Squid Game 2: Lee Jung-jae vorrebbe tornare a essere il giocatore 456

Squid Game è la serie più popolare di Netflix, tanto che gli spettatori non fanno altro che domandarsi se e quando verrà rinnovata per la stagione 2. Nonostante non ci siano ancora novità a riguardo, Lee Jung-jae è sicuro di voler tornare a essere Gi-hun.

Netflix Lee Jung-jae nel ruolo di Seong Gi-hun in una scena di Squid Game

Il successo di Squid Game sembra inarrestabile: svettata al primo posto nella Top 10 dei titoli più visti su Netflix, la serie scritta e diretta da Hwang Dong-hyuk è diventata in breve tempo la più vista di sempre al lancio, superando perfino il period drama Bridgerton, che fino a ora deteneva il primato.

Sui social non si parla d'altro che di Squid Game, e visto il successo senza precedenti della produzione sudcoreana, è inevitabile che sorga una domanda: ci sarà una seconda stagione? Hwang Dong-hyuk ha già espresso alcune considerazioni a riguardo, affermando che, visto il lunghissimo processo di realizzazione della stagione 1, sarà difficile tornare a lavoro tanto presto, a meno che non venga affiancato da un cospicuo gruppo di sceneggiatori e registi esperti che lo aiutino a portare a termine il compito.

Coi numeri della serie, è molto probabile che Netflix decida di rinnovare Squid Game per una seconda stagione, anche perché il finale, con un rabbioso Gi-hun intento a farla pagare agli ideatori dei giochi, lascia aperto uno spiraglio per una continuazione.

E a proposito di Gi-hun, anche il suo interprete, l'attore Lee Jung-jae, si è lasciato andare a qualche dichiarazione per Entertainment Weekly. Per la star di Squid Game, nonostante credesse molto nel progetto vista l'ottima sceneggiatura, il successo è arrivato del tutto inaspettato, mai avrebbe previsto che la serie arrivasse a dei risultati così importanti in Occidente, tanto da essersi detto estremamente grato per l'amore ricevuto dai fan del k-drama.

E se, vista la popolarità sempre crescente di Squid Game, arrivasse il tanto atteso annuncio della seconda stagione da parte di Netflix? Naturalmente l'attore salirebbe subito a bordo e tornerebbe a interpretare il giocatore n° 456 all'istante. Tuttavia, Lee Jung-jae non ha idea di come la trama potrebbe proseguire in caso di rinnovo.

A questo punto non so nulla su come andrà a finire la storia, sui cambiamenti a cui andranno incontro i personaggi o se ce ne saranno di nuovi. Non so nulla, neppure se il ruolo di Gi-hun sarà ancora centrale o se, al contrario, verrà posto in secondo piano. Ma qualunque cosa accada, accetterò sicuramente di tornare.

Parole che non destano alcuna sorpresa, le sue, dal momento che l'interprete di Gi-hun è molto legato al personaggio, che ritiene sia ricco di sfaccettature. Quando lo conosciamo, ci viene presentato come un uomo di buon cuore e genuino, ma man mano che la storia procede, i giochi lo cambiano, perché nonostante cerchi sempre di dare una mano agli altri, in una competizione in cui o si uccide o si viene uccisi, anche Gi-hun deve lottare per la propria vita, e, quando necessario, è costretto a ingannare, tradire, e, in un certo senso, condannare a morte gli altri partecipanti.

E quando, nel finale, lo troviamo pronto a lottare purché quei giochi che l'hanno psicologicamente distrutto abbiano fine una volta per tutte, scopriamo che, nonostante tutto, il senso della giustizia e le premure nei confronti degli altri (siano essi amici d'infanzia o dei perfetti sconosciuti) sono ancora una parte fondamentale del suo carattere.

Un personaggio in continua evoluzione, quello di Gi-hun, che potrebbe subire ulteriori cambiamenti se e quando Squid Game verrà rinnovato per la stagione 2.

Leggi anche

      Cerca