcuni festival specializzati (dal MOTELX - Lisbon International Horror Film Festival al FANT di Bilbao), il film dura appena 56 minuti e nella maggior parte del mondo è uscito direttamente in streaming.

Diretto e ambientato durante il lockdown dall'esordiente Rob Savage, Host è l'estensione di un video diventato virale sul web (parte dell'iniziativa #sheltershorts e Staff Pick di Vimeo) e la troupe l'ha girato e montato da remoto in 12 settimane utilizzando Zoom come i protagonisti. La storia, infatti, si svolge in tempo reale durante una call, quando Haley e i suoi amici Edward, Caroline, Emma, Jemma e Radina si riuniscono online per una seduta spiritica con un sensitivo scozzese. L'ingresso di una "presenza" nel meeting finirà per trasformare la videochiamata in un incubo.

La sfilza di scosse e jump scares che Savage infila nell'ultima mezz'ora di Host ha terrorizzato il pubblico del test. Il successo del film è inoltre valso al regista le chiamate di Jason Blum (il produttore gli ha offerto un contratto per tre film con Blumhouse), Sam Raimi (per lui girerà un "one-location supernatural horror") e Studiocanal, che l'ha reclutato per un "The Conjuring meets The Descent… ma ambientato in una prigione". Nella classifica di Broadbandchoices, Host strappa il primato grazie ai suoi 88 Bpm in condizioni "normali" del pubblico e alla differenza più violenta tra frequenza cardiaca a riposo e picco di terrore suscitato: 24 Bpm. Al minuto 46 c'è la scena più agghiacciante che fa raggiungere i 132 Bpm.

In seconda posizione, sul podio, c'è Sinister con 86 Bpm, "scossa" a 130 e differenziale a 22. James Wan occupa il terzo e il quarto gradino, rispettivamente con Insidious e L'evocazione - The Conjuring, il cui sequel, Il caso Enfield, finisce invece al decimo posto. Insidous vanta pure il record per il jump scare più impetuoso: 133 Bpm.

I 30 horror più spaventosi di sempre, aggiornati al 2021

La Top 30 non include soltanto titoli molto recenti come Hereditary di Ari Aster (quinto posto) e l'argentino Terrorizzati di Demián Rugna in sesta posizione.

Tra i fondamentali del cinema horror degli anni Settanta e Ottanta spiccano Nightmare al 16esimo posto, Halloween (l'originale di John Carpenter) al 17esimo, Non aprite quella porta (quello del 1974 di Tobe Hooper) al 18esimo, L'esorcista al 21esimo, Poltergeist al 27esimo e Venerdì 13 al 29esimo.

  1. Host
  2. Sinister
  3. Insidious
  4. L'evocazione - The Conjuring
  5. Hereditary - Le radici del male
  6. Terrorizzati
  7. It Follows
  8. A Quiet Place II
  9. Paranormal Activity
  10. The Conjuring - Il caso Enfield
  11. Babadook
  12. The Descent - Discesa nelle tenebre
  13. Il terrore del silenzio
  14. A Quiet Place
  15. The Ring
  16. Nightmare - Dal profondo della notte (1984)
  17. Halloween (1978)
  18. Non aprite quella porta (1974)
  19. IT (2017)
  20. The Conjuring - Per ordine del Diavolo
  21. L'esorcista
  22. [REC]
  23. 28 giorni dopo
  24. Candyman (2021)
  25. Ju-on - Rancore (2002)
  26. L'uomo invisibile (2020)
  27. Poltergeist (1982)
  28. The Blair Witch Project - Il mistero della strega di Blair 
  29. Venerdì 13 (1980)
  30. Alien

Alien, il capostipite della saga diretto da Ridley Scott nel 1979, chiude la lista in ultima posizione. Oltre a Host, le altre new entry sono A Quiet Place II, The Conjuring - Per ordine del Diavolo, Candyman (il "sequel spirituale" di Nia DaCosta prodotto da Jordan Peele) e L'uomo invisibile, quello di Leigh Whannell con Elisabeth Moss. Infine escono dalla Top 30, rispetto al 2020, il capolavoro La cosa, The Witch, Scream, The Orphanage e Annabelle.

Leggi anche

      Cerca