Squid Game: la teoria che potrebbe sconvolgere il vostro modo di vedere la serie

I giochi di Squid Game potrebbero nascondere una verità che potrebbe sconvolgere il senso del twist finale: ecco di cosa si tratta.

Netflix Il-nam

Squid Game è la nuova serie TV sud-coreana di Netflix che porta in scena una serie di giochi mortali dai quali uscirà un solo vincitore. Il concept dello show non è certo il primo del suo genere ma la serie è stata scritta molto bene da Hwang Dong-hyuk, il quale ha dato spessore ai personaggi principali (e non sono pochi) e più chiavi di lettura alla trama.

A proposito di ciò, un utente di TikTok - tale @ruthbellpan - ha suggerito una teoria molto interessante che riguarda due giocatori ben precisi. Secondo l'utente, questa sua idea sarà al centro di una eventuale seconda stagione di Squid Game.

Attenzione: da questo momento in poi l'articolo conterrà spoiler sul finale della serie.

Secondo l'utente di Tik Tok @ruthbellpan il giocatore numero 001 ossia Oh Il-nam sarebbe il padre biologico del giocatore numero 456 ovvero Seong Gi-hun. Ciò, sempre secondo il fan dello show, verrà svelato in qualche modo nell'eventuale seconda stagione.

A prescindere se ciò verrà rivelato in nuovi episodi di Squid Game, in questo articolo troverete tutti i momenti salienti che farebbero pensare che questa teoria è corretta.

001 e 456 si incontrano per la prima volta

Due giocatori di Squid Game
001 e 456 si incontrano per la prima volta

Nell'episodio 1 di Squid Game si assiste al primo incontro tra il giocatore 001 aka Oh Il-nam e il giocatore 456 aka Seong Gi-hun: quest'ultimo si ferma a osservare un anziano che conta i giocatori. Questa scena è importante per diversi fattori:

001 attira l'attenzione di 456

Conoscendo il finale della serie si sa che 001 è il creatore dei giochi e quindi conosce benissimo il loro funzionamento. Quindi lui è ben conscio che il numero totale dei giocatori è scritto su un grande tabellone luminoso. Allora perché conta ad alta voce il numero dei giocatori? Con il senno di poi la risposta è semplice: Il-nam deve attirare l'attenzione di Gi-hun.

L'anziano conosce la situazione familiare di Gi-hun

Durante la loro prima discussione, Gi-hun dice all'anziano che alla sua età non dovrebbe stare in un posto del genere ma dovrebbe essere coccolato dai nipotini, mentre la nuora gli cucina dei piatti caldi. Allora 001 chiede con tono retorico - già conscio della risposta - "e i tuoi genitori mangiano del buon cibo preparato dalla loro nuora?". Questa domanda tocca un tasto dolente nella vita di Gi-hun che vive da divorziato solo con la madre. Gi-hun infatti resta senza parole.

Il primo e l'ultimo

Gi-hun si rende conto che l'anziano è il primo giocatore a essere arrivato e lui è l'ultimo. In questa numerazione potrebbe essere nascosto un codice di riconoscimento utile a Il-nam per intercettare il figlio, che non vede da anni.

I giorni contati

Infine, da questo primo incontro viene fuori il fatto che l'anziano Il-nam ha i giorni contati a causa di un tumore al cervello. Queste informazioni non si condividono certo con chiunque: l'anziano vuole far sapere al "figlio" che sta per morire a prescindere dai giochi. 

Insieme fuori dai giochi

NetflixIl-nam
001 incontra 456 fuori dai giochi

Nel secondo episodio c'è un'altra scena molto significativa che rafforza la teoria che vede Il-nam come padre biologico di Gi-hun.
A questo punto della trama i due si sono parlati solo una volta, ma nonostante questo Il-nam decide di andare a trovare Gi-hun nel suo quartiere. Consci del finale della serie è chiaro che Il-nam mente a Gi-hun dicendogli che si trova lì perché non ha un posto dove andare e che un amico del luogo lo può ospitare.
Se 001 non avesse un legame particolare con 456 perché dovrebbe andare a trovarlo? Perché proprio Gi-hun e non uno degli altri 454 giocatori?

NetflixIl-nam e Gi-hun in un bar insieme
Il-nam e Gi-hun

Quando Il-nam si siede nello stesso tavolino di Gi-hun, quest'ultimo esclama "Che strano incontrarci qui!" e Il-nam risponde: "Immagino che fossimo destinati a incontrarci".
La scena è anche impreziosita da un tenero passaggio in cui Il-nam condivide con Gi-hun uno snack salato. In questi momenti l'anziano è sempre sorridente, segno della sua felicità.

L'incontro però non serve a Il-nam solo per rivedere il "figlio", ma anche per convincerlo a tornare a giocare ancora insieme. Se questa teoria è vera lo scopo ultimo di Il-nam è quello di passare ancora del tempo con il figlio che (per qualche motivo) non ha potuto crescere.

Ricordi d'infanzia

Durante uno dei pasti dei giocatori (mostrato nell'episodio 3) Gi-hun rifiuta una bottiglia di latte perché dice di non digerirlo fin da quando era bambino. A quel punto Il-nam si rivolge a lui:

Scommetto che tuo padre ti riempiva di sculacciate quando eri bambino.

La risposta di Gi-hun è affermativa: "e tu come lo sai?", così Il-nam gli rivela "Mio figlio era come te".

Il passato di Gi-hun

Durante l'episodio 5 Gi-hun e Il-nam fanno un turno di guardia insieme per prevenire eventuali attacchi da altri giocatori. Questo momento si rivela molto intimo per Gi-hun, poiché lui stesso svela cosa è successo quel giorno in cui è nata la figlia e al contempo è morto un suo collega di lavoro.

Il-nam ascolta 456 e si dimostra dispiaciuto per il riaffiorare dei brutti ricordi. Contestualmente ammette di aver seguito la faccenda dello sciopero della fabbrica al telegiornale.

Il gioco delle biglie

L'episodio forse più bello dell'intera serie, ovvero il sesto, vede 001 e 456 giocare l'uno contro l'altro al gioco delle biglie. L'anziano ha pianificato tutto e quindi sa già che uscirà dai giochi alla fine di questo turno: in qualche modo dovrà essere Gi-hun a vincere.

NetflixI giocatori 001 e 456 in Squid Game
Gi-hun e Il-nam insieme nel gioco delle biglie

Questo episodio contiene diversi indizi a supporto della teoria secondo la quale Il-nam è il padre di Gi-hun:

Lo scambio di felpa

Quando i giocatori stanno scegliendo con chi fare coppia, l'anziano Il-nam è conscio del fatto che, scelto o non scelto, lui uscirà dai giochi a questo turno. Allora, incontrandosi con Gi-hun, l'anziano offre a quest'ultimo la sua felpa con la scritta "001" dicendogli:

Devi rimetterti questa. La gente ti guarda dall'alto in basso se non hai la giacca addosso.

Netflix001 e 456 di Squid Game
Il-nam dà la sua giacca a Gi-hun

Gi-hun rimane perplesso perché forse non capisce immediatamente la frase dell'anziano ma comunque indossa la felpa. Essere "guardati dall'alto in basso" significa essere giudicati inferiori o più bassi in grado e ciò suona come un consiglio padre-figlio. Indossare la giacca 001 ovvero quella dell'ideatore dei giochi potrebbe voler dire avere la sua protezione. Quindi le guardie d'ora in poi avrebbero dovuto salvaguardare la vita di 456.

Gganbu

Il-nam conosce l'esito del gioco delle biglie ed è conscio del fatto che dovrà giocare contro e non insieme a Gi-hun. Nonostante questo lui propone al "figlio" di diventare il suo Gganbu ovvero un migliore amico con il quale condividere tutto. Praticamente tutto ciò che un padre vorrebbe dal figlio.

Il compleanno del figlio

Durante la partita a biglie l'anziano Il-nam, proprio mentre finge di avere perdite di memoria, chiede a Gi-hun che giorno è, poiché è vicino il compleanno di suo figlio.
Con la mente Il-nam torna a quando il figlio era un bambino e dice:

Volevo comprargli un robot giocattolo per il compleanno. Ma l'anno scorso l'ho dimenticato e non gli ho preso nulla. Questa volta devo comprargli qualcosa.

Ciò indica che Il-nam era poco presente in veste di padre e che ha intenzione di rimediare: il montepremi di questa edizione dei giochi rappresenta un regalo per il figlio?

Da valutare anche una piccola incongruenza di date che però - attenzione - potrebbe essere attribuita ai sottotitoli italiani. Nel primo episodio Gi-hun digita la sua data di nascita come PIN del bancomat della madre che corrisponde al 26 aprile. Nel doppiaggio italiano viene detto che il compleanno del figlio di Il-nam è il 24 del mese ma nella versione inglese la frase è leggermente diversa. Il-nam infatti, quando Gi-hun gli dice che è il 24, dice che "presto" suo figlio compirà gli anni.

NetflixIl-nam
Il-nam racconta del compleanno del figlio

La casa di Il-nam

Il quartiere dove si gioca a biglie è stato progettato dallo stesso Il-nam. In uno dei vicoli c'è infatti una costruzione che è uguale a quella dove lui abitava - per sua stessa ammissione - con la moglie e il figlio.
All'interno della casa l'anziano giocatore numero 001 continua a parlare del figlio dicendo che quando lui tornava dal lavoro quest'ultimo giocava con gli amici senza neanche accorgersi che suo padre era rientrato a casa. Ciò indica che non vi era un buon rapporto tra Il-nam e il suo bambino.

Netflix001 e 456 al gioco delle biglie
Il saluto tra Il-nam e Gi-hun

All'interno della casa, Il-nam cede la sua ultima biglia a Gi-hun ringraziandolo di averlo fatto divertire e poi, poco dopo, lo abbraccia promettendogli che andrà tutto bene. Così come un padre, anche nel momento peggiore della sua vita, rassicura i figli. Infine, il giocatore 001 svela al "figlio" il suo nome e gli chiede di ricordarselo.

Il-nam sul letto di morte

Dopo un anno che Gi-hun ha vinto gli Squid Game viene invitato a presentarsi al 24esimo piano di un lussuoso palazzo. Qui il vincitore dei giochi scopre che il giocatore 001 è ancora vivo e che è stato lui a ideare gli Squid Game. Ciò che contribuisce ad alimentare la teoria che Il-nam sia il padre di Gi-hun è che l'anziano abbia voluto vedere il figlio prima di morire suggerendogli di utilizzare la fortuna vinta per godersi la vita.

Grazie a te ho potuto ricordare cose del passato che avevo dimenticato da tempo. Era passato tantissimo tempo dall'ultima volta che mi ero divertito così.

L'ultima frase pronunciata da Il-nam non può riferirsi soltanto al gioco in sé. Pare chiaro che c'è qualcosa di più dietro le sue parole. Infatti, i ricordi a cui si riferisce Il-nam sono quelli legati a suo figlio narrati nell'episodio 6.

Il flashback

Il flashback mostrato nell'episodio 9 relativo a quando Il-nam ha deciso di entrare come concorrente lascia aperta una domanda: perché l'anziano ideatore di Squid Game è entrato nel gioco proprio in questa edizione e non in una delle tante edizioni passate? Potrebbe aver voluto partecipare proprio perché è riuscito a ritrovare il figlio?

Leggi anche

      Cerca